Barrette proteiche senza zucchero: ricetta

Barrette proteiche senza zucchero: ricetta

Fonte immagine: Pixabay

Come preparare in casa delle ottime barrette proteiche prive di zuccheri ma ricche di vitamine e fibre: ricette e consigli.

Perfette come snack veloce da consumare a casa, a scuola o sul lavoro, le barrette proteiche rappresentano una soluzione comoda e efficace per assumere una quantità ottimale di proteine lontano dai pasti principali, facendo il pieno di energia senza appesantirsi anche dopo l’attività fisica. Le barrette proteiche senza zucchero, nello specifico, sono particolarmente indicate sia per coloro che devono limitare l’assunzione di zuccheri per motivi legati alla salute sia per chi, più semplicemente, sta cercando di perdere peso o di tenersi in forma tagliando le calorie.

In commercio è possibile trovare una vasta scelta di barrette proteiche, spesso contenenti elevate dosi di zuccheri aggiunti che oltre a rendere più gradevole il sapore di questi snack possono incrementarne notevolmente l’apporto calorico. Per ovviare a questo rischio, ma anche per poter selezionare e dosare personalmente gli ingredienti, è preferibile preparare comodamente a casa le barrette proteiche limitando l’aggiunta di zucchero o rinunciando totalmente a questo componente. Le ricette da sperimentare sono numerose, tuttavia l’apporto nutritivo di base non cambia: oltre alle proteine devono essere presenti una buona dose di vitamine, sali minerali e possibilmente fibre. Qui di seguito proponiamo due combinazioni differenti che possono andare incontro ai gusti più disparati.

Cereali e frutta secca

Una delle ricette più semplici da preparare prevede la preparazione delle barrette proteiche con avena, mirtilli e frutta secca. Occorrono:

  • avena in fiocchi;
  • farro integrale soffiato;
  • mirtilli secchi;
  • semi di zucca;
  • noci o mandorle;
  • acqua.

Per prima cosa si devono collocare i cereali e i semi di zucca in una ciotola, coprendoli con dell’acqua e lasciandoli riposare per circa sessanta minuti. A questo punto si uniscono gli altri componenti, come i mirtilli e la frutta secca tritata in modo grossolano. Dopo aver mescolato bene, si versa il composto in una teglia foderata con della carta da forno livellandolo in modo regolare e cuocendo in forno per mezzora a 160 gradi. Prima di tagliare le barrette è necessario lasciar raffreddare il composto.

Cereali e cacao

Cioccolato fondente

Chi non vuole rinunciare a concedersi uno snack al cacao può cimentarsi nella preparazione delle barrette a base di avena, farro e cioccolato fondente. Occorre avere a disposizione:

  • cioccolato amaro extra fondente;
  • riso soffiato;
  • avena in fiocchi;
  • cocco grattugiato;
  • uvetta;
  • mandorle o nocciole.

Si deve sciogliere il cioccolato fondente a bagnomaria e successivamente aggiungere la frutta secca tritata grossolanamente, l’uvetta e il cocco grattugiato. Dopo aver amalgamato bene gli ingredienti, si versa il composto in una teglia compattando i bordi e la superficie, facendo solidificare il tutto in frigorifero per un paio di ore prima di procedere con il taglio.

Conservazione

Le barrette proteiche fatte in casa sono prive di zuccheri e anche di conservanti, pertanto devono essere consumate entro un lasso di tempo abbastanza breve: è possibile conservarle in frigorifero anche per tre o quattro giorni, prelevando la porzione quotidiana che deve essere dosata a seconda delle singole necessità. Un ultimo consiglio: per aromatizzare le barrette è possibile aggiungere agli impasti cannella in polvere o estratto di vaniglia.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

CrossFit a casa: nona lezione