Greenstyle Cani Sussex Spaniel

Sussex Spaniel

Il Sussex Spaniel è un cane poco diffuso: standard completo, carattere e tutti gli impieghi nella scheda dedicata.

Sussex Spaniel

Il Sussex Spaniel è una razza di cane creata nel XIX secolo nell’omonima regione della Gran Bretagna. Nonostante sia poco diffuso, è riconosciuto e classificato dalla F.C.I. nel proprio Gruppo 8, quello dei cani da cerca.

Aspetto del Sussex Spaniel

Il motivo della scarsa diffusione di questo cane è strettamente legato alle caratteristiche del suo manto. Il Sussex Spaniel, cane di taglia media, è in fatti ricoperto da un pelo abbondante e folto di color fegato dorato che, secondo i cacciatori più esperti, risulta pericoloso durante l’attività venatoria.

Questo colore, nelle ore del tramonto, lo rende facilmente confondibile sia con i colori dei boschi che con altri animali, esponendolo al rischio di essere colpito per errore; nonostante tutto, però, questa colorazione è l’unica ammessa dallo standard.

Di costruzione solida, il Sussex Spaniel è un cane massiccio, caratterizzato da un movimento raccolto, cosa che lo distingue da tutti gli altri spaniel.

Impieghi del Sussex Spaniel

Coloro che comunque decidessero di avvalersi del Sussex Spaniel nelle battute di caccia avranno a disposizione un cane energico e grintoso, che eccelle nella cerca e nel riporto di piccoli animali selvatici.

Nel tempo però l’impiego degli esemplari di questa razza come cane da caccia è andato scemando, fino a rendere il Sussex Spaniel un apprezzato cane da compagnia.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Parvovirosi nel cane: cause, sintomi, cure
Animali

La parvovirosi è una malattia infettiva e molto contagiosa del cane. Chiamata anche gastroenterite emorragica, colpisce soprattutto i cuccioli. Spesso il suo decorso è mortale. Il Parvovirus è molto resistente nell’ambiente. I sintomi sono quelli di una grave gastroenterite con vomito, diarrea emorragica, e disidratazione. Dopo aver fatto diagnosi differenziale col cimurro, si attua una cura sintomatica visto che non esiste una terapia specifica. Tuttavia esiste un vaccino.