Greenstyle Cani Segugio Polacco

Segugio Polacco

Il Segugio Polacco è un cane molto presente in Polonia, ma poco diffuso in altri Paesi: standard, carattere e impieghi, leggi la scheda completa.

Segugio Polacco

Il Segugio Polacco (Gonczy Polski, nella lingua madre) è una razza canina che viene, chiaramente, dalla Polonia, riconosciuta e classificata dalla F.C.I. nel proprio Gruppo 6, quello dei segugi e cani per pista di sangue, per l’appunto.

Selezione e aspetto del Segugio Polacco

All’attuale aspetto del Segugio Polacco si è giunti dopo alcuni incroci fra i segugi autoctoni e i Bloodhoud, al quale assomiglia molto nell’aspetto, si tratta di cani molto diffusi in Polonia, mentre fuori da questi confini sono piuttosto rari.

Sono cani di taglia media dotati di un’ottima ossatura con una corporatura abbastanza massiccia, risulta essere un cane più resistente e potente che veloce.

In polacco, come detto, viene chiamato Gonczy Polski (bruciato) per i colori che caratterizzano il suo manto:

  • Corpo nero o grigio scuro;
  • Arti, regione dello sterno e cosce sono focati;
  • Testa e orecchie focati con le orecchie che tendono al fulvo, escluse le parti laterali del cranio.

Carattere e impieghi del Segugio Polacco

La doppia classificazione del Gruppo 6 trova un preciso riscontro negli impieghi ai quali, di solito, è destinato il Segugio Polacco che svolge, indifferentemente, sia l’attività nella caccia che nella ricerca.

Adeguatamente tenuto in forma è in grado di vivere per molti anni, il carattere equilibrato fa sì che si adatti tranquillamente alla vita familiare anche in casa, buon compagno di giochi per i bambini.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Parvovirosi nel cane: cause, sintomi, cure
Animali

La parvovirosi è una malattia infettiva e molto contagiosa del cane. Chiamata anche gastroenterite emorragica, colpisce soprattutto i cuccioli. Spesso il suo decorso è mortale. Il Parvovirus è molto resistente nell’ambiente. I sintomi sono quelli di una grave gastroenterite con vomito, diarrea emorragica, e disidratazione. Dopo aver fatto diagnosi differenziale col cimurro, si attua una cura sintomatica visto che non esiste una terapia specifica. Tuttavia esiste un vaccino.