Mele Pink Lady: origini, proprietà, calorie

Mele Pink Lady: origini, proprietà, calorie

Le mele Pink Lady sono una varietà originaria dell'Australia: ecco le caratteristiche, le proprietà e le calorie del frutto, nonché i suoi benefici.

Con il loro sapore dolce e intenso, e la colorazione dalle sfumature rosacee, le mele Pink Lady sono di certo fra le varietà che più hanno saputo cogliere i favori dei consumatori. Ideali per il consumo fresco ma anche per l’impiego nelle più svariate ricette, la richiesta di queste mele ha subito una vera e propria impennata a partire dagli anni ’70 del secolo scorso, quando sono apparse sul mercato. Ma quali sono le origini del frutto, quali le proprietà e, ancora, quali ancora le calorie?

Di seguito, alcune informazioni su questa gustosa varietà di mele, sulla provenienza e sui vari benefici che possono assicurare all’organismo.

Mele Pink Lady: origini e caratteristiche

Pink lady

Le mele Pink Lady nascono in Australia negli anni ’70 del secolo scorso, così come già accennato, più precisamente nel 1973. Si tratta di un incrocio ottenuto tra una varietà australiana e una americana, rispettivamente la Lady Williams e la Golden Delicious. Il nome, così come facile intuire, indica proprio l’origine dalle Lady Williams, nonché il particolare colore che assume la buccia.

La superficie esterna del frutto, infatti, presenta una colorazione rossastra e rosa, con striature sul verde. Si tratta di una mela dall’ottima consistenza al palato, croccante e dal sapore dolce, con qualche nota più acida nel retrogusto. Il frutto assume una forma leggermente ovale e, una volta tagliato, presenta una polpa chiara e molto consistente. Per ottenere queste caratteristiche, la coltivazione viene estesa il più possibile, affinché la varietà possa ricevere la massima irrorazione solare per tutta la sua stagione di crescita. Ancora, questo incrocio necessita di climi molto caldi per poter crescere rigogliosamente: per questa ragione l’Australia rappresenta il suo Paese d’elezione, sebbene possa essere coltivata anche in altre parti del mondo.

Le mele Pink Lady possono essere consumate fresche, ad esempio come spuntino pomeridiano, ma anche per la preparazione di dolci estivi, prodotti da forno, nonché abbinamenti con primi e secondi salati. Questa associazione è possibile, seppur queste mele mantengano un gusto molto dolce, proprio grazie alla nota acida di retrogusto specificata in precedenza.

Mele Pink Lady: proprietà e benefici

Mele rosse

Le mele Pink Lady presentano un profilo nutrizionale molto interessante, tale da giustificarne le proprietà utili all’organismo. Per 100 grammi di prodotto, si contano tra le 50 e le 60 calorie, un dato che può variare anche in relazione al livello di maturazione. Per lo stesso peso, si elencano circa 13 grammi di carboidrati, 2 grammi di fibre e valori infinitesimali di grassi e proteine. La varietà è inoltre ricca di sali minerali, come calcio, ferro, potassio, magnesio e boro, nonché di vitamine dei gruppi B, C ed E, quindi di polifenoli e antiossidanti.

Sul fronte dei benefici garantiti da questo frutto, il più evidente associato alle Pink Lady è a livello di attività intestinale. Grazie al buon contenuto di fibre, infatti, aiutano a regolarizzare il transito, stimolandone la naturale regolarità, nonché a rafforzare la flora batterica. Ancora, sempre grazie alle fibre, il consumo può ridurre l’assorbimento di zuccheri semplici e complessi provenienti da altri cibi.

Ancora, l’elevata disponibilità di vitamina C è utile al rafforzamento delle difese immunitarie, soprattutto per prevenire i malanni di stagione. Al contempo, il buon apporto di vitamina E ha un effetto immediatamente antiossidante, ideale per il contrasto dei radicali liberi, primi responsabili dell’invecchiamento cellulare.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Raccogliere i semi di girasole