Greenstyle Ambiente Animali Tosse dei canili: cause, sintomi, cure

Tosse dei canili: cause, sintomi, cure

Quando si parla di tosse dei canili dei cani, si intende il complesso delle malattie infettive respiratorie canine. È una malattia multifattoriale che coinvolge diversi agenti eziologici, il che spiega perché anche la durata della malattia e la gravità dei sintomi sia molto diversa da soggetto a soggetto. La tosse secca è il sintomo principale, mentre la terapia prevede diverse combinazioni di farmaci a seconda della gravità dei sintomi.

Tosse dei canili: cause, sintomi, cure

Con il termine colloquiale e nazional popolare di tosse dei canili si intende il complesso delle malattie infettive respiratorie del cane, quello noto con l’acronimo CIRDC. Si tratta in realtà di una sindrome che è provocata da diversi agenti eziologici, fra l’altro anche variamente combinati fra di loro.

Forse potresti averla sentita chiamare anche tracheobronchite infettiva canina. Il nome di tosse dei canili, invece, dipende dal fatto che si manifesta soprattutto dove ci sono alte concentrazioni di cani come i canili, i rifugi, gli allevamenti o le aree cani. Tuttavia il tuo cane potrebbe contrarla anche se incontra accidentalmente per strada un cane malato o portatore.

Cause della tosse dei canili

La tosse dei canili è una sindrome multifattoriale in quanto può essere scatenata da diversi agenti eziologici. Fra i virus e i batteri maggiormente coinvolti abbiamo:

  • adenovirus canino 2 o CAdV-2
  • parainfluenza canina o CPIV: è fra i virus maggiormente presenti in corso di tosse dei canili. È un virus a RNA a filamento singolo. La tosse secca è definita a “a clacson”: è autolimitante e ha una sonorità molto alta. Se è l’unico virus presente, i sintomi guarisono in 1-2 settimane, ma se si presenta insieme alla Bordetella o ad altri virus, allora il quadro è più grave
  • Bordetella bronchiseptica: batterio Gram-, è lui che provoca la maggior parte dei casi gravi. Questo coccobacillo aerobio può infettare sia cani che gatti. I sintomi variano da una leggera tosse secca a una polmonite mortale
  • herspevirus canino 1 o CaHV-1
  • adenovirus canino 1 o CAdV-1
  • cimurro o CDV

Inoltre recentemente sono stati segnalati anche casi di tosse dei canili causati da:

  • coronavirus respiratorio canino o CRCoV: virus a RNA con envelope. Da solo provoca lievi segni clinici con tosse, starnuti e scolo oculare. Anche lui, se associato ad altri patogeni, causa sindromi più severe
  • Mycoplasma cynos e Mycoplasma canis: si tratta di patogeni commensali, normalmente presenti anche nelle vie aeree superiori di cani sani. Tuttavia, talvolta, possono scatenare forme di bronchite purulenta. Sono soprattutto i cuccioli ad essere sensibili a questo microrganismo
  • Streptococcus equi subsp. zooepidemicus

La combinazione più frequente è quella fra Bordetella bronchiseptica, virus della parainfluenza canina e coronavirus respiratorio canino.

Come disinfettare l’ambiente in caso di Tosse dei canili?

Visto che la tosse dei canili può essere scatenata da diversi virus e batteri, è importante disinfettare e pulire l’ambiente con i più comuni disinfettanti e detergenti come la candeggina.

Modalità di trasmissione della Tosse dei canili

La trasmissione avviene solitamente per contatto diretto con un animale malato, soprattutto grazie alle secrezioni emesse con starnuti e tosse. Il contagio avviene dunque per via aerea. Più la concentrazione delle secrezioni nell’ambiente è alta, più aumentano i rischi di trasmissione.

Sintomi della Tosse dei canili nel cane

Tosse dei canili, cani

Come periodo di incubazione, la tosse dei canili varia a seconda degli agenti patogeni scatenanti. In media è di una settimana, ma in alcuni casi va dai 3 ai 10 giorni. Può colpire cani di qualsiasi età e sesso. I sintomi durano 1-3 settimane. Come malattia tende a manifestarsi soprattutto durante i cambi di stagione e quando fa più freddo.

I sintomi della tosse dei canili sono:

  • tosse secca anche parossistica che spesso esitano in conati di vomito. Molti proprietari scambiano il sintomo della tosse per vomito, cosa che accade anche in caso di tosse nel gatto e che è peggiorata dall’esercizio fisico o dal continuo strattonamento del collo sul collare
  • scolo oculo-nasale
  • edema laringeo con tosse acuta e più rauca

Diagnosi del complesso delle malattie infettive respiratorie canine

La diagnosi si basa sui sintomi, ma per avere la certezza bisognerebbe effettuare esami colturali con tamponi nasali e faringei, ma occhio che molti dei patogeni sono commensali e possono trovarsi anche in animali sani. Le radiografie servono a poco. La soluzione migliore sarebbe effettuare una PCR.

Come si cura la tosse dei canili? Cenni di terapia

La terapia della tosse dei canili prevede associazioni di diversi farmaci, fra cui antibiotici, antinfiammatori come i cortisonici e i FANS, antitussigeni e broncodilatatori. Starà al tuo veterinario prescriverti la combinazione migliore, anche valutando la gravità della tosse.

Forme lievi potrebbero anche guarire da sole o passare tramite rimedi e cure naturali, anche sciroppi lenitivi per la faringe si possono rivelare utili, ma non tutti quelli per uso umano possono essere usati in sicurezza nel cane, quindi evita il fai-da-te e chiedi sempre al tuo veterinario.

Ma il problema è che non si sa mai a priori se ci saranno sovrinfezioni secondarie o aggravamenti, motivo per cui di solito si opta per la doppia terapia antibiotica e antinfiammatoria sin da subito.

Come sempre, meglio prevenire. Esiste un vaccino, ma non copre per tutti i patogeni coinvolti nella tosse dei canili. Mentre l’adenovirus e il cimurro sono solitamente compresi nei classici vaccini eptavalenti dei cani, la parainfluenza e la Bordetella sono a parte.

Anche vaccinando i cani, è bene ricordare che il cane non è protetto al 100%. Prima di tutti ci sono parecchi microrganismi responsabili che non sono coperti dal vaccino. Inoltre ceppi più virulenti, stress, altre malattie o immunodepressione potrebbero ridurre l’efficacia del vaccino.

La tosse dei canili del cane è contagiosa per l’uomo?

tracheobronchite infettiva felina

La tosse dei canili è contagiosa per l’uomo? Sì e no. Non tutti i patogeni coinvolti, infatti, rappresentano una zoonosi. Tuttavia la Bordetella bronchiseptica, potenzialmente è stata segnalata come fonte di infezioni respiratorie anche nell’uomo. Tuttavia è bene precisare che non è molto comune l’infezione, altrimenti considerati tutti i cani con tosse dei canili, saremmo perennemente ammalati.

I casi in umana di Bordetella bronchiseptica, infatti, erano collegati a pazienti gravemente immunodepressi, ad abuso di acolici, a tumori, a terapie cortisoniche di lunga data, trapianti, HIV, dialisi, gravidanza e pazienti senza milza.

 

Fonti

  1. AVMA
  2. Merck Animal Hearth
  3. Pubmed
  4. Vetpedia

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Sangue nelle feci del cane: quando preoccuparsi?
Animali

Molti proprietari si chiedono quando preoccuparsi per la presenza di sangue nelle feci del cane. Diciamo che molto dipende dal tipo di sangue, dalla quantità, da quanto tempo è presente il sangue e da anche come sta il cane in generale. Questo perché le cause possono essere diverse, anche come gravità