Jumping fitness: proprietà ed esercizi

Il Jumping Fitness è tra le novità degli ultimi anni per quanto riguarda il mantenersi o tornare in forma. Si tratta di un’attività che punta sul divertimento e sul lavoro aerobico per ottimizzare i risultati di un buon allenamento cardio. A volte viene anche definito “Rebounding”, letteralmente rimbalzare.

Praticare il Jumping Fitness è possibile avendo a disposizione un tappeto elastico appositamente realizzato, con il quale eseguire gli esercizi previsti. All’interno delle palestre è un’attività svolta in lezioni di gruppo, gestite a tempo di musica da un istruttore. Tuttavia è un’attività che potrebbe essere svolta anche in casa, pur prestando tutte le attenzioni del caso.

=> Scopri quali sono gli esercizi Pilates per gli addominali

 

Gli attrezzi utilizzati durante gli esercizi di Jumping Fitness sono davvero pochi, mentre l’unico indispensabile è il tappeto elastico. La struttura è semplice, ovvero un telaio (nella maggior parte dei casi in acciaio) e un sistema di molle che supporta un telo realizzato in materiale plastico o PVC.

Occorre assicurarsi che sia presente un’imbottitura sulla struttura metallica per evitare incidenti in caso di eventuali cadute accidentali o perdite di equilibrio. I modelli più costosi sono dotati anche di un’asta verticale munita di manubrio che funge da supporto durante gli esercizi più complessi.

Jumping Fitness

Jumping Fitness / iStock

Jumping Fitness: esercizi

Gli esercizi che possono essere eseguiti durante una sessione di Jumping Fitness comprendono diversi movimenti, dal più semplice saltello a piedi uniti fino ad arrivare al salto sul posto con rotazione in senso orario o antiorario. Vengono realizzate combinazioni di salti veloci e lenti, variandone l’intensità e l’altezza a seconda del tipo di allenamento richiesto.

=> Scopri le differenze tra Yoga e Pilates

Ad accompagnare i salti e i movimenti con le gambe possono essere anche dei momenti di semplice “molleggiamento” o degli esercizi finalizzati al lavoro di spalle, braccia, petto e schiena, alcuni dei quali da eseguire aiutandosi con delle bande elastiche.

Dieta

Dieta / Pixabay

Benefici del Jumping Fitness

I benefici che si possono ottenere da un allenamento di Jumping Fitness sono molteplici, legati all’attività cardio e al lavoro aerobico a cui è sottoposto il corpo durante l’esecuzione. Buono anche l’effetto per quanto riguarda il consumo calorico, che si attesta tra le 450 e le 800 calorie bruciate nell’arco di 40-60 minuti di lezione.

Praticare il Jumping Fitness è associato inoltre a una più efficace lotta alla cellulite, in quanto tale allenamento favorisce l’eliminazione delle tossine, un migliore drenaggio dei liquidi tissutali, la formazione di nuovi vasi e la ramificazione capillare, incrementando infine il metabolismo basale.

Un po’ come accade in chi pratica la corsa, con minori ripercussioni per quanto riguarda l’impatto a terra e i possibili microtraumi a schiena e ginocchia. Il continuo “saltellare” agisce inoltre a beneficio del sistema linfatico, che risulta più in salute così come il cuore e l’apparato circolatorio. Una stimolazione costante e regolare come quella offerta dal Jumping Fitness è stata inoltre collegata a un processo di rimineralizzazione delle ossa.

30 gennaio 2018
Immagini:
Lascia un commento