Fichi freschi, calorie e valori nutrizionali

Fichi freschi, calorie e valori nutrizionali

Fonte immagine: Unsplash

I fichi sono il frutto dell'albero Ficus carica: ecco quali sono i valori nutrizionali, le calorie contenute, come consumarli e conservarli.

I fichi sono il frutto dell’albero Ficus carica, che fa parte della famiglia delle Moraceae. I fichi hanno un gusto unico e dolce, nonché una consistenza morbida. La polpa è ricca di semi commestibili leggermente croccanti. I frutti freschi, raccolti appena maturi, sono delicati e facilmente deperibili, quindi vengono spesso essiccati per conservarli da una stagione all’altra. Così preparati sono dolci e molto nutrienti.

Esistono diverse varietà di fichi, che si differenziano ampiamente per colore e consistenza della polpa. Il Ficus carica è uno dei più antichi alberi del mondo e il consumo dei suoi frutti può essere ricondotto ai primi documenti storici rinvenuti: anche nella Bibbia se ne trova la testimonianza. L’albero, originario del Medio Oriente e del Mediterraneo, è stato molto apprezzato anche dai Greci, che in tempi lontani avevano anche tentato di impedirne con alcune specifiche leggi l’esportazione.

I valori nutrizionali

Figs

I fichi sono frutti dolci ricchi di zuccheri naturali, sali minerali e fibre solubili. Tra i minerali, quelli più abbondanti sono il potassio, il calcio, il magnesio, il ferro e il rame.

Buona anche la quantità delle vitamine, soprattutto le antiossidanti A e K, note per il loro indispensabile contributo al benessere dei nostri organi. Un fico fresco di medie dimensioni apporta circa 50 kcal: per questo motivo è tra i frutti meno consigliabili a chi sta seguendo un regime alimentare ipocalorico, a scopo dimagrante.

Proprietà benefiche

I fichi sono spesso raccomandati per favorire il transito intestinale e, più in generale, il benessere dell’apparato gastrointestinale. Sono ricchi di fibre e, per questo motivo, hanno proprietà lassative naturali: sono anche tra gli ingredienti delle gelatine lassative che si trovano in vendita in erboristeria e farmacia.

Grazie all’apporto di fibre alimentari, i fichi possono essere un alimento utile da includere nella dieta di tutti: favoriscono la sensazione di pienezza e possono ridurre la fame. Per tale motivo sono indicati anche come snack o spuntino a metà mattina o metà pomeriggio. I fichi sono anche una fonte di principi attivi prebiotici che favoriscono lo sviluppo e il mantenimento dei batteri “buoni” della flora intestinale, migliorando il benessere.

I fichi freschi sono un’ottima fonte di potassio: questo li rende interessanti adiuvanti naturali nel controllo della pressione arteriosa. Inoltre, il potassio può contrastare l’escrezione urinaria di calcio causata da diete ad alto contenuto di sale. La polpa dei fichi, ancora, contiene una buona quantità di calcio, un minerale coinvolto nella costituzione del tessuto osseo. Queste ultime due caratteristiche rendono i frutti del Ficus carica un alimento importante per il mantenimento della salute del sistema scheletrico. I fichi contengono alti livelli di ossalati: per tale motivo mangiarne in quantità eccessive potrebbe causare un massivo effetto lassativo.

Stagionalità

Fig

La stagione dei fichi freschi è piuttosto breve: la raccolta si effettua, in Italia, da luglio fino a tutto settembre. I tempi di maturazione dipendono dalla varietà e dalla Regione: al sud sono diffuse le varietà più precoci mentre al nord Italia, complice anche una temperatura complessiva inferiore, i fichi maturano più tardi. I frutti maturi sono rapidamente deperibili e delicati e di solito vengono consumati entro uno o due giorni dall’acquisto. Quando si scelgono al banco del mercato o del supermercato è preferibile scegliere più grossi, teneri, con colore uniforme e brillante e privi di lividi. I fichi maturi hanno un profumo dolce. A casa non devono essere lavati fino al momento del consumo e dovrebbero essere tenuti in frigorifero per un massimo di due giorni. Se i fichi non sono ancora maturi è possibile conservarli a temperatura ambiente per favorire la maturazione.

Conservazione

Vista la veloce deperibilità e la stagione di raccolta di breve durata, i fichi vengono spesso essiccati. Questa operazione è facile anche a livello domestico con l’essiccatore o, in alternativa, in forno aperto scaldato alla temperatura di 50°C.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Raccogliere i semi di girasole