I rimedi naturali, una soluzione salutare che stiamo ormai imparando a conoscere. Dopo aver visto alcune pratiche per prevenire o attenuare i sintomi dei classici mali di stagione come il raffreddore o il mal di gola, vediamo come poter affrontare un altro problema piuttosto fastidioso: la cervicale.

Come per il mal di testa o il mal di schiena, le cause possono essere rintracciate anche in una cattiva postura o nel freddo che ha ormai decisamente raggiunto anche la penisola italiana. Stress e movimenti bruschi possono essere anch’essi inclusi tra le cause di una sofferenza cervicale (o cervicalgia).

Tra i rimedi naturali più conosciuti troviamo l’artiglio del diavolo, la radice di una pianta di origine africana, appartenente alla famiglia delle Pedaliacee. Assunta per settimane in maniera costante garantisce un effetto antinfiammatorio e antireumatico paragonabile a quello dei cosiddetti FANS (farmaci antiinfiammatori non steroidei).

Altro antinfiammatorio che non può mancare nella nostra carrellata è il ribes nigrum, segnalato in precedenza anche le sue proprietà calmanti in caso di allergie. Naturalmente ricco di flavonoidi, tannini e vari fenoli, il riber nigrum rappresenta una valida alternativa ai farmaci cortisonici, pur agendo in tempi più lunghi rispetto a questi ultimi. Ha anche riconosciuti effetti analgesici, antireumatici e antiossidanti.

Con le sue proprietà la liquirizia rappresenta un altro valido aiuto per contrastare i dolori causati dalla cervicale. Altro a essere riconosciuta come valido antinfiammatorio per le articolazioni, contiene la glicirrizina, una sostanza in grado di inibire la degradazione dei corticosteroidi umani. Da utilizzare con cautela, evitandola se in presenza di patologie quali l’ipertensione o diabete. Si consiglia a ogni modo un consulto con il proprio medico curante che potrà chiarire qualsiasi vostro dubbio al riguardo.

Altro metodo, questa volta a uso esterno, è rappresentato dal rosmarino. Basterà preparare un composto con 50 ml di olio vegetale e 15 gocce di essenza di rosmarino. Una volta ottenuta la lozione andrà utilizzata per massaggiare la parte dolorante: il massaggio aiuterà a rilassare la muscolatura e favorirà l’assorbimento della miscela.

Infine, ricordando di come sia in alcuni casi possibile ricondurre il dolore cervicale a una postura sbagliata, ecco alcuni esercizi molto semplici da praticare. Si comincia appoggiando le mani alla base della nuca e piegando dolcemente in avanti la testa fino a portarla verso il basso. Respirare dolcemente durante l’esercizio e concentrarsi sulla distensione della muscolatura del collo.

Durante l’esercizio seguente è necessario poggiare la mano sopra la testa e spingere leggermente e in direzione laterale, prima a destra e poi a sinistra. In ultimo sollevare il viso fino a che la testa sarà rivolta completamente all’indietro. Raccomandiamo di prendersi il giusto tempo per svolgere gli esercizi, senza fretta quindi e con respiri lenti e profondi.

Come regola generale ricordiamo che per meglio orientarsi sui dosaggi più adatti alla propria situazione è buona regola chiedere consiglio al proprio erborista e, in ogni caso, informarsi presso il proprio medico curante su eventuali possibili controindicazioni.

| Benessere e Bellezza

20 dicembre 2011
Fonte:
Lascia un commento