Greenstyle Benessere Rimedi naturali Fondi di caffè: 7 curiosità che non puoi ignorare per utilizzarli nel modo corretto

Fondi di caffè: 7 curiosità che non puoi ignorare per utilizzarli nel modo corretto

Fondi di caffè: 7 curiosità che non puoi ignorare per utilizzarli nel modo corretto

I fondi di caffè sono quei chicchi macinati che avanzano dopo aver preparato la bevanda tramite la moka. Nonostante costituiscano a tutti gli effetti dei rifiuti organici, i fondi di caffè si prestano davvero a moltissimi utilizzi: possono essere riciclati e riutilizzati, ad esempio, come concime per le piante, ma anche nella beauty routine.

Ma per riciclarli in modo corretto, ci sono delle curiosità che non puoi ignorare: continua a leggere per scoprirle tutte e imparerai a riciclare i fondi del caffè senza commettere errori.

Cosa si può fare con il fondo del caffè?

I fondi del caffè sono utilizzati soprattutto come fertilizzanti per le piante. In più, sono utili per eliminare le incrostazioni di bruciato dalle pentole ed i cattivi odori e come rimedio per tingere i tessuti. In ambito beauty, i fondi del caffè possono essere utilizzati per preparare uno scrub per il corpo o una maschera per il viso.

Come utilizzare i fondi di caffè in giardino?

I fondi di caffè possono essere utilizzati come concime. Per prepararlo, basta riempire un paio di tazze e lasciarle in infusione con dell’acqua: la miscela che si ottiene può essere così utilizzata per innaffiare il terriccio. In alternativa, possiamo aggiungere i fondi del caffè una volta freddi nel terriccio, sia in vaso che direttamente a terra.

Quali piante si possono concimare coi fondi del caffè?

I fondi del caffè possono essere utilizzati per concimare azalee, camelie, ortensie, mimose, magnolie, betulle, calle, gigli, acero, basilico, zucchine, melanzane e, in generale, tutte quelle piante che necessitano di un terreno acido o leggermente acido.

Quali pianti non concimare con i fondi del caffè?

In generale, i fondi del caffè non sono adatti per terreni già acidi né per piante che non amano questa tipologia di terreno, come pomodori, broccoli, girasoli e ravanelli.

Come conservare i fondi del caffè?

I fondi del caffè devono essere essiccati per bene per evitare che si creino muffe. Per conservarli, basta inserirli una volta asciutti in un barattolo di vetro o in un contenitore di plastica.

Come asciugare i fondi di caffè?

Per asciugare i fondi di caffè, spargeteli su un foglio di carta forno o una teglia e metteteli in forno per circa mezz’ora, a 50 gradi.

Come tingere i tessuti con i fondi di caffè?

I fondi di caffè possono essere utilizzati anche per tingere i tessuti: basta scioglierli con un cucchiaio di sale in un litro di acqua e portare il tutto ad ebollizione. Basterà poi mettere nella pentola i capi da tingere e mescolare con un cucchiaio, preferibilmente di legno.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare