Levriero Afgano (Tazi)

Il Levriero Afgano è, secondo alcuni esperti del settore, fra le razze di cane esistenti più antiche. Alcuni papiri risalenti al 2000 A.C. ritraggono quello che, con ogni provabilità, è il suo progenitore.

Fece la sua prima apparizione in Europa con il nome di Tazi che significa cane arabo. Dalla F.C.I. (Federazione Cinofila Internazionale) è stato riconosciuto e classificato nel Gruppo 10, quello dei levrieri.

Aspetto e cura del Levriero Afgano

Cane di taglia medio – grande, snello come tutti i levrieri, con pelo setoso e lungo e struttura fisica leggera e di gran classe.

Il mantello deve seguire una distribuzione naturale, ma spesso vengono attuati degli interventi di stripping sulla schiena per mettere in risalto la sella.

Il cranio è ben proporzionato e sormontato da un lungo ciuffo di peli. Il muso è lungo e appuntito, con un naso di colore nero. L’altezza ideale è per i maschi da 68 a 74 cm e per le femmine da 63 a 69 cm, la coda deve presentare un anello al termine.

In tutta la seconda metà del XX secolo, le selezioni sono state effettuate in modo da ottenere un mantello sempre più lungo, allo scopo di ottenere un colpo d’occhio suggestivo durante la corsa dello stessso, come se l’animale fluttuasse senza sforzo.

Lo standard ammette tutti i colori: i più diffusi sono il biondo oro, crema o fulvo con maschera scura ed il nero ma esistono anche varietà tigrate.

Necessita di toelettatura quotidiana e il bagno deve essere più frequente che nelle altre razze. Può vivere mediamente 12-13 anni.

Il Levriero Afgano mangia meno di quanto la sua taglia induca a pensare, tuttavia richiede un’alimentazione che sia molto energetica e ricca di oli e vitamine, per mantenere al meglio il suo aspetto.

È, generalmente, un cane robusto, che in condizioni normali non presenta seri problemi di salute e l’incidenza di malattie ereditarie è molto limitata.

Ha i suoi punti deboli nel pelo e anche nella pelle, soggetta a dermatiti e irritazioni, mentre le malattie congenite sono la displasia all’anca e la cataratta giovanile.

Carattere, impieghi e prezzo del Levriero Afgano

Dal punto di vista caratteriale il Levriero Afgano è dolce e affettuoso con il proprio padrone, si adatta molto bene alla vita in famiglia ma non è molto facile da educare e addestrare.

Per chi volesse sfruttare le innate qualità da velocista di questo cane se ne consiglia l’impiego nelle gare di coursing, competizioni nelle quali eccelle.

Il suo antico impiego era esclusivamente legato all’attività venatoria, attualmente questo levriero ricopre il ruolo di cane da compagnia o da show, dove risulta particolarmente efficace vista la sua naturale eleganza.

IL Levriero Afgano è un cane poco diffuso anche per via del prezzo di acquisto, ogni esemplare costa, mediamente, intorno ai 2.500 euro, sono fondamentalmente considerati cani d’elite.

9 marzo 2014
Lascia un commento