Il gatto comunica, spesso lo fa con le zampe e con le fusa, il più delle volte con miagolii di vario genere e intensità. Ma anche con la coda, il cui movimento è il segnale primario per stabilire il suo stato d’animo. Un coda in movimento costante, agitata con stizza e nervosismo, prelude a un momento di tensione che potrebbe concludersi con un verso di avvertimento: il soffio.

>>Impara a gestire un gatto ansioso

Il gatto soffia, a volte sputa, sbuffa con rabbia e tensione quello che è il suo stato d’animo. È un modo d’agire che ricorda il sibilo del serpente, al quale in parte il gatto si ispira anche con la danza della coda. Questo è il suo modo di ringhiare ed è bene tenersi a distanza, perché il gatto sta avvisando chi è nei paraggi che non si sente sicuro. Anzi avverte un pericolo, un momento di angoscia e stress e questo è il suo messaggio. È bene ascoltare queste sue parole criptate, perché il soffio è il preludio all’attacco. Da piccola pantera predatrice in miniatura qual è non esiterà, se minacciato, a scagliarsi contro il nemico.

>>Leggi perché il gatto fa le fusa

Solitamente questo comportamento aumenta in presenza di soggetti più grandi di lui fisicamente, come un uomo oppure un cane o un bambino. Il suo messaggio si completerà con una schiena del tutto arcuata, con pelo dritto e la coda in movimento nervoso. Ovviamente seguirà una fase di soffi progressivi che, come anticipato, nel caso di una reale minaccia porteranno all’attacco. Non sempre ciò accadrà, perché la minaccia dovrà rivelarsi reale e definitiva.

>>Guarda la zuffa tra gatti a Downing Street

Ma anche il più temerario dei cani desisterà davanti alla probabilità di un muso segnato da una sequenza di graffi. Lo stesso discorso vale per l’uomo che rinuncerà a disturbare l’animale, permettendogli di allontanarsi per ricercare la calma e la serenità. Ciò solitamente equivale a nascondersi per qualche tempo, il necessario a scongiurare l’attacco e lo scontro, e non per paura ma piuttosto per spirito di sopravvivenza.

8 aprile 2013
Fonte:
I vostri commenti
Viola Yael, martedì 8 agosto 2017 alle10:35 ha scritto: rispondi »

Ciao Stella, se puoi tienili in stanze separate e chiedi qualche consiglio a un vero esperto: il veterinario di fiducia! Tienici aggiornati

Noemi, venerdì 21 luglio 2017 alle9:19 ha scritto: rispondi »

Ragazze come è andata? Ditemi bene! L'altro ieri ho preso 2 gattine...e la gatta di casa di un anno gli soffia! Speriamo diventino amiche!

Simona, venerdì 14 luglio 2017 alle8:01 ha scritto: rispondi »

Ciao a tutti io da poco ho dovuto prendermi cura della gattina (1anno) di mia suocera in fin di vita visto che io però ho 2 cani anziani (14,12 anni) e una gatta di 3 anni volevo sapere come fare che vanno da cordo i 4 animali senza che si feriscono

Michela , martedì 7 luglio 2015 alle23:29 ha scritto: rispondi »

È ora come va? Dimmi meglio ti prego ! Appena preso una gattina ne ho già un altra e litigano.. E soffiano spero anche io facciano amicizia...

Stella , mercoledì 13 maggio 2015 alle12:11 ha scritto: rispondi »

Ciao. da poco ho adottato una gattino. Ho già 2 gatti e una gatta a casa. I tre gatti si sono messi a soffiare appena è arrivata la piccolina. certo è solo da una settimana ché è arrivata da noi, pero i tre si sono allontanati dagli spazi dove alloggia la nuova arrivata gattina. I tre ancora la rifiutano e li soffiano al viso...spero che prima o poi sarano amici.

Lascia un commento