Arriva a Roma Too Good To Go, l’app che combatte gli sprechi alimentari

Arriva a Roma Too Good To Go, l’app che combatte gli sprechi alimentari

Fonte immagine: Press Play

Nella Capitale approda Too Good To Go, l'applicazione che permette ai ristoratori di mettere in vendita a prezzi ridotti il cibo invenduto a fine giornata.

Meno sprechi e più rispetto per il cibo e l’ambiente anche a Roma: è sbarcata ufficialmente nella Capitale Too Good To Go, l’app che combatte gli sprechi alimentari permettendo ai ristoratori di mettere in vendita a prezzi ridotti il cibo invenduto a fine giornata. “Too Good To Go sta portando la sostenibilità e l’economia circolare sulle tavole degli italiani e adesso anche a Roma sarà possibile ridurre lo spreco alimentare in maniera semplice ed efficace”, ha spiegato Eugenio Sapora, Country Manager Italia di Too Good To Go, presentando l’app nel corso della conferenza stampa che si è tenuta ad Eataly Roma.

Ad aderire all’iniziativa a Roma ci sono, tra gli altri, i box di Mercato Testaccio, lo storico Gianfornaio, ma anche i supermercati di Carrefour ed Eataly, fino alle golosità giapponesi di Sushi Daily e Sushi Shop o la pizza a taglio di Alice Pizza. In totale, sul territorio romano sono già 200 gli store aderenti.

“Siamo stati negli anni tra i primi a tentare di contrastare lo spreco alimentare. Too Good To Go è sicuramente in sintonia con il percorso di Eataly, non solo in vista della lotta dello spreco alimentare ma soprattutto nel percorso collegato alla sostenibilità e alla riduzione dei rifiuti”, ha sottolineato Michela Blengetti, CSR manager di Eataly. 

Carrefour aderisce all’iniziativa su Roma con 25 negozi “perché la lotta agli sprechi, in generale, è diventata fondamentale”, ha aggiunto Alfio Fontana, Responsabile Corporate Social Responsibility di Carrefour Italia. “La FAO continua a ricordarci che più di 1/3 della produzione di cibo diventa rifiuto. La collaborazione permette una lotta allo spreco alimentare innovativa e giovanile. Siamo convinti che questa è la strada giusta da percorrere anche perché l’Agenda 2030 delle Nazioni Unite chiede nel target 12.3. la riduzione del 50% dello spreco pro capite”.

Too Good To Go
Too Good To Go

Nata in Danimarca, Too Good To Go, nasce con l’idea di dare una risposta parziale al problema dello spreco alimentare. Ispirando le persone e dando l’opportunità a tutti di diventare Waste Warrior. Ciò che la rende fruibile e popolare è l’utilizzo dello smartphone.

Si tratta infatti di un’applicazione attraverso la quale, ristoratori e commercianti iscritti mettono in vendita ai consumatori le Magic Box”: delle bag contenenti una selezione di prodotti a sorpresa, rimasti invenduti a fine giornata e che non possono essere rimessi in vendita il giorno successivo. La disponibilità di queste viene indicata con un colore diverso da ogni commerciante e geolocalizzata sulla mappa dell’app: verde per indicare un’ampia disponibilità, gialla limitata e rossa per indicare un esaurimento di Magic Box. Una volta effettuato il pagamento online, basterà recarsi al negozio nella fascia oraria specificata e scoprire cosa mangiare per cena! Non si tratta solo di un’app ma di un movement che coinvolge marketplace, cittadini, aziende, politica e istruzione.

L’app ha raggiunto oltre 230.000 utenti in soli sei mesi dal suo lancio in Italia. Ad oggi Too Good To Go è presente in 13 Paesi d’Europa con oltre 14 milioni di utenti, occupando i primi posti negli App Store e Google Play. Too Good to Go è già attiva a Milano, Torino, Bologna, Genova, Firenze e Verona, e ha permesso di salvare già 70.000 pasti, da marzo ad oggi, con una partecipazione di oltre 1000 commercianti in tutto il territorio nazionale.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Igienizzante mani fatto in casa