Greenstyle Cani Alaskan Malamute

Alaskan Malamute

Alaskan Malamute

Fra le razze di cani nordici da slitta più conosciute, oltre al Siberian Husky, abbiamo di sicuro l’Alaskan Malamute. Cane imponente, dal mantello voluminoso, può non essere facile da gestire per chi ha poca esperienza con i cani. Andiamo a conoscere meglio questa razza dal carattere e dall’indole alquanto particolare.

Storia e origini

Alaskan Malamute testa

L’Alaskan Malamute fa parte del gruppo dei cani nordici, cani nati per trainare le slitte, ma non solo. In particolare il Malamute è stato selezionato in Alaska, anche se non si hanno prove certe della sua origine. Quello che si sa è che, in origine, veniva utilizzata anche come razza da caccia.

Il suo nome deriva dalla tribù dei Mahlemutes. Quando gli europei arrivarono in queste zone dell’Alaska, videro i cani Malamute e se ne innamorarono, utilizzandoli per trainare slitte e carichi pesanti, per trasportare le persone e anche per consegnare la posta. Come razza venne riconosciuta ufficialmente a livello mondiale nel 1935.

Aspetto e colore del mantello dell’Alaskan Malamute

Alaskan Malamute aspetto

L’Alaskan Malamute è la razza n. 243 della FCI. Originaria degli Stati Uniti, viene utilizzata come cane da slitta (anche se qui da noi la usiamo praticamente solo come cane da compagnia o da esposizione). Fa parte del Gruppo 5 – Cani di tipo Spitz e di tipo primitivo, Sezione 1 – Cani nordici da slitta (senza prova di lavoro).

Si presenta come un cane di taglia grande, mesomorfo e mesocefalo. È un cane possente, solido e forte, il cui corpo è ricoperto da un folto e voluminoso mantello. Ha un aspetto maestoso e potente.

Standard di razza dell’Alaskan Malamute

Questo è lo standard di razza Enci dell’Alaskan Malamute:

  • Testa: ampia, profonda, con cranio ampio e arrotondato fra le orecchie. Lo stop è poco profondo, il tartufo, le labbra e le rime palpebrali sono sempre neri (tranne che nei mantelli rossi dove è permesso il marrone). Accettata anche la striatura nota come “naso da neve”. Le mascelle devono avere una chiusura a forbice, le guance sono moderatamente piatte e gli occhi devono essere marroni e a mandorla. Le orecchie sono di media grandezza, piccole rispetto alla testa. Sono triangolari e lievemente arrotondate in punta. Quando erette puntano in avanti, ma quando il cane lavora possono essere portate piegate contro il cranio
  • Collo: forte e moderatamente arcuato
  • Corpo: compatto, con dorso dritto e discendente leggermente verso le anche, rene muscoloso, torace ben sviluppato
  • Coda: portata sopra il dorso quando non lavora, ma mai adagiata o arrotolata. Deve avere parecchio pelo
  • Arti: anteriori muscolosi con ossatura pesante, dritti, spalle lievemente oblique, metacarpi corti e forti, piedi alti e larghi, con cuscinetti imbottiti, spessi e duri, dita chiuse e arcuate, presenza di pelo protettivo fra le dita. I posteriori sono larghi, con coscia muscolosa, ginocchio moderatamente angolato, garretti ben discesi, piedi come gli anteriori. Indesiderati gli speroni sui posteriori
  • Andatura: potente, agile e con forte spinta. Trotto veloce

Colore del mantello dell’Alaskan Malamute

Il pelo di copertura deve essere fitto e ruvido, vietati i Malamute con pelo lungo o soffice. Il sottopelo è denso, può arrivare anche a 5 cm, molto oleoso e lanoso. Il pelo tende a essere più lungo su spalle, collo, lungo la schiena, sulla groppa, nelle culotte e sulla coda. Inoltre d’estate il pelo è più corto, mentre d’inverno è più lungo.

Come colori di mantello sono ammessi:

  • tutte le sfumature dal grigio chiaro al nero
  • tutte le sfumature dallo zibellino al rosso
  • unico monocolore ammesso è il bianco

In generale il bianco predomina sulle parti ventrali del corpo, su parte degli arti, piedi e parte della maschera del muso. Ammesse e gradite una stella bianca sulla fronte e/o un collare o una macchia sulla nuca. Il Malamute presenta la gualdrappa. Non è gradito, invece, il colore discontinuo che si estende sul corpo sotto forma di pezzature o macchie irregolari.

Taglia: altezza e peso

Come taglia, in realtà la razza presenta una certa variabilità naturale. Tuttavia quella ideale da traino a cui bisogna avvicinarsi maggiormente è:

  • maschi: altezza al garrese 63,5 cm, peso 38 kg
  • femmine: altezza al garrese: 58,5 cm, peso 34 kg

Difetti

Qualsiasi deviazione dallo standard, viene considerata un difetto. Negli Alaskan Malamute, in particolare, bisogna dare sempre la priorità al fatto che siano cani da slitta per trasporti pesanti: tutti i difetti devono essere valutati pensando a come essi possano influenzare la capacità del soggetto di lavorare.

Sono considerati difetti da squalifica:

  • cani aggressivi o troppo timidi
  • qualsiasi evidente anomalia fisica o comportamentale
  • occhi blu

Carattere dell’Alaskan Malamute

Alaskan Malamute montagna

L’Alaskan Malamute viene descritto come un cane amichevole e affettuoso. È leale, sempre disposto a giocare da cucciolo, maggiormente dignitoso da adulto. È una razza intelligente, in mani consapevoli è discretamente addestrabile.

Tuttavia il problema è proprio questo, spesso il Malamute viene preso per il suo aspetto da persone inesperte, dimenticandosi del suo carattere di base, della sua indole da lavoratore e della sua stazza da adulto. In mani non consapevoli ecco che ci si ritrova spesso con proprietari che non riescono a impartire ordini al proprio pet, o fare le normali manovre di toelettatura.

Come cane è intelligente, ma ha bisogno di trovare una figura coerente e dominante in casa, altrimenti farà di testa propria. Inoltre non dimenticarti che nasce come un cane da lavoro: ha bisogno di fare qualcosa durante il giorno, sia inteso come attività mentale che come attività fisica. Il giretto da 5 minuti intorno a casa non fa per il Malamute.

Come temperamento questa razza è forte e coraggiosa, in quanto è stata selezionata per vivere in ambienti difficili. Ma questo in mani poco esperte può rivelarsi un’arma a doppio taglio. È un cane a cui non puoi ordinare di fare qualcosa, non farà mai cose per cui viene obbligato. Deve essere convinto e per farlo è necessario che ti rispetti e abbia fiducia in te. Se non li ha, non riuscirai mai a fargli fare ciò che non vuole.

È inoltre nato per vivere in muta, tende a convivere con gli altri cani, anche se in caso di contemporanea presenza di più soggetti dominanti potrebbero svilupparsi lotte gerarchiche non da poco. È curioso e poco territoriale, quindi tende a non fare la guardia (anche se fa molta scena). Ideale come cane per fare trekking o escursioni.

A chi è adatto?

L’Alaskan Malamute non è un cane adatto ai neofiti e a chi ha poca esperienza con cani dal simile temperamento (e invece puntualmente viene preso proprio da queste persone, con l’ovvio sviluppo poi di cani adulti ingestibili).

Poco adatto anche a chi ha poco tempo da trascorrere insieme al proprio cane, è ideale per chi vuole fare attività fisica insieme al proprio amico a quattro zampe. Sconsigliato dunque per gli adepti di Netflix e del divano.

Il pelo anche richiede una certa manutenzione quotidiana, per cui metti in conto anche questo quando prendi un cane di questa razza. E ricordati che non è un cane da guardia.

Alimentazione, salute e malattie

L’alimentazione dell’Alaskan Malamute non differisce da quella di altri cani di razza o meticci di taglia grande. Nel caso tu scelga un’alimentazione commerciale (crocchette e/o scatolette) o un’alimentazione casalinga (mai avanzi della tavola), chiedi sempre consiglio al tuo veterinario.

Essendo una razza di taglia grande, è soggetta alla dilatazione/torsione dello stomaco. Per ridurre i fattori di rischio, suddividi sempre la razione giornaliera in almeno due pasti, non fornire cibo subito prima e subito dopo un’intensa attività fisica, non fargli bere velocemente grosse quantità di acqua, mai fredda e non fornire cibo fermentescibile.

Come i Siberian Husky e tutte le razze nordiche, anche l’Alaskan Malamute può soffrire di una forma congenita di dermatosi da carenza di zinco: chiedi al tuo veterinario come e quando integrarlo nella sua dieta.

Malattie

Oltre alle classiche malattie che tutti i cani possono sviluppare indipendentemente dalla razza o dalla taglia, nell’Alaskan Malamute vediamo spesso patologie come:

  • displasia dell’anca
  • displasia del gomito
  • condrodisplasia
  • polineuropatia idiopatica
  • cecità diurna
  • cataratta
  • complesso della dilatazione/torsione dello stomaco
  • dermatosi da carenza di zinco
  • displasia follicolare
  • ipotiroidismo
  • diabete mellito
  • dermatiti e otiti (anche da atopia e allergia)
  • sindrome uveodermatologica
  • epilessia
  • tumori

Dove trovare un Alaskan Malamute

Puoi trovare cuccioli di Alaskan Malamute in vendita presso allevamenti professionali, allevamenti amatoriali e privati che fanno cucciolate. È una razza che ha una buona diffusione qui da noi, quindi non farai fatica a trovare un allevamenti nella tua regione.

L’alternativa è quella di provare a vedere se nei canili o nei rifugi ci siano cani di razza abbandonati o meticci che assomigliano a questa razza. O ancora, prova presso le Rescue che si occupano del recupero di questa specifica razza canina.

Se deciderai di prendere un cucciolo seguendo un annuncio online, ricordati di scegliere sempre siti sicuri e affidabili.

Ricorda, poi, che per la legge italiana nessun cane può essere venduto, ceduto o regalato se sprovvisto di microchip. Il chip deve essere applicato entro i due mesi di vita del cucciolo a nome del proprietario della fattrice, il quale provvede poi a effettuare il passaggio di proprietà a nome del nuovo proprietario.

Quanto costa un cucciolo di Alaskan Malamute

Alaskan Malamute cucciolo

Il costo di un cucciolo di Alaskan Malamute varia dagli 800-900 euro, ma arriva anche a 1.300-1.500 euro. Tuttavia il prezzo può essere maggiore in caso di linee di sangue o genealogie particolari. Diffida sempre di cani venduti a prezzi troppo bassi.

Per essere sicuro che quel cane sia davvero un Alaskan Malamute e non un meticcio che gli assomiglia, devi sempre esigere il Pedigree. Ricordati che per la legge italiana non può essere venduto e definito di razza nessun cane che non abbia il Pedigree.

I cani sprovvisti di Pedigree possono essere venduti, ma non come cani di razza, bensì come cani che fenotipicamente assomigliano a quella razza, ma che non possono essere definiti di razza in quanto privi di Pedigree (in pratica i cani senza Pedigree per legge sono dei meticci). Il che vuol anche dire che questi cani andrebbero venduti a prezzo inferiore.

Curiosità

Ecco qualche piccola curiosità sull’Alaskan Malamute:

  • La struttura fisica dell’Alaskan Malamute rimanda a quella primigenia del lupo
  • Esiste l’Alaskan Malamute gigante? Non proprio. Nel senso che lo standard specifica che questa razza ha una naturale varietà di taglie, quindi alcuni soggetti sono più grandi di altri, fornendo poi un valore ideale per i cani da slitta, valore a cui i soggetti in mostra è preferibile che si avvicinino
  • L’Alaskan Malamute non è un cane molto longevo: la durata di vita media è di 10-12 anni
  • Siberian Husky e Alaskan Malamute sono due razze diverse: ci sono parecchie differenze fra di loro. Il fatto è che molti pensano che l’Husky sia la varietà più piccola e a pelo corto del Malamute, ma non è così. Il Siberian Husky arriva dalla Siberia, mentre il Malamute dall’Alaska. Pur essendo entrambi cani da slitta, il Malamute presenta un corpo più pesante e massiccio perché era deputato a trascinare pesanti carichi, mentre l’Husky è più smilzo, agile e veloce in quanto doveva solamente trasportare le persone. Altra grossa differenza sono gli occhi: il Malamute ha gli occhi marroni, mentre l’Husky azzurri o anche con eterocromia
  • I Metalupi di Game of Thrones non sono stati interpretati da Alaskan Malamute, come erroneamente si pensa: sono stati interpretati dalla razza Northern Inuit, di recente creazione e non accettata dalla FCI. Solo che la popolarità della serie all’epoca fece sì che parecchie persone presero Siberian Husky e Malamute sull’onda dell’euforia di “Anche io ho un Metalupo!”. Peccato però che molti di questi cani vennero abbandonati o lasciati in canile subito dopo quando ci si rese conto che educare un Alaskan Malamute può non essere la cosa più facile di questo mondo

Perché prendere un Alaskan Malamute?

L’Alaskan Malamute è un perfetto cane da compagnia, a patto però di essere gestito da mani sicure e consapevoli (se non è questo il tuo caso o non ti senti all’altezza, meglio optare per altre razze dall’indole più accomodante o mansueta).

Ha bisogno di fare parecchia attività fisica, oltre che essere consigliabile il fatto di coinvolgerlo nella vita quotidiana e di dargli qualche compito o lavoro da fare. Nasce infatti per essere un cane da lavoro, quindi non lo si può lasciare a poltrire tutto il giorno sul divano.

L’educazione o addestramento di un Alaskan Malamute potrebbero non essere così semplici come per altre razze: se in difficoltà, contatta magari un educatore cinofilo.

Seguici anche sui canali social