Puli

Il Puli è un cane pastore dell’Ungheria, dal mantello rasta, ottimo anche come cane da riporto in acqua. Ma vediamo aspetto, carattere, malattie e prezzo.

Puli

Il puli è una razza canina di origine ungherese, dall’aspetto molto particolare. A livello amatoriale, infatti, rientra nelle cosiddette razze di cani rasta, talvolta soprannominati affettuosamente “mocio vileda”. Il mantello, infatti, forma cordoni spessi che ricordano quelli del noto spazzolone.

Ammettiamo che non è una razza facilissima da trovare qui da noi in quanto ci sono pochi allevamenti, motivo per cui molte persone ignorano la sua esistenza. Andiamo dunque a conoscere meglio questa razza.

Storia e origini

La storia e le origini del puli sono abbastanza antiche: da più di mille anni in Ungheria è un cane da pastore molto diffuso. Si pensa che sia arrivato in Ungheria tramite i Magari, quindi le sue origini sono asiatiche. Si ipotizza che discenda dal Tibetan terrier.

Come razza è poliedrica: è un cane da pastore, sa fare la guardia ed è anche abilissimo nel riporto in acqua, tanto da meritarsi il titolo di cane d’acqua ungherese. Oltre che per la pastorizia, era usato anche come cane da caccia.

A differenza di altri cani da pastore ungheresi a pelo bianco, impiegati maggiormente di notte, ecco che il puli, col suo mantello scuro, veniva usato soprattutto di giorno perché spiccava in maniera netta fra il bianco delle pecore. Il primo standard di razza arriva nel 1921.

Aspetto e colore del mantello del Puli

Puli, cane ungherese

Il puli è la razza n. 55 della FCI, facente parte del Gruppo 1 – Cani da pastore e Bovari, esclusi Bovari svizzeri, Sezione 1 – Cani da pastore senza prova di lavoro. Cane originario dell’Ungheria e usato come cane da gregge, è un cane di taglia media dalla costituzione forte, quadrato e dall’ossatura fine.

Il corpo è asciutto e muscoloso, ricoperto da un pelo fitto che forma ricci e corde. Il pelo sulla testa è talmente abbondante che fa sembrare il capo rotondo, con occhi quasi coperti.

Standard di razza del Puli

Questo è lo standard di razza Enci del Puli:

  • Testa: cranio piccolo e fine, stop poco accentuato, tartufo piccolo e nero. Il muso non deve essere appuntito, con canna nasale diritta. Le labbra sono pigmentate di scuro, mentre le mascelle hanno una chiusura a forbice. Gli occhi sono marrone scuro, obliqui, con rime palpebrali pigmentate. Le orecchie sono a basa larga, con padiglione a forma di V arrotondata alla sua estremità
  • Collo: muscoloso
  • Corpo: linea superiore diritta, dorso diritto e muscoloso, rene corto e muscoloso, groppa corta leggermente discendente, torace con coste ben cerchiate, linea inferiore che si alza gradualmente verso il posteriore
  • Coda: portata a ricciolo piatto sulla groppa, ricoperta di pelo
  • Arti: anteriori con scapola obliqua, braccio muscoloso, gomiti aderenti, avambraccio lungo, diritto e muscoloso, piedi corti, rotondi, con dita chiuse, unghie nere o grigio ardesia, cuscinetti scuri, piedi paralleli. Posteriori con zampe parallele, coscia lunga e muscolosa, gamba muscolosa e lunga, garretti asciutti, metatarsi corti, piedi non compatti quanto gli anteriori
  • Andatura: vivace e briosa con passi corti e saltellanti. Tende a girare in tondo

Colore del mantello del Puli

Per quanto riguarda il mantello, il pelo del cucciolo è denso, ondulato o arricciato. Man mano che il cane cresce si formano ciuffi di pelo che poi si trasformano in fiocchi e corde. Il mantello è formato da un pelo di copertura ruvido e un sottopelo fine.

Se il mantello di copertura è eccessivo rispetto al sottpoelo, ecco che il mantello si apre. Se il sottopelo è troppo eccessivo si forma una massa di pelo troppo morbido, difficile da gestire. Le corde sui lombi, groppa e posteriore delle cosce sono quelle più lunghe, mentre su capo e arti sono più corte.

Il pelo sulla testa deve formare corde che coprono il muso.

Come colori di mantello ammessi abbiamo:

  • puli nero
  • nero con poche sfumature ruggine o grigie
  • fulvo con maschera nera
  • grigio in qualsiasi tonalità
  • bianco perla senza tracce di ruggine-oro

Viene concessa una macchia bianca sul petto, basta che non superi i 3 cm di diametro. Il bianco fra le dita non è considerato un difetto.

Taglia: altezza e peso

Come taglia, l’altezza al garrese di un puli deve essere:

  • maschi: 39-45 cm (meglio 41-43 cm)
  • femmine: 36-42 cm (38-40 cm)

Come peso, il puli deve essere:

  • maschi: 13-15 kg
  • femmine: 10-13 kg

Difetti

Qualsiasi deviazione dallo standard di razza viene considerato un difetto. Fra i difetti da squalifica abbiamo:

  • cani aggressivi o troppo timidi
  • qualsiasi evidente anomalia fisica o comportamentale
  • denti mancanti
  • enognatimo, prognatimo e mascelle deviate
  • coda a sciabola o orizzontale
  • pelo corto o liscio, pelo che cresce separatamente
  • difetti nei colori, segni o macchie indesiderati
  • taglia che si discosta dallo standard

Carattere del Puli

Da standard di razza il carattere del puli è vivace, molto rapido nell’apprendimento e intelligente. Ama i bambini, che tratta come cuccioli ed è un ottimo cane da guardia. Docile con la sua famiglia, è un ottimo cane da compagnia e da esposizione.

Coraggioso, è facile da addestrare anche se bisogna sapere quello che si sta facendo. Adora l’acqua, è rustico e robusto. Può vivere sia in appartamento che in giardino, ma ricordati che, come tutti i cani da pastore, ha bisogno di fare frequenti passeggiate.

A chi è adatto?

Il puli può essere adatto come primo cane per i neofiti, magari facendosi affiancare da un educatore cinofilo all’inizio per non compiere errori. Essendo un cane molto intelligente, infatti, apprende velocemente anche le cattive abitudini che gli insegniamo.

Non è un cane adatto a chi non ama uscire in passeggiata col proprio animale. E non è anche adatto a chi non ha molto tempo da dedicare alla cura del mantello: dopo ogni passeggiata bisogna controllare attentamente tutto il pelo per assicurarsi che a bordo non siano saliti parassiti, rami e foglie.

Alimentazione, salute e malattie

L’alimentazione del puli non differisce da quella di altre razze di cani o meticci della medesima taglia. Sia nel caso tu scelga un’alimentazione commerciale, crocchette e/o scatolette, o un’alimentazione casalinga, chiedi sempre consiglio al tuo veterinario.

In caso di puli che soffrano di dermatiti allergiche o intolleranze alimentari, bisognerà controllare con maggior attenzione la dieta. La razione giornaliera deve essere suddivisa in 2-3 pasti al giorno, mentre acqua fresca deve essere lasciata sempre a disposizione.

Per la cura del suo mantello, vista la sua particolarità, affidati a toelettatori che siano esperti della razza. Il fatto che sia “rasta” e non vada spazzolato non ti esime però dal curare il suo mantello, prestando particolare attenzione a eliminare rametti e foglie che possono facilmente impigliarsi in esso.

Malattie

Al di là delle classiche malattie che tutti i cani possono sviluppare indipendentemente dalla razza o dalla taglia, ecco che nel puli sono segnalate:

  • displasia dell’anca
  • sordità congenita
  • atrofia progressiva della retina

Dove trovare un Puli

Puoi trovare un cucciolo di Puli in vendita presso allevamenti professionali, allevamenti amatoriali o privati che fanno cucciolate. Solo che devi considerare che il Puli non è una razza molto diffusa qui da noi, quindi non è facilissimo trovare allevamenti.

L’alternativa è andare nei canili o nei rifugi per cercare meticci che gli assomiglino o procedere presso le Rescue che si occupano del recupero di specifiche razze di cani. Se segui annunci online, assicurati solo di scegliere siti affidabili.

Un’altra cosa da ricordare è che nessun cane può essere venduto, ceduto o regalato se sprovvisto di microchip. Il chip deve essere inserito entro i 2 mesi di vita a nome del proprietario della madre del cucciolo, il quale poi provvede a effettuare il passaggio di proprietà a nome del nuovo proprietario.

Quanto costa un cucciolo di Puli

Puli ungherese, cucciolo

Il costo di un cucciolo di puli varia dai 700 ai 1.200 euro. Il prezzo potrebbe essere più alto anche a seconda della genealogia o della linea di sangue.

Per essere sicuro che quel cane sia un puli, ricordati che chi te lo vende deve darti anche il Pedigree. Per la legge italiana nessun cane può essere venduto come cane di razza se sprovvisto di Pedigree. Cani senza Pedigree possono essere venduti, ma solo come cani che assomigliano a quella determinata razza, ma che non possono essere definiti e venduti come cani di razza in quanto sprovvisti di Pedigree.

Curiosità

Ecco alcune curiosità sul Puli:

  • Il significato della parola puli è “conduttore”
  • Il puli fa parte delle cosiddette “razze rasta” o “razze mocio”, per via del suo pelo cordato
  • La durata di vita media di un puli è di 12-16 anni
  • Non esiste il Pokémon puli, non ancora, almeno

Perché prendere un Puli?

Il puli è un cane vivace, allegro e che si affeziona tantissimo al suo umano e alla sua famiglia. Anche se nato come cane da pastore, soprattutto qui da noi viene utilizzato soprattutto come cane da compagnia. Si adatta anche bene a vivere in casa, ma essendo un cane da pastore ha bisogno di fare frequenti passeggiate e attività fisica.

 

Fonti

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Razze di cani da guardia: quali sono adatte come cani da compagnia?
Animali

Spesso ci si chiede se le razze di cani da guardia (e da difesa) possano essere anche cani da compagnia. La risposta è assolutamente positiva. Anzi: molte persone prendono determinate razze di cani come cani da compagnia senza sapere o ricordarsi che hanno anche una spiccata attitudine per la guardia e/o la difesa. E queste razze di cani da guardia e da compagnia le troviamo sia nei cani di grossa taglia che in quelli di piccola taglia.