Gatto e tosse: sintomi, cause e cure

Gatto e tosse: sintomi, cause e cure

Fonte immagine: Pixabay

La tosse può colpire anche i gatti e si mostra come il segnale di una serie di problematiche nascoste, agire subito è importante per il suo benessere.

La tosse può colpire anche il gatto, mostrandosi come reazione a una serie di patologie o malattie, ad esempio come necessità fisica per eliminare un elemento di disturbo quali muco, peli o corpi estranei. Captare i sintomi per tempo è molto importante, come comprendere la causa che produce la tosse nel nostro amico del cuore: una tempestività importante per mantenere il suo benessere inalterato. Come sempre, è indispensabile rivolgere domande e quesiti al veterinario di fiducia, che potrà visitare l’amico così da formulare la diagnosi più adeguate e la cura migliore.

Tosse: i sintomi

Per comprendere le condizioni di salute del gatto legate alla tosse, è indispensabile valutare i sintomi maggiormente ricorrenti, in particolare se vi siano ostacoli all’interno delle vie respiratorie o se nascondano patologie più gravi legate all’apparato respiratorio o cardiaco. La tosse solitamente viene confusa con lo starnuto classico, ma se quest’ultimo si manifesta a bocca chiusa, il gatto per tossire deve avere la bocca aperta, così da espellere aria ed eventualmente l’elemento di disturbo.

In alcuni casi tosse e starnuto possono manifestarsi insieme, quali segnali di un’irritazione o di un’infezione, ma tendenzialmente la tosse si manifesta anche accompagnata da secrezioni nasali e oculari, respiro affannoso, raucedine con rumori e difficoltà respiratorie. Nei casi più gravi il gatto può anche rigettare o svenire.

Le cause principali

Gatto

Le cause principali che producono la tosse possono essere tante e tutte differenti, ma tra le più frequenti possiamo segnalare il raffreddore, le palle di pelo quindi le allergie. Il raffreddore è la conseguenza diretta di un’irritazione da germi e batteri, le palle o boli di pelo si producono mentre il gatto lecca il mantello per tenerlo pulito, provocando una tosse secca e anche il vomito. Ma la tosse è anche causata da forme allergiche a pollini, odori sgradevoli e fumo, muffa, polvere quindi stress e ansia: queste ultime possono favorire anche l’asma. Tosse come conseguenza diretta di polmonite, influenza, corpi estranei, prodotti chimici, parassiti, collari stretti, obesità, nonché di problematiche più serie come bronchiti, malattie cardiache, dirofilaria e cancro.

Visite e diagnosi

Per accertare la causa della tosse è necessario condurre il micio dal veterinario do fiducia, che effettuerà le visite di rito, ma per emettere una diagnosi accurata avrà bisogno di conoscere l’ambiente in cui vive, quindi se vi è la presenza di eventuali elementi di disturbo, sia dentro che fuori casa. Dovrà conoscere la frequenza con cui si manifesta la tosse, la durata, l’intensità e tutti i dati utili per un quadro finale completo. Eventualmente potrà procedere sondando la situazione anche attraverso altri esami quali analisi delle urine e del sangue, radiografia, TAC, risonanza magnetica, quindi laringoscopia o broncoscopia.

Cure e trattamenti

Gatto malato

Dopo aver individuato la causa il medico potrà definire la cura più adatta prescrivendo in caso di allergia antistaminici o corticosteroidi, in caso di infezione broncodilatatori, antibiotici, oppure antiparassitari in presenza di vermi e parassiti. Il micio dovrà cambiare dieta se la problematica è legata al peso oppure alla presenza di palle di pelo, eliminabili anche grazie alla pasta di malto. Nei casi più gravi, potrà prescrivere ulteriori esami e il ricovero.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Cucciolo di cane allevato da una gatta