Nuova autonomia estesa per Renault Zoe, che tocca i 400 km di percorrenza con una ricarica. La vettura è stata presentata in questi giorni al Salone dell’Auto di Parigi ed è da ieri a disposizione degli automobilisti italiani.

Il dato principale della nuova Renault Zoe è propria l’autonomia a 400 km NEDC, raddoppiata rispetto al modello che ha debuttato alcuni anni fa. Se guidata in percorsi urbani e periurbani, in condizioni di guida reali, la capacità massima si attesta sui 300 km.

=> Scopri il nuovo car sharing targato Renault ed ENEL

La vettura monta la nuova batteria Z.E. 40, capacità di 41 kWh, capace di ricaricarsi con rapidità alle stazioni di ricarica a corrente alternata. Interessante la sua adattabilità alle diverse potenze disponibili: fino a 43 kW per una ricarica rapida, recuperando tra gli 80 e i 120 km di autonomia reale in appena 30 minuti.

=> Scopri la nuova piattaforma Renault per le colonnine di ricarica

Due le motorizzazioni proposte da Renault: la R90 da 92 cv, compatibile di serie con una ricarica fino a 22 kW; la Q90, compatibile di serie anche con la ricarica rapida a 43 kW.

I prezzi vanno dai 22.500 euro della ZOE R90 Flex con batteria da 22kW a noleggio fino ai 37.600 della Bose R90 con batteria da 41 kW.
Per disporre della motorizzazione Q90 occorrerà un sovrapprezzo di 700 euro.

Nelle versioni “Intens” saranno a disposizione di serie anche: radar di parcheggio posteriore; impianto Auditorium 3D by Arkamys; retrovisori elettrici ripiegabili; cerchi in lega 16″ Bangka. Disponibili in tutte le differenti varianti della ZOE il climatizzatore automatico con modalità Eco e il sistema multimediale R-Link.

5 ottobre 2016
In questa pagina si parla di:
I vostri commenti
egidio , venerdì 11 novembre 2016 alle0:22 ha scritto: rispondi »

sono affascinato da questo debutto di nuova generazione nel mondo delle auto elettriche che presumo sara il futuro ma vi saran anche lunghe attese a far entrar nell'ottica d'aqcuisto alla clientela di tale auto di energia pulita e che porta al risparmio proprio per i costi alti d'aqcuisto secondo me e per il problema dellle colonnine d ricarica anche se giudico ottima l'autonomia sui 300/400 km se costassero almeno la metà son sicuro che ne venderebbero a milionipropio nella fascia di persone a livello operaia che occorrerebbe per andar a lavorare con un percorso giornaliro basso di km per recarsi al lavoro... ottima ingegniosa .. per il futuro

Donny, venerdì 7 ottobre 2016 alle9:54 ha scritto: rispondi »

Sono affascianato da quanto scrivete sull'auto elettrica; ma dove e quante sono in Prov. di Lecce le colonnine di ricarica? Per una buona informazione si dovrebbe prima "pubblicizzare" gli approviggiamenti e poi la car vera e propria. Grazie

Lascia un commento