Il gatto ama dormire: è una legge conosciuta da tutti i proprietari di un felino. Il micio di casa ama sonnecchiare per ore e ore in posti comodi e tranquilli, raggiungendo anche le 15-20 ore di relax. Non è un’anomalia ma un comportamento legato all’istinto del nostro amico, che predilige le ore notturne per diventare operativo.

Come tutti i carnivori, il gatto possiede un istinto predatore, che si attiva dal tramonto all’alba. Una predisposizione che non perde nonostante la vita casalinga. Quindi i suoi sensori e le sue attività prenderanno vita a fine giornata, riposando per il resto delle ore diurne.

Questo tipo di scelta lo collega all’istinto primordiale dei cugini felini, come il leone e il ghepardo, soliti cacciare di notte. L’energia per procacciarsi il cibo dovrà essere molta, quindi il riposo è contemplato come momento di ricarica. Anche se, nonostante questa necessità, durante il sonno il micio mantiene in allerta l’istinto ed i sensi.

Il suo è più un sonnecchiare che un sonno profondo e la posizione è sempre favorevole alla necessità di uno scatto improvviso. Ovviamente la necessità di riposo aumenterà in proporzione all’avanzare dell’età del gatto, oppure in presenza di un cucciolo di poche settimane. E anche il tempo agirà sulla durata del riposo, proprio come noi una giornata uggiosa predisporrà al sonno. Quindi non allarmatevi, perchè giunto il tramonto il vostro amato felino ritornerà operativo per giocare e farsi coccolare.

26 settembre 2012
Lascia un commento