Greenstyle Casa & Giardino Casa Fai da te Come riutilizzare il tetrapak? 5 idee originali

Come riutilizzare il tetrapak? 5 idee originali

Ci sono 5 modi diversi per riutilizzare il tetrapak come base per i nostri migliori progetti di riciclo. Se infatti non vogliamo gettare questi tradizionali contenitori per bevande e alimenti, li possiamo adoperare per alcune opzioni utili per la casa e il giardino. Un modo per riciclare in modo creativo un materiale composito spesso presente nelle nostre dispense, amico del fai da te.

Come riutilizzare il tetrapak? 5 idee originali

Fonte immagine: iStock

Se abbiamo qualche dubbio su come riutilizzare il tetrapak, un materiale che nelle nostre case non manca, ci sono almeno 5 idee da copiare. Di fatti, nelle dispense spesso abbiamo cartoni di latte a lunga conservazione o succhi di frutta. E il contenitore in questione è proprio il composito di cui stiamo parlando.

Ma cos’è il tetrapak e come possiamo riciclarlo per il nostro fai da te, invece di conferirlo nel bidone apposito della raccolta differenziata? In percentuale maggiore troviamo materiali cartacei, quasi il 75% del totale. Il resto di queste confezioni è invece composto da plastica e alluminio.

Di norma il tetrapak, vista l’elevata componente cartacea, si butta nel bidone della carta e la divisione degli strati avviene in cartiera. Ma se volessimo evitare di gettare questo composito, una buona soluzione è il riciclo creativo, per realizzare degli oggetti utili e bellissimi per la nostra dimora e il giardino.

Il primo passaggio è quello di lavare le confezioni di tetrapak per eliminare i residui di cibi e bevande, che potrebbero fermentare e rendere il materiale non salubre. Dopo ci basterà avere forbici e poco altro per tagliare e dare un nuovo aspetto a questi vecchi cartoni.

Dove buttare Tetrapak
Fonte: iStock

Come riutilizzare il tetrapak in 5 modi creativi

Il riutilizzo dei cartoni di tetrapak ci permette di adoperare in modo creativo un materiale che ha una struttura morbida ma robusta. Se infatti la consistenza è quella del cartone, le parti in plastica e alluminio li rendono più resistenti. E questo ci permette di lavorarli e impiegarli per i nostri progetti di fai da te senza timore che possano cedere.

Vasi per le piante

Il tetrapak, come accennato, non è solo carta, ma anche plastica e alluminio, che lo rendono impermeabile e resistente ad umido e acido. Di fatti, i cartoni di latte, succhi di frutta, sugo di pomodoro e condimenti, è spesso di questo materiale. Il che significa che è ottimo anche per contenere le piante del nostro giardino.

Ci basterà lavare il contenitore e tagliarlo, in modo da poter versare il terriccio e riempire con le nostre piantine o le nostre sementi. Se vogliamo rendere più estetico il progetto, i cartoni possono essere dipinti con vernici atossiche o rivestiti con fili di corda, specchietti, perline e decorazioni.

Mangiatoia per uccelli

Se abbiamo uno spazio esterno dove i passerotti fanno la loro comparsa, un ottimo modo per rendere le soste più riposanti è di lasciare qualche semino in giro. I cartoni del tetrapak sono grandi alleati per realizzare delle piccole mangiatoie sospese, che possano dare sostentamento agli uccelli di passaggio.

Le confezioni andranno lavare con cura e poi forate al centro, con un buco grande a sufficienza per permettere a noi di versare il mangime e agli uccellini di poterlo beccare in pace. Se vogliamo, possiamo anche decorare le mangiatoie a nostro piacere, ma sempre ricordando di adoperare colori atossici e naturali.

Lanterne da giardino

Se vogliamo rendere il nostro dehor più originale, il tetrapak ci aiuta. Lo dovremo intagliare sui quattro lati e sul fondo, in modo da mimare l’estetica delle lanterne di origine giapponese e infine incollare dei fogli di carta cerata che doneranno un aspetto fumoso alle luci artificiali.

Porta penne da scrivania

Un modo semplice per riutilizzare il tetrapak è di tagliarlo, dipingerlo e decorarlo per realizzare dei bellissimi porta penne per la scrivania dei bambini. Il progetto lo possiamo condividere proprio con loro. A noi il compito di usare cutter e forbici, a loro quello divertente: la decorazione che renderà questi oggetti personali e unici.

Organizer per cassetti

Ma il tetrapak è ottimo anche se vogliamo organizzare i cassetti di casa, dalla cucina al bagno passando dallo studio e dalle altre stanze dove serve ordine. Il suggerimento è di tagliare i vecchi contenitori per farne delle ciotole alte. Li potremo in un secondo momento incollare e alloggiare dove serve.

Se abbiamo un bagno disordinato, ci aiuteranno a mettere da parte cosmetici e creme in tubetto, o in camera da letto limiteranno il problema dei calzini spaiati. Ma non solo, ci aiuteranno anche a tenere le sciarpe al loro posto, ben alloggiate e distanziate, per trovarle subito quando servono ed evitare di buttare all’aria la stanza ogni volta.

 

Fonti

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Dove si buttano i gusci dei crostacei?
Riciclo

Dove si buttano i gusci dei crostacei? Se pensi che questo rifiuto vada indubbiamente nell’umido, sarà il caso di ripensarci. In realtà, i gusci di molluschi e crostacei devono essere smaltiti in modo differente rispetto agli altri scarti alimentari. Ecco perché e dove gettare le bucce di gamberi e frutti di mare.