Greenstyle Ambiente Animali Botti di Capodanno: consigli per proteggere cani e gatti

Botti di Capodanno: consigli per proteggere cani e gatti

Botti di Capodanno: consigli per proteggere cani e gatti

Fonte immagine: Pixabay

Ci siamo: sta per avvicinarsi la fine dell’anno e con essa anche i temuti botti di Capodanno, terrore di cani e gatti. Nonostante in molte città italiane siano vietati tramite specifiche ordinanze, ecco che qualcuno imperterrito continua a sparare botti e petardi come se non ci fosse un domani, arrivando anche ad organizzare veri e propri spettacoli pirotecnici nel giardino di casa. Il problema è che molti animali sono spaventati dai fuochi d’artificio e paura e ansia possono raggiungere livelli tali, che arrivano a farsi del male pur di tentare di sfuggire a quei rumori molesti.

Botti di Capodanno: paura e fobia in cani e gatti

Botti di Capodanno: gatti
Fonte: Pixabay

Solitamente sono più i cani ad avere paura dei botti di Capodanno, ma talvolta capita che anche i gatti si spaventino. Non succede a tutti gli animali: ci sono cani e gatti che ignorano del tutto quel rumore forte, sconosciuto e ripetuto che si presenta improvvisamente.

Talvolta, poi, può capitare di imbattersi in cani e gatti sordi che, semplicemente, non sentono i rumori.

Gli animali che hanno paura dei rumori forti tenderanno a reagire in modo sempre più esagerato al rumore, cercando di scappare (e facendosi male durante il tentativo) o mettendo in atto comportamenti ansiosi o vere e proprie fobie.

Spesso gli animali tendono a scappare da casa mentre tentano di allontanarsi da quel rumore molesto. Tuttavia, a causa del panico che provocano, perdono l’orientamento e possono entrare in uno stato confusionale che fa sì che non riescano più a ritrovare la strada di casa. A volte la confusione li porta anche a calcolare male eventuali situazioni pericolose nelle quali possono imbattersi nella fuga, rischiando così di finire investiti da un’auto o provocando incidenti che coinvolgono anche persone.

E purtroppo ci sono molti cani e gatti che muoiono ogni anno a causa dei botti di Capodanno. In alcuni casi finiscono investiti da qualche veicolo mentre tentano di fuggire, in altri casi, invece, rischiano anche di morire in casa a causa di aritmie fatali che provocano un arresto cardiaco a causa dell’eccessiva paura. Particolarmente a rischio sono i soggetti anziani, cardiopatici o che soffrono di altre patologie.

Botti di Capodanno: sintomi di fobia nel cane e gatto

Come capire se il cane o il gatto hanno la fobia dei botti di Capodanno? Presta attenzione a questi sintomi o comportamenti:

  • tremori
  • tachicardia
  • tachipnea
  • sguardo ansioso
  • coda tenuta fra le gambe
  • ululati incontrollati
  • uggiolii continui
  • scialorrea
  • perdita incontrollata di urina o feci
  • nervosismo
  • ansia
  • aggressività
  • atteggiamento disorientato
  • stato confusionale
  • stereotipie
  • l’animale cerca di fuggire da qualsiasi pertugio trovi a disposizione, finendo con l’incastrarsi ovunque
    distruzione di mobili (graffia o morde gli oggetti, finendo anche col ferirsi)
  • distruzione di finestre o porte per cercare di fuggire
  • si nasconde ovunque

Botti di Capodanno, fuochi d’artificio e spari

Si parla sempre di botti di Capodanno, ma cani e gatti che hanno la fobia di questi rumori potrebbero manifestare sintomi similari anche in altre situazioni:

  • fuochi d’artificio e spettacoli pirotecnici in generale
  • rumori di sparo (pensiamo alle zone collinari o boscose durante la stagione della caccia)
  • petardi sparati dai bambini
  • forte rumore di scoppio provocato, magari, dalla ruota di un veicolo che si fora
  • temporali

Attenzione a tutti gli animali

Il problema dei botti di Capodanno non riguarda solamente cani e gatti, ma coinvolge tutti gli animali. Anche conigli, cavie, criceti o furetti possono manifestare forme di paura provocate dai rumori forti. Ma non solo: i botti terrorizzano anche gli animali selvatici.

Botti e petardi: cosa fare per proteggere cani e gatti

Cani e paura dei petardi
Fonte: Pixabay

Considerando che cani e gatti hanno un udito molto più sviluppato del nostro e che tendono a sentire molto prima di noi l’avvicinarsi di un temporale, ecco qualche consiglio su come aiutarli per cercare di affrontare al meglio il periodo dei botti di Capodanno:

  • Pensaci per tempo: se sai che il tuo cane o gatto soffre di una forma di fobia dei botti di Capodanno, non aspettare il 31 dicembre per chiedere al tuo veterinario o comportamentalista veterinario cosa fare. Paure e fobie sono patologie comportamentali difficili da gestire, che richiedono settimane o mesi di terapia comportamentale prima di ottenere qualche risultato. Non puoi pensare di risolvere il problema due ore prima della fine dell’anno utilizzando la medicina miracolosa e magica. Scoop: la medicina miracolosa e magica non esiste!
  • Non lasciarli da soli: la cosa migliore sarebbe evitare di lasciare da soli cani e gatti per Capodanno, specie se hanno paura dei botti
  • Tieni il cane o il gatto in casa: purtroppo ogni anno, a Capodanno, le associazioni di volontari che si occupano della ricerca di animali persi sul territorio sanno benissimo che quel giorno sarà un bollettino di guerra. Nonostante associazioni, volontari, veterinari, educatori, allevatori si sgolino per dire a tutti di tenere gli animali in casa, ecco che puntualmente Fuffy è scappato da quella porta lasciata incautamente aperta, ci si è scordati di chiudere tutte le finestre di casa, fino ad arrivare all’apoteosi del “Ho lasciato il cane in giardino da solo durante i fuochi d’artificio ed è scappato!”. Strano, vero? Quando inizia il periodo dei botti e petardi, cani e gatti vanno blindati dentro casa, assicurandosi di chiudere per bene tutte le porte e le finestre
  • Finestre e porte: soprattutto quando i botti raggiungono l’apice, oltre a tenere chiuse porte e finestre, tirate giù le serrande o chiudete gli scuri, tirando anche le tende, in modo da insonorizzare il più possibile le stanze
  • Rifugio: cani e gatti devono poter accedere a quello che loro ritengono essere un rifugio sicuro in casa. Se si rintanano sotto il letto o dietro quella poltrona, lasciali stare lì, non cercare di tirarli fuori. Piuttosto siediti accanto a loro e mostrati tranquillo
  • Togli di mezzo tutti i pericoli: visto che quando hanno paura cani e gatti potrebbero cominciare a correre o saltare dappertutto, cerca di togliere di mezzo tutti gli eventuali oggetti che potrebbero costituire un pericolo
  • Accendi la TV o la radio: servono per coprire il rumore dei botti
  • Tappi per le orecchie? In realtà non esistono tappi per le orecchie per animali, ma qualcuno suggerisce di mettere dei batuffoli di cotone belli grandi imbevuti di olio di oliva nelle orecchie in modo da ridurre il rumore sentito. Il problema è che se questi batuffoli sono troppo piccoli, rischiano di finire troppo in profondità nel canale auricolare, trasformandosi in corpi estranei che devono poi essere rimossi dal veterinario (eventualmente in anestesia)
  • Siediti vicino a lui: lo scopo è tranquillizzare l’animale con la vostra presenza, ma senza aumentare la sua ansia. Coccolarlo di continuo dicendogli come un mantra “Non avere paura” è il modo migliore per fargli percepire anche la nostra ansia, la quale andrebbe a sommarsi alla sua paura. State vicino a lui, leggete, guardate il cellulare e mostratevi tranquilli, parlandogli del più e del meno senza ripetere continuamente parole come “Paura, poverino, tremi…”
  • Farmaci e tranquillanti: purtroppo non esistono molti tranquillanti che siano efficaci e privi di effetti collaterali. Ci sono degli integratori, ma vanno iniziati almeno una quindicina di giorni prima di Capodanno perché abbiano effetto. I tranquillanti veri e propri, invece, possono avere effetti collaterali anche importanti (bradicardia, bradipnea, collasso, ipotensione…), per cui valuta bene col tuo veterinario il rapporto benefici/rischi

Botti di Capodanno: cosa NON fare

Cani e fuochi d'artificio
Fonte: Pixabay

Qui di seguito alcune delle cose da NON fare:

  • Non lasciare il cane e il gatto in giardino: qual è il primo istinto di un animale impaurito? La fuga
  • Non legare l’animale da qualche parte: strattonerebbe la corda per scappare fino a impiccarsi
  • Possibilmente non lasciare da solo l’animale a casa, specie se anziano o cardiopatico
  • Non lasciare l’animale sul balcone: in questo caso, pur di scappare, potrebbe buttarsi giù dal balcone
  • Non lasciare porte o finestre aperte

Botti di Capodanno, cani e gatti

Cani e gatti generalmente non vanno d’accordo con i botti di Capodanno (e i petardi, i fuochi d’artificio). Quello che puoi fare è pensarci per tempo: da una parte dovrai lavorare su questa fobia col tuo veterinario, dall’altra dovrai rendere la casa un posto sicuro per il tuo animale.

Seguici anche sui canali social