I social network sono sempre più il luogo prediletto per parlare di cani e gatti. E a dominare questa Rete a quattro zampe è nientemeno che Facebook, il social network più popolato al mondo. Secondo un’indagine della testata Quartz, dei quasi 1.000 milioni di profili Facebook almeno 100 milioni riguardano “utenti” non umani: personaggi di fantasia, fumetti, oggetti ma in larga misura cani e gatti.

>>Scopri Spangles, il gatto strabico di Facebook

L’inchiesta originale vuole ovviamente indagare la portata tecnologica di certi numeri sciorinati sui social, soprattutto quando una fetta così grande di utenti attivi in realtà non corrisponde a un’identità umana. Ai fini della nostra trattazione, però, interessa ben altro: quanto la Rete sia un veicolo per rinnovare l’amore verso gli animali domestici, sensibilizzare allla loro cura e “umanizzare” i loro comportamenti.

Il fatto che i social network fossero il tempio di cani e gatti non è di certo una novità: da tempo è noto come i gatti siano davvero gli imperatori di Internet – tra meme, video virali e boom su Instagram – mentre sempre più cani si ritagliano il loro spazio di popolarità. Così, oltre alla normale “Pagina” dove narrare le gesta del proprio amico a quattro zampe, sempre più padroni decidono di dotarlo di profilo e di far interagire direttamente l’animale con il pubblico. Ovviamente né Fido né Micio possono digitare frasi di senso con le loro zampette, quindi ne sono i proprietari a farne le veci: l’animale parla ai contatti in prima persona, interagisce nelle chat e – questo ultimo fenomeno del Web – è addirittura in grado di pubblicare delle “selfies“, ovvero degli autoscatti con il telefonino. Una mania del tutto recente: riprendere il gatto o il cane di casa come se lo smartphone lo tenesse lui stesso con le zampe.

>>Scopri i gatti di Instagram

Insomma, non saranno utenti reali in senso stretto, non ne sarà corretto il conteggio per rimpolpare le fila della statistica del social di Mark Zuckerberg, ma non è affatto detto che questi profili canini e felini siano da denigrare. Alla base vi è l’estremo amore dei proprietari, che ringraziano così cani e gatti della loro presenza continua e fedele. E sempre più spesso questi profili fungono da veicolo per la sensibilizzazione, soprattutto quando riguardano esemplari affetti da disabilità o salvati da un terribile abbandono. In definitiva, qualsiasi polemica sulle cifre ne emerga, lunga vita a cani e gatti sul Web.

20 maggio 2013
Fonte:
I vostri commenti
Rosa, domenica 3 luglio 2016 alle17:12 ha scritto: rispondi »

Io mio gatto è sparito da quattro giorni , lui è assistito , lo porto dal veterinario, è molto affezionato a me , ama stare a casa, e gli dò la liberatà di stare nel giardino e girare il vicinato. Dicono che è in calore ma io sono preoccupatissima anzi, disperata, forse è finito sotto una macchina! so che al guinzaglio dei cani si mette il cerca animale Tile un app per rintracciare il cane, ma è un aggeggio troppo grande da mettere al collare di un gatto. Che ci sia un generale consenso per richiedere la creazione un picccolo dispositivo da agganciare al collare del gatto e rintracciarlo e sapere su un navigatore dov'è finito il proprio gatto.

Lascia un commento