Greenstyle Casa & Giardino Orto & giardino Piante Bromelia: come coltivare e curare la pianta in casa

Bromelia: come coltivare e curare la pianta in casa

Bromelia: come coltivare e curare la pianta in casa

Fonte immagine: Pixabay

Con il termine Bromelia si indica una famiglia di piante dalla bellezza esotica, un gruppo di specie tropicali che fanno parte della famiglia delle Bromeliacee, che conta fra i suoi membri anche il nostro caro e vecchio amico Ananas.

Le Bromeliacee sono delle piante sempreverdi che si sviluppano perlopiù nei luoghi in cui vi è un clima tropicale perlopiù caldo e umido, dove crescono rigogliose in boschi ombrosi o si aggrappano agli alberi e ad altre piante.

Nonostante il suo habitat naturale sia tutt’altro che casalingo, la bromelia ha la sorprendente capacità di adattarsi anche al nostro clima in appartamento, purché si tengano in considerazione le sue primarie necessità.

In questo articolo vedremo come va curata la pianta bromelia, scopriremo quante volte innaffiarla e quando è il caso di concimarla. Ma prima diamo un’occhiata alle principali caratteristiche di questo gruppo di piante.

Caratteristiche della Bromelia

Uno degli aspetti più sorprendenti della famiglia delle bromelie è rappresentata senz’altro dai fiori che caratterizzano la pianta.

In base ai diversi tipi, in natura ne esistono circa 2.800 specie diverse, la bromelia può offrire fiori a forma di spiga o di imbuto, protetti da un folto fogliame a forma di coppa.

I colori, poi, sono fra i più svariati. Puoi trovare bromelie rosse, arancioni, gialle e, talvolta, persino bianche.

Oltre alle infiorescenze, un elemento sorprendente di questa pianta si trova nel suo frutto, tanto singolare quanto difficile da ottenere, specie nella coltivazione indoor.

Bromelia pianta: come curarla?

Fonte: Pixabay

Dopo aver fatto le dovute presentazioni, scopriamo a questo punto come coltivare la Bromelia in casa.

Si ritiene che questa pianta sia, in realtà, abbastanza semplice da accudire. Come abbiamo anticipato, è essenziale conoscerne le principali necessità, in modo da riuscire a soddisfarle ed essere ricompensati con dei colorati fiori dalle forme singolari.

Vediamo dunque dove tenere la bromelia, quante volte innaffiarla e tutto ciò che bisogna sapere sulla manutenzione di questa pianta.

Posizione ideale

Da brava pianta tropicale, la bromelia desidera essere posizionata in un punto della casa al riparo da freddo e correnti d’aria. La pianta necessita di luce da media a intensa, purché non sia diretta.

Inoltre, sarà bene posizionare la bromelia in un punto della casa in cui le temperature non scendano al di sotto dei 15 gradi.

Durante la primavera, invece, potresti spostare la bromelia in balcone, purché tu abbia la premura di riportarla in casa durante la notte, specialmente nelle prime settimane di Primavera, quando le temperature sono ancora instabili. Anche in questo caso, ricorda di non posizionare la pianta al sole diretto, ma pur sempre in un punto ben illuminato.

Se intendi coltivare la bromelia in giardino, tieni a mente che bisognerà garantire al vegetale un’adeguata illuminazione, sempre evitando il sole diretto o eccessivo, ma anche temperature adatte, anche in inverno o di notte.

Se vivi in luoghi in cui gli inverni sono particolarmente freddi, opta per la coltivazione della bromelia in vaso.

Temperatura

Dal momento che si tratta di una pianta che in natura cresce in climi tropicali, la Bromelia ama vivere in ambienti in cui le temperature siano piuttosto alte ed equilibrate, mai al di sotto dei 15°C.

Innaffiature

Quante volte si innaffia la bromelia? Come ogni pianta, anche quelle che appartengono alla famiglia delle Bromeliacee necessitano di acqua a sufficienza per poter crescere in modo ottimale.

In particolar modo, la pianta dovrà essere irrigata soprattutto a partire dalla primavera, da Marzo fino a Ottobre.

In questo periodo, controlla sempre che il terreno sia abbastanza umido ma non zuppo. Oltre al terreno, bisognerà innaffiare anche le foglie, con delle regolari nebulizzazioni mediante spray.

Evita però di provocare la formazione di acqua stagnante, dannosa per le radici e per la pianta in generale.

Al termine della stagione estiva, la frequenza delle irrigazioni potrà ridursi gradualmente. In inverno, puoi innaffiare la pianta anche una volta ogni 20-30 giorni.

Umidità

Il giusto grado di umidità rappresenta l’elemento essenziale per il corretto sviluppo della pianta.

In particolare, fai in modo che l’ambiente intorno alla pianta sia adeguatamente umido. Potresti versare, ad esempio, delle palline di argilla espansa dentro al sottovaso, in modo da mantenere un corretto grado di umidità.

Inoltre, come abbiamo appena visto, sarà utile vaporizzare dell’acqua sulle foglie durante tutto l’anno, sempre senza esagerare, in modo da evitare marciume e altri problemi.

Vasi e rinvasi

Per quanto riguarda la scelta del vaso, la pianta dovrebbe essere messa a dimora in un contenitore abbastanza profondo, in quanto possiede radici piuttosto lunghe.

Inoltre, la Bromelia richiede frequenti rinvasi, anche 3 o 4 nell’arco di un anno.

Potatura e concimazione

É necessario potare la bromelia? la risposta è affermativa. La potatura dovrebbe avvenire durante la fase vegetativa, in modo da stimolare la crescita della pianta e tenere in ordine le foglie. Per quanto riguarda il concime, invece, potresti favorire un rigoglioso sviluppo versando un apposito fertilizzante nei mesi estivi.

In estate potrai versare il concime ogni 2 settimane, mentre durante la stagione fredda potrai ridurre la concimazione a una sola volta al mese.

Malattie e nemici della pianta

Come molte altre piante, anche la Bromelia ha bisogno di una protezione extra dall’attacco di nemici naturali, come ad esempio il ragnetto rosso e altri parassiti, che rischiano di danneggiarne le foglie e i fiori.

In presenza di problemi del genere, sarà necessario utilizzare un prodotto antiparassitario, chiedi consiglio al tuo fornitore di fiducia.

Inoltre, un nemico della Bromelia è rappresentato, paradossalmente, dalla troppa acqua. Saper dosare il giusto grado di umidità e la frequenza delle irrigazioni è fondamentale per il sano sviluppo di questa pianta.

In caso contrario, il rischio è quello di provocare la comparsa di marciume radicale. A tal proposito, fai in modo che il terreno sia sufficientemente drenante per eliminare l’acqua in eccesso.

Per quanto riguarda i più comuni problemi nella gestione della Bromelia, se le foglie dovessero apparire troppo scure o marroni, probabilmente la pianta è posizionata in un punto scorretto della casa, e riceve troppa luce diretta o troppo calore.

Bromelia: significato e proprietà della pianta

Bromelia
Fonte: Pixabay

Prima di lasciarti alla coltivazione della tua Bromelia, vediamo qual è il significato di questa pianta. Ritenuta benefica per molti aspetti, la Bromelia era molto apprezzata dagli Incas, dagli Aztechi e dal popolo dei Maya. Per questo motivo, le piante appartenenti a questo gruppo sono considerate un “dono degli dei“.

E a proposito delle proprietà della Bromelia, oggi sappiamo che questo genere di piante è in grado di purificare l’aria all’interno delle nostre case, riducendo la presenza di sostanze chimiche nocive e inquinanti.

Inoltre, si ritiene che con la loro sola presenza, le bromelie riescano ad alleviare lo stress e aumentare la produttività.

Se coltivata come pianta da appartamento, la Bromelia incarna invece il concetto di “protezione“, in riferimento alle foglie della pianta, che proteggono il colorato fiore centrale.

Seguici anche sui canali social