Greenstyle Cani Beagle

Beagle

I Beagle sono una razza che ami? Ecco tutto quello che devi sapere, dal peso al costo, passando per carattere e qualche curiosità da conoscere..

Beagle

Prima di imbarcarti nell’impresa di prendere un Beagle, devi sapere tutto, ma proprio tutto su standard di razza e, soprattutto, carattere. Il Beagle ha un aspetto molto gradevole, ma in molti si scordano che si tratta di un cane da caccia. È un esemplare molto energico che, se si annoia perché non fa sufficiente attività fisica o perché non ha delle interazioni di qualità col proprietario, non esita a distruggere tutto ciò che gli si para davanti: divani, finestre, porte blindate, il cambio dell’auto, lo smartphone nuovo appena acquistato!

Storia e origini

Cane da caccia
Fonte: Pixabay

Il Beagle è un’antica razza di cani da caccia. Lo si trova citato in alcuni libri del XIII secolo, ma quello che è certo è che era la razza amata dalla regina Elisabetta I: in passato esisteva la variante Beagle Elizabeth, alta 18-25 cm al garrese. Tuttavia adesso esemplari di questa taglia sono considerati fuori standard.

Sempre all’epoca nascevano Beagle a pelo duro ed alcuni erano così piccoli da poter stare nella tasca delle giacche da caccia. Ovviamente col passare degli anni, la taglia dei Beagle è aumentata, ma ogni tanto capita che nascano Beagle un po’ più piccoli: questi sono definiti come “pocket Beagle”.

Si dice che il Beagle venne creato cercando di diminuire la taglia del Foxhound, in modo da seguire a piedi la caccia alla lepre. Ancora adesso, come cane da caccia, viene usato in muta.

La razza si diffuse ben presto anche nel resto dell’Europa: in Francia divenne molto amata per la caccia, mentre, paradossalmente, in Inghilterra non lo consideravano abbastanza veloce. Per quanto riguarda l’Italia, invece, ultimamente è una razza canina assai diffusa, scelta però come cane da compagnia. È difficile che i cacciatori qui da noi, tranne in alcune zone, usino i Beagle.

Aspetto e peso del Beagle

Cane Beagle
Fonte: Pixabay

Il Beagle è un cane di piccola-media taglia, un Segugio dall’aspetto vigoroso e compatto. È una razza mesomorfa e mesocefala. Deve essere grazioso e mai grossolano, pur avendo una costruzione raccolta. Ma andiamo a vedere l’aspetto del Beagle così come viene descritto nello standard di razza Enci.

Standard di razza del Beagle

Il Beagle è la razza FCI n. 161, con standard aggiornato pubblicato il 13 ottobe 2010. Originario della Gran Bretagna, fa parte del Gruppo 6 – Segugi, Sezione 1.3 – Segugi di piccola taglia, con prova di lavoro. Da standard viene usato prettamente come segugio, quindi come cane da caccia, ma molte linee vengono selezionate per essere cani da compagnia.

Questo lo standard di razza del Beagle:

  • Proporzioni: la lunghezza della testa, fra occipite e punta del tartufo, deve essere divisa dallo stop in due parti che siano più uguali possibili. L’altezza al gomito è circa la metà dell’altezza al garrese
  • Testa: allungata, potente, mai pesante, senza pieghe o rughe sulla fronte. È più sottile nella femmina. Il cranio è lievemente a cupola, moderatamente ampio. Lo stop è pronunciato, mentre il tartufo è grande e nero (ma nei cani con mantello chiaro può essere meno intenso), con narici ampie. Il muso non deve essere appuntito, le labbra ben discese e le mascelle devono avere una chiusura a forbice. Gli occhi sono color marrone scuro o nocciola, abbastanza grandi, mai sporgenti, con espressione accattivante. Le orecchie sono lunghe, con estremità arrotondate (se tirate in avanti devono quasi raggiungere la punta del naso) e inserite basse, devono pendere con grazie contro le guance
  • Collo: leggermente arcuato con piccola giogaia
  • Corpo: ben raccolto e proporzionato, con linea superiore dritta e orizzontale. Il torace deve avere le coste ben cerchiate e estese all’indietro, mentre l’addome non deve essere troppo rilevato
  • Coda: robusta, lunghezza moderata, attaccata alta e portata gaiamente. Non deve mai essere arrotolata sul dorso o inclinata in avanti. Soprattutto la parte inferiore deve essere ben fornita di pelo
  • Arti: parlando dell’arto anteriore, la spalla è obliqua, non pesante; i gomiti sono fermi, mai rigirati; l’avambraccio è dritto e verticale; i metacarpi sono corti; le zampe anteriori sono dure e ferme con cuscinetti forti e unghie corte. Per l’arto posteriore, la coscia è muscolosa, le ginocchia ben angolate, i garreti fermi e paralleli, i piedi posteriori duri e fermi, con cuscinetti forti e unghie corte
  • Andatura: dorso orizzontale, fermo, passo libero con buon allungo dell’arto anteriore e una spinta di quello posteriore. Non deve stringere il posteriore o aprire/incrociare l’anteriore

Mantello: pelo e colore

Il mantello deve essere a pelo corto, denso e impermeabile. Come colori concessi abbiamo:

  • tricolore (nero, fuoco e bianco)
  • blu bianco e fuoco
  • tasso “pied”
  • lepre “pied”
  • limone “pied”
  • limone e bianco
  • rosso e bianco
  • fuoco e bianco
  • nero e bianco
  • bianco puro

Tranne per il bianco puro, tutti i colori sopra indicati possono essere presenti come moschettature. La punta della coda è bianca. Non è concesso nessun altro colore.

Taglia: altezza e peso del Beagle

Come altezza al garrese, il Beagle deve avere dai 33 ai 40 cm. Nello standard di razza non viene specificato il peso, ma in generale il Beagle pesa:

  • maschio: 10-11 kg
  • femmina: 9-10 kg

Difetti

Sono considerati come difetti dello standard di razza qualsiasi deviazione da quanto indicato sopra. In particolare sono considerati difetti eliminatori:

  • cane aggressivo o troppo timido
  • qualsiasi evidente anomalia fisica o comportamentale

Carattere del Beagle

Beagle che corre
Fonte: Pixabay

Da standard di razza il Beagle viene descritto come un cane brioso, nato per la caccia e dall’ottimo fiuto. È coraggioso, molto attivo, determinato e resistente. Deve anche essere attento e intelligente, senza sbalzi di umore. È sveglio e amabile, non deve mai dimostrarsi aggressivo o timido. In generale è un cane entusiasta della vita e vigoroso, sempre pronto a partecipare alle attività proposte dal suo umano. È abbastanza agitato e tenace.

Tende a seguire sempre il suo umano, con cui si dimostra affettuoso. È addestrabile, ma richiede una buona educazione e socializzazione da cucciolo. Tende ad abbaiare molto e può fare anche la guardia. Ha un temperamento molto forte, motivo per cui deve essere educato da persone consapevoli. Può adattarsi alla vita in appartamento, ma ha comunque bisogno di fare lunghe passeggiate. Non è un cane da lasciare solo troppe ore durante il giorno, in quanto cerca sempre la compagnia del suo umano. Non va dimenticato che è un cane da muta, quindi abituato a stare sempre in mezzo ai componenti del suo branco.

A chi è adatto il Beagle?

Per quanto l’aspetto del Beagle sia adorabile, non è una razza adatta a tutti. Molte persone scelgono di prendere un Beagle perché attratte dal suo aspetto, ma il problema sorge quando poi salta fuori il carattere. È un cane da lavoro, un cane molto attivo e vigoroso: non è dunque adatto a chi ha poco tempo da dedicargli o per chi ama poltrire sul divano tutto il giorno. È invece adatto a chi vuole fare attività sportiva insieme al proprio cane.

Visto il suo temperamento forte, è sconsigliato anche per i neofiti o le persone poco esperte nell’educazione del cane: se percepisce incertezza e debolezza nel suo umano, non esita a considerarsi come leader del gruppo.

È anche un cane che ha parecchie energie non solo fisiche, ma pure mentali da sfogare: se si annoia distrugge tutto ciò che incontra, generando frustrazione da parte del proprietario.

Può adattarsi sia alla vita in appartamento che in giardino, ma attenzione: non deve essere isolato fuori. Ha bisogno di stare sempre a contatto col suo branco umano, in fin dei conti è un cane da muta. Sempre per questo motivo, se socializzato bene da cucciolo, può convivere anche con altre razze di cani. Attenzione, invece, alla convivenza con altre specie animali visto il suo istinto di cane da caccia.

Alimentazione, salute e malattie

Per quanto riguarda l’alimentazione del Beagle, deciderai insieme al tuo veterinario se optare per un’alimentazione commerciale (crocchette o scatolette per cani di taglia media) o per un’alimentazione casalinga (con razione formulata da un nutrizionista veterinario, vietati gli avanzi della tavola).

Il Beagle non richiede particolari attenzioni per quanto riguarda il cibo, ma non bisogna mai esagerare, in quanto, come il Labrador retriever, è una razza che tende facilmente a ingrassare se si esagera con la razione o se gli si fa fare poca attività fisica.

Salute e malattie

Oltre alle classiche malattie che tutti i cani possono manifestare, indipendentemente da razza e taglia, nel Beagle possiamo vedere spesso disturbi come:

  • obesità
  • displasia dell’anca
  • atrofia progressiva della retina
  • glaucoma
  • procidenza della ghiandola della terza palpebra
  • deficit del fattore VII della coagulazione
  • mielopatia degenerativa
  • Sindrome di Musladin-Lueke
  • degenerazione neonatale corticale-cerebellare
  • nanismo
  • epilessia
  • Beagle Pain Syndrome
  • patologie della colonna vertebrale (anche ernia del disco)
  • problematiche gastrointestinali (anche IBD)
  • malattie ormonali (ipotiroidismo, Sindrome di Cushing)

Quanto costa un Beagle cucciolo?

Cucciolo di Beagle
Fonte: Pixabay

Quanto costa un cucciolo di Beagle? Il prezzo medio varia dai 700 ai 1.200 euro, ma il costo varia a seconda di diversi fattori. Allevamenti con linee di sangue particolari o di alta genealogia potrebbero chiedere prezzi maggiori. Diffida sempre, invece, di chi vende cuccioli di Beagle a prezzi eccessivamente bassi e senza Pedigree.

Ricordiamo, infatti, che per la legge italiana possono essere venduti come cani di razza solamente soggetti provvisti di Pedigree. Presunti “cani di razza” venduti senza Pedigree, per la legge sono meticci e in quanto tali possono essere venduti solo come cani che assomigliano ad una tale razza o che fenotipicamente sembrano di quella razza. Il che vuol dire che il prezzo dovrebbe essere nettamente diverso.

È possibile trovare dei Beagle in adozione anche tramite i canili, rifugi o le Rescue che si occupano di questa razza.

Dove trovare un Beagle?

Puoi trovare cuccioli di Beagle in Italia contattando allevatori presenti anche sul sito dell’Enci e dotati di affisso o tramite privati che abbiano cucciolate di Beagle. Per quanto riguarda gli annunci online, rivolgiti sempre a portali seri e affidabili.

Quando acquisti un cucciolo di Beagle, ricordati sempre di chiedere il Pedigree, unico modo per essere sicuro che il cane appartenga effettivamente a questa razza. E chiedi sempre anche la compilazione del foglio di passaggio di proprietà del microchip.

Ti ricordiamo, infatti, che per la legge italiana è vietato vendere, cedere o regalare cani sprovvisti di microchip. Il microchip deve sempre essere intestato al proprietario della fattrice, il quale poi provvede a fare il passaggio di proprietà una volta venduto il cane.

Curiosità sui Beagle

Snoopy
Fonte: Pixabay

Ecco alcune piccole curiosità sui Beagle:

  • Il Beagle non abbaia come tutti gli altri cani, ma emette un latrato acuto e prolungato che viene definito come “Singing Beagle”, cioè il Beagle che canta
  • Ti stai chiedendo quanto costa un Beagle nano? Ebbene: non esiste il Beagle nano. La taglia del Beagle è una sola, quindi un Beagle nano può essere o un incrocio (e come tutti i meticci non può essere venduto spacciandolo per cane di razza) o un cane affetto da una malattia chiamata nanismo ipofisario (anche alcune forme di ipotiroidismo congenito possono provocare forme di nanismo). In quest’ultimo caso, anche se fosse un Beagle di pura razza, essendo affetto da una patologia congenita, il suo prezzo non dovrebbe essere uguale a quello di un esemplare sano
  • Quante razze di Beagle ci sono? Beagle e Beagle Harrier sono due razze distinte in realtà: il primo è di origine britannica, il secondo francese. Ed è anche un po’ più alto del Beagle classico
  • Piccole differenze di taglia si hanno a seconda che il Beagle sia originario dell’Europa o degli Stati Uniti. Il cosiddetto Beagle americano tende ad essere più basso e ad avere le zampe più corte rispetto al cugino europeo
  • La Banda Bassotti di Topolino è formata in realtà da Beagle
  • Snoopy, il cane di Charlie Brown dei Peanuts, è un Beagle
  • Nella serie televisiva Star trek: Enterprise, il capitano Archer ha un Beagle di nome Porthos

Il Beagle, un cane da amare, ma anche da conoscere

Prima di prendere un Beagle, assicurati che sia una razza di cane adatta alle tue esigenze e al tuo stile di vita. Ha un carattere e un temperamento molto particolari, non sempre facili da gestire soprattutto per proprietari inesperti o abituati a razze dall’indole più docile. Chiedi informazioni al tuo veterinario, agli allevatori o a educatori cinofili in modo che sappiano consigliarti al meglio.

Seguici anche sui canali social