Evitare la formazione di calcoli è l’obiettivo della dieta alimentare per la colecisti. Infatti la calcolosi biliare è la patologia che colpisce maggiormente l’organo della cistifellea, o colecisti. Essa è più frequente negli adulti, in particolare nelle donne.

La colecisti è fondamentale durante la digestione, in quanto si occupa di custodire la bile, importantissima per l’assorbimento delle vitamine, fornita e custodita dal fegato, e dunque proprio per questo motivo seguire una determinata dieta è di enorme utilità al fine di evitare la malattia sopracitata.

Il regime nutrizionale per la colecisti è consigliato anche per l’espulsione o per fuggire la formazione di renella, o sabbia renale, una sottospecie di calcolosi, preludio del calcolo stesso, che prende forma nelle vie urinarie piuttosto che nella bile.

La dieta per la colecisti è caratterizzata dalla bassa assunzione di grassi, in quanto una delle maggiori cause della formazione dei calcoli è proprio questa, oltre alla riduzione degli zuccheri raffinati, ovvero quello che chiamiamo semplicemente “zucchero”, ma che in realtà è frutto di lavorazioni e introduzioni di sostanze chimiche che lo riducono allo stato in cui lo vediamo e assumiamo normalmente. Un buon sostituto dello zucchero bianco è lo zucchero di canna, il fruttosio o il miele.

Altro consiglio per i soggetti predisposti alla formazione di calcoli, in quanto è stato scoperto che una percentuale di influenza vi è presente tra i fattori scatenanti di tale malattia, è l’assunzione moderata di cibi fibrosi. A causa dei complessi enzimi di cui sono composte le fibre, la digestione per l’uomo di tali {#alimenti} è particolarmente complessa e tra le conseguenze di una smisurata assunzione vi sono patologie come flatulenza e colon irritabile.

Un ultimo consiglio, prima di parlare degli alimenti nello specifico da preferire, è opportuno tenere in considerazione la privazione di pasti abbondanti ma la preferenza di quelli leggeri e in caso più frequenti. Questo, oltre tutto, è un consiglio dato da ogni dietologo poiché assicura il peso corretto e il regime alimentare più corretto da seguire.

Alimentazione per la colecisti: cibi consigliati

Scendendo nello specifico, ecco i cibi da preferire:

  • pane integrale, pane tostato, fette biscottate;
  • pasta integrale;
  • riso;
  • semolino;
  • latte scremato o parzialmente scremato;
  • yogurt magri;
  • formaggi magri;
  • carne magra (coniglio, manzo, pollo, tacchino e vitello) preferibilmente lessata o ai ferri;
  • bresaola;
  • prosciutto crudo sgrassato;
  • pesce di qualsiasi tipo, ma si evitino le fritture;
  • verdura (broccoli, carciofi, carote, cavoli, insalata, melanzane e piselli);
  • frutta (arance, albicocche, banane, kiwi, mele, pere, pompelmi, pesche) e succhi di frutta.

Alimenti da evitare in caso di colecisti

Tra i cibi da escludere assolutamente troviamo:

  • pane fresco;
  • latte intero;
  • formaggi fermentati, piccanti, semigrassi e grassi;
  • uova (non sono totalmente proibite, ma se ne limiti il consumo);
  • maionese e senape;
  • condimenti grassi e salse piccanti;
  • carni grasse, affumicate, marinate e salate (agnello, anatra, cacciagione, capretto, frattaglie, maiale, montone, oca);
  • salumi e insaccati;
  • pesci grassi (solo in caso di difficoltà a livello digestivo);
  • frutta secca;
  • alcolici e superalcolici;
  • caffè, tè;
  • bevande gassate;
  • bevande ghiacciate;
  • cacao e cioccolato;
  • gelati;
  • panna.

Consigli per contrastare la colecisti

In ogni caso, affiancare a una corretta dieta alimentare l’attività sportiva è il miglior modo per evitare la formazione di calcoli e per il miglior mantenimento della colecisti. Seguendo la lista dei cibi sopra descritti il lavoro è a metà perché senza lo sforzo fisico il raggiungimento degli obiettivi non viene totalmente completato. Inoltre l’unico modo naturale per espellere i calcoli, nel caso si fossero già formati, è assolutamente quello di svolgere sport.

È un’avvertenza che va bene per qualsiasi malattia poiché come dicevano i latini “Mens sana in corpore sano”, ovvero l’unico modo per condurre una vita salutare è attraverso la sanità dell’anima e la salute del corpo.

26 marzo 2013
I vostri commenti
salvatore desposito, lunedì 7 agosto 2017 alle16:13 ha scritto: rispondi »

sono stato ricoverato in ospedale 15 giorni mi hanno curato senza operarmi ho circa 89 anni tuttora dopo circa due ore dai pasti sento un piccolo dolore sul lato destro ringrazio anticipatamente Salvatore

Laura crudelini , giovedì 15 giugno 2017 alle22:01 ha scritto: rispondi »

Facendo ecografia addome completo mi hanno riscontrato fango nel fegato o meglio vie biliari. Il medico mi ha dato Deursil. Non ci sono dei rimedi naturali. Visto che questa medicina ha diversi effetti collaterali?

marcella, giovedì 15 giugno 2017 alle19:57 ha scritto: rispondi »

le scrivo per mia madre 89enne da anni doveva essere operata di colicistectomia in quanto aveva una colica circa all' anno . il mese scorso invece , dopo una colica pesante , è stata ricoverata per 10 gg ma risulta troppo pericoloso operarla per i suoi problemi respiratori. le hanno dato una dieta ferrea ,ma lei è già stufa di mangiare le stesse cose e quindi mangia sempre meno dimagrendo a vista d'occhio. è possibile avere una dieta con alcune ricette più appetibili ??? la ringrazio anticipatamente per la sua attenzione

Marina, domenica 28 maggio 2017 alle7:37 ha scritto: rispondi »

Mi sono stati trovati dei calcoli alla colecisti, al momento non hanno intenzione di operarmi, volevo conoscere una dieta da seguire grazie.

Adrian, sabato 18 marzo 2017 alle10:04 ha scritto: rispondi »

Mi sono operato alla colecisti 3 giorni fa. Vorrei sapere bene cosa mangiare è cosa no. Soprattutto per quanto tempo dovrò tenere questa dieta. Grazie

Lascia un commento