Prendersi cura della propria memoria con 7 cibi amici del cervello. A pubblicare questa minilista di alimenti benefici è la Dott.ssa Elisabetta Menna, ricercatrice presso l’Istituto di neuroscienze del CNR e l’Istituto clinico Humanitas di Rozzano (Milano).

In una nota inserita nella newsletter settimanale dell’IRCCS milanese la Dott.ssa Menna ha pubblicato un elenco di cibi amici della memoria:

Uova, germe di grano, arachidi, merluzzo, semi di girasole, caffè e cioccolato fondente sono alcuni dei cibi più amici del cervello e della memoria.

Gli effetti benefici per la memoria verrebbero garantiti in quanto tali cibi risultano, prosegue la Dott.ssa Menna:

Ricchi di colina, un coenzima essenziale ovvero una molecola importante per mantenere integra la struttura cellulare e le funzionalità del sistema nervoso.

Alcuni di questi alimenti della salute risulterebbero di particolare efficacia per quanto riguarda la memoria a lungo termine. Come sottolinea la Dott.ssa Menna:

Tra questi, cioccolato fondente e caffè sembra essere un buon abbinamento per il cervello. Se da una parte il cioccolato fondente contiene flavonoidi che rappresentano un valido aiuto per far fronte alla perdita di memoria, dall’altra il caffè migliora l’acutezza mentale grazie alla caffeina che, oltre a essere una fonte di antiossidanti che aiutano a mantenere il cervello in salute, aiuta anche a prevenire la depressione nelle donne.

Questi cibi, quando consumati regolarmente, aiutano a migliorare, insieme alla memoria a lungo termine, anche la funzionalità del sistema nervoso, la capacità di attenzione e partecipazione.

Dalla natura arrivano però anche altri aiuti per la salute del cervello, sottolinea la Dott.ssa Menna, come ad esempio:

Broccoli e altre brassicacee o crucifere come cavoli, cavolini, cavolfiori, che contengono vitamina C e acido folico e hanno un effetto positivo sulla memoria, la concentrazione e l’attenzione.

Altri ottimi rimedi naturali contro il declino cognitivo sono poi gli spinaci, ricchi di luteina. Benefiche anche le noci grazie agli acidi grassi omega-3 e omega-6, e al loro contenuto di vitamina E e B6. Particolare attenzione va prestata anche a ulteriori due soluzioni, conclude la Dott.ssa Menna, come i mirtilli e la curcuma:

I mirtilli, ricchi di antocianine e cianidine ad azione antinfiammatoria, un valido alleato contro l’invecchiamento del cervello perché contrastano l’azione dei radicali liberi. Sempre in merito all’invecchiamento del cervello da alcuni studi sembra emergere che la curcumina contenuta nella curcuma possa fornire un valido aiuto nella prevenzione dell’Alzheimer.

6 giugno 2016
Fonte:
Lascia un commento