La spesa di maggio: ciliegie, nespole e fave croccanti

La spesa di maggio: ciliegie, nespole e fave croccanti

Fonte immagine: Unsplash

La spesa di maggio porta in tavola la freschezza e la leggerezza tipica della primavera: ecco cosa comprare, come ciliegie, nespole e fave.

A maggio la primavera riconferma la sua vivace presenza, assecondando le necessità alimentari del periodo e la voglia di sole: il meteo vira verso il bello, regalando qualche giornata di intenso calore. Fare la spesa sarà un vero tripudio per gli occhi e per l’anima, ma anche per la linea grazie all’offerta corposa di alimenti benefici. Frutta e verdura riempiono i banchi della vendita salutando le presenze importanti dell’inverno, colorando le ceste con cibi dalle tonalità vivaci, comprese le prime anteprime estive.

L’organismo e la natura trovano un percorso comune grazie a una proposta sostanziosa e ricca di nutrimento, vitamine, antiossidanti, nonché fibre utili a combattere l’invecchiamento ed a prevenire malattie importanti. Tra le verdure sono molte le proposte ricche di betacarotene, necessarie per preparare il corpo all’esposizione del sole, ma anche di acqua, sali minerali e vitamine necessarie per recuperare energia e sgonfiare l’organismo.

Verdura

Carciofi

La cesta della verdura cambia colorazione e profumi assecondando il cammino stagionale, sui banchi della spesa possiamo ancora trovare: carote, patate, cipolla, aglio, insalata, cipollotto, ceci, spinaci, tarassaco, costa, lenticchie, valerianella e valeriana, scalogno, songino, radicchio, bieta, rapa, scorzonera, scorzobianca, barbabietole, topinambur, cicorino, sedano fresco, cime di rapa, broccolo e cavoletto di Bruxelles, finocchi, cardo, tarassaco, agretti, rapanelli, fagiolini, rucola, asparagi e piselli. A maggio trovano spazio anche le fave fresche, l’ortica, i carciofi e la regina dell’estate: la zucchina, che conosceremo nei prossimi mesi. Le piante aromatiche riconfermano tutte le presenze stagionali in aggiunta alla comparsa della prima salvia, del cappero, della menta, della melissa e del timo fresco, del rosmarino, quindi del prezzemolo e del basilico.

L’ortica è in realtà una pianta comune, ma trova spazio anche tra le verdure di stagione: facile da intercettare anche durante le scampagnate, va raccolta indossando i guanti. La tenera pianticella è ricoperta da peli sottilissimi in grado di svolgere un ruolo urticante: se toccati si rompono rilasciando un fluido che causa bruciore e molto prurito. Trova spazio sia in campo medico che alimentare, per raccoglierla è bene proteggere le mani, armarsi di forbici e cesta per recuperare i germogli più freschi, meglio se in alta montagna e lontano da smog e traffico. È una pianta molto utile perché ricca di acido folico, ferro, sali minerali quali silicio, fosforo, magnesio, calcio, manganese e potassio, quindi di vitamine A, C e K. Depura, disintossica, contrasta l’anemia e i reumatismi, aiuta la digestione, si può trasformare in infuso oppure cucinare eliminando le cimette e prime foglie. Si lascia in ammollo per eliminare l’effetto urticante quindi si può tritare e consumare fresca in insalata, oppure come pesto, come ripieno per ravioli o come condimento per contorni, risotti e sughi.

I carciofi sono perfetti per chi vuole seguire un’alimentazione sana, drenante e depurativa, grazie al basso apporto calorico e alla presenza di fibre utili contro il colesterolo e il diabete. Dal sapore un po’ amarognolo, è una verdura ricca di potassio, sali minerali, ferro, rame quindi flavonoidi antiossidanti quali beta-carotene, luteina e zeaxanthina. Contiene cinarina, che conferisce il tipico sapore forte, ma che è in grado di abbassare i livelli di colesterolo cattivo, favorendo al contempo la diuresi e la secrezione biliare. Perfetti sia crudi che cotti, i carciofi si possono pulire e consumare in pinzimonio intingendo ogni singola foglia in un mix di olio, aceto balsamico, pepe, peperoncino e menta fresca. Golosi in padella con aglio e peperoncino, si possono anche friggere, oppure pulire e farcire con pangrattato, formaggio, aglio, spezie, succo di limone e un filo d’olio, oppure trasformare in un sugo goloso per primi invitanti fino a creare una vellutata unica e saporita.

Frutta

Nespole

Anche la cesta della frutta cambia fisionomia nonostante la riconferma di mela, frutta secca, limone e pompelmo: maggio è il mese dei colori e per questo possiamo ritrovare le succosissime fragole accompagnate dalle new entry nespole e dalle ciliegie. Queste ultime sono un vero toccasana per il corpo perché depurano, disintossicano, dissetano e favoriscono la diuresi, proteggono cuore e fegato e sono perfette per i diabetici. Si possono consumare fresche, magari in macedonia con menta fresca, timo e succo di limone, oppure cotte come dolce al cucchiaio, ma anche come ingrediente di una torta vegan o sciroppate, quindi trasformate in gelato o ghiacciolo light.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

La tragedia di un pomodoro