Greenstyle Cane e gatto con il singhiozzo: sintomi, cause e rimedi

Cane e gatto con il singhiozzo: sintomi, cause e rimedi

Cane e gatto con il singhiozzo: sintomi, cause e rimedi

Fonte immagine: Unsplash

Il singhiozzo può colpire anche il cane e il gatto di casa: è un evento non così comune, che si presenta con sintomi simili a quello che infastidisce l’uomo. È una contrazione involontaria del diaframma, muscolo solitamente coinvolto nella respirazione, che può cambiare ritmo per colpa da un’assunzione troppo rapida di acqua o cibo. Ma le cause sono tante e tutte diverse: vediamo insieme le più importanti e i rimedi da mettere in atto per il benessere dell’amico di fiducia.

Cos’è il singhiozzo e le cause

Il singhiozzo coinvolge il diaframma, ovvero il muscolo che separa la cavità addominale da quella toracica, necessario per espandere la seconda così da permette l’immissione dell’aria ed importante durante i bisogni fisiologici. Quando questa lamina muscolare è vittima di uno spasmo improvviso può subentrare il singhiozzo, ma sono tanti i fattori che possono provocarlo, come ad esempio l’assunzione troppo rapida di acqua e cibo con relativa immissione di aria. Ancora, una respirazione troppo veloce frutto di ansia e stress, l’inalazione di sostanze irritanti oppure l’ingestione di palle di pelo, ma anche giochi troppo energici e caotici oppure la presenza di una condizione psicologica di stress e dolore.

Sintomi

Cane e acqua

Il singhiozzo, anche se non così frequente, può colpire in particolare i cuccioli, che risultano maggiormente energici nel gioco, nell’attività e nell’assunzione del cibo. Un piccolo vive al massimo della sua energia e dell’eccitazione, per questo la problematica potrebbe palesarsi mostrandosi come spasmo dell’addome e movimenti anomali con sussulto. Solitamente dura pochi minuti, magari un’ora, e si risolve in modo autonomo o anche assumendo un po’ d’acqua oppure qualche goccio di brodo caldo. L’importante è tranquillizzare l’amico calmandolo così da rasserenare muscoli e respirazione.

Cure e rimedi

Per evitare e prevenire il problema, basta diminuire le razioni di cibo, offrendo una serie di pasti distribuiti in più tempi, in particolare se l’amico è vorace. Oppure si può disporre la ciotola sopra una panchetta bassa, facilmente accessibile ma utile per tenere a bada la foga, ma anche spazzolando con frequenza il gatto per impedire la formazione e l’ingestione di palle di pelo. Fornendo acqua o del brodo caldo nonché coprendo l’animale, nel caso il singhiozzo sia la conseguenza di un colpo di freddo. Se il disturbo appare violento è meglio evitare l’assunzione di cibo, che potrebbe provocare soffocamento, e nel caso di sintomi persistenti è meglio consultare il veterinario di fiducia.

Veterinario

Cane

Il singhiozzo mostra una sintomatologia molto simile a problematiche respiratorie o più gravi, per questo è bene consultare il medico in caso di dubbio. In particolare se il singhiozzo si palesa con troppa frequenza oppure dura troppe ore o giorni, senza diminuire, agendo negativamente sul benessere del quadrupede.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Guida per la cura del gatto in estate
Animali

Come prendersi cura del gatto in estate? Significa non solo proteggerlo da parassiti esterni, ma anche dal caldo e dai colpi di calore. Ecco cosa fare.