• GreenStyle
  • Pets
  • Associazioni contro Regione Lazio per salvare l’orso marsicano

Associazioni contro Regione Lazio per salvare l’orso marsicano

Associazioni contro Regione Lazio per salvare l’orso marsicano

Le associazioni ambientali contro la Regione Lazio: chiedono aiuto a Giuseppe Conto e Sergio Costa per proteggere l'orso marsicano.

Diverse associazioni ambientaliste scendono in campo per la difesa dell’orso, chiedendo l’aiuto del Presidente del Consiglio e del Ministro dell’Ambiente. WWF Italia, Enpa, Lac, Lav, Lega Nazionale Difesa del Cane, Lipu, Salviamo l’Orso e Orso and Friends hanno infatti inoltrato una notta a Giuseppe Conte e Sergio Costa, per chiedere di impugnare la legge del Lazio approvata lo scorso primo febbraio, relativa alle “Misure per lo sviluppo economico, l’attrattività degli investimenti e la semplificazione”. Secondo le associazioni, la normativa estende l’accesso per attività venatorie ad aree spesso frequentate da orsi, minacciandone così la sopravvivenza.

Così come spiega l’Agenzia Stampa Italiana, la legge in questione – la numero 1 del 27 febbraio – ha esteso la possibilità di accesso alle aree contigue al Parco Nazionale dell’Abruzzo, Lazio e Molise anche ai cacciatori non residenti, in contrasto con l’articolo 32 della legge quadro del 1991 sulla aree naturali protette: quest’ultima impone come nelle zone protette contigue fra più regioni sia disciplinata l’attività di caccia solo per i residenti.

Il timore delle associazioni è che la nuova legge regionale possa aumentare sensibilmente la pressione venatoria su specie delicate, come quella dell’orso bruno marsicano: degli esemplari a rischio di estinzione, poiché all’interno del parco in questione ve ne sono poco più di 50 esemplari. Così ha spiegato Filomena Ricci, delegato per l’Abruzzo di WWF:

Un provvedimento che non riguarda soltanto il Lazio: l’Orso marsicano è un patrimonio del mondo e non può una singola regione metterlo in pericolo per favorire piccoli interessi di una minoranza di persone che si diverte sparando e uccidendo animali inermi.

Sempre Agenzia Stampa Italiana sottolinea come la questione si fosse già palesata in passato, quando il TAR del Lazio e il Consiglio di Stato avevano bocciato l’aumento del numero di cacciatori nelle aree protette:

Proteggere l’habitat di una specie protetta, come l’Orso bruno marsicano, in zone limitrofe al Parco Nazionale d’Abruzzo, deve ritenersi senza dubbio prevalente sulla pretesa regionale di garantire più spazi e più occasioni di prelievo alla comunità di cacciatori nell’esercizio dell’attività venatoria.

Fonte: Agenzia Stampa Italiana

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Gli ululati dei lupi risuonano tra le strade del paese