Tonno radioattivo è stato pescato nelle acque della California. I pesci, almeno 12 esemplari appartenenti alla varietà tonno rosso, sono probabilmente arrivati sulle coste degli Stati Uniti dalle aree contaminate dall’incidente nucleare di Fukushima. I dettagli della cattura saranno descritti in un articolo che uscirà prossimamente sulla rivista Proceedings of National Academy of Sciences.

Gli studiosi riferiscono che i tonni contaminati sono stati pescati al largo di San Diego lo scorso anno e nelle loro carni sono stati registrati livelli elevati di Cesio radioattivo, probabilmente legati alle fuoriuscite accidentali nelle acque intorno alla centrale di Fukushima. Questa specie ittica, infatti, è in grado di compiere migrazioni molto lunghe, attraversando, come in questo caso, interi oceani.

È una lezione per noi su come possano essere interconnesse le eco-regioni, anche quando sono separate da migliaia di chilometri, ha dichiarato alla BBC Nicholas Fisher, un professore di scienze marine presso la Stony Brook University di New York.

Secondo quanto riferito dagli stessi ricercatori all’emittente americana, comunque, i livelli di radioattività sono ancora al di sotto dei limiti fissati dalla legge per il consumo alimentare, per quanto si tratti comunque di concentrazioni di Cesio radioattivo superiori di ben 10 volte rispetto ai valori registrati prima dell’incidente nucleare.

29 maggio 2012
Lascia un commento