Caffè, espresso italiano e napoletano Patrimonio Unesco?

Caffè, espresso italiano e napoletano Patrimonio Unesco?

Caffè espresso italiano e napoletano candidati a Patrimoni dell'Unesco dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali.

Il caffè espresso italiano e quello della tradizione napoletana sono stati candidati dal MiPAAF a Patrimoni dell’UNESCO. La candidatura è stata resa ufficiale nelle scorse ore, quando lo stesso Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali ha spiegato le motivazioni che hanno portato al doppio sostegno ministeriale.

Due le proposte presentate per sostenere il caffè presso l’Unesco. La prima riguarda il “Rito del caffè espresso italiano” ed è più legata alla tradizione nazionale, mentre la “Cultura del caffè espresso napoletano” fa riferimento alla speciale tradizione partenopea. Per entrambi sono stati inviati alla Commissione Nazionale dell’Unesco documenti che ne sottolineano gli “importanti risvolti culturali, sociali, storici e di tradizione“.

Come ha specificato il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, la priorità riservata alla candidatura del Rito del caffè italiano rispetto a quello della tradizione napoletana è basata unicamente su criteri temporali:

La priorità per l’elemento Rito del caffè espresso italiano tradizionale, a parità degli elementi costitutivi del dossier, è stata determinata dalla presentazione della relativa proposta all’inizio del 2019 mentre quella della Cultura del caffè espresso napoletano è stata presentata alla metà dello scorso anno.

Soltanto una delle due candidature potrà accedere, in presenza dei giusti requisiti, all’iscrizione tra i Patrimoni dell’Umanità. Fatta questa premessa, lo stesso MiPAAF ha spiegato che a questo punto occorrerà soltanto attendere la decisione dell’Unesco:

Dopo la scadenza del termine per la presentazione delle candidature, prevista per il 31 marzo, l’Unesco sarà chiamata a pronunciarsi sulla proposta di candidatura.

Fonte: MiPAAF - Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle