Greenstyle Mobilità Sciopero trasporti nazionale oggi 26 marzo: orari e info

Sciopero trasporti nazionale oggi 26 marzo: orari e info

Sciopero trasporti nazionale oggi 26 marzo: orari e info

Fonte immagine: Wikipedia

Aggiornamento 26 marzo 2021, ore 9:40 – Oltre alle indicazioni relative allo Sciopero trasporti nazionale di oggi su Milano, Roma, Torino, Napoli, Firenze, Bologna, Ferrara e Imola, aggiunte le informazioni per quanto riguarda Palermo, Genova, Cagliari e Bari.

Aggiornamento 24 marzo 2021, ore 17 – Aggiunte le informazioni utili per quanto riguarda lo Sciopero trasporti nazionale del 26 marzo nelle città di Firenze, Bologna, Ferrara e Imola.

Sciopero trasporti nazionale 26 marzo 2021

Venerdì 26 marzo 2021 è in programma un nuovo sciopero trasporti a livello nazionale. Riguarderà in questo caso il solo trasporto pubblico locale, con orari e modalità variabili a seconda della città coinvolta.

Come accaduto lo scorso 8 marzo, anche in questo caso lo sciopero trasporti nazionale avrà una durata di 24 ore. Come riportato sul sito del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, l’agitazione è stata indetta dalle sigle ADL-COBAS/COBAS LAVORO PRIVATO. A livello locale sono possibili ulteriori adesioni, che incrementeranno la percentuale di mezzi che potrebbero non circolare durante le fasce orarie indicate.

Di seguito indicate le info valide per alcune delle principali città italiane (Milano, Roma, Torino e Napoli). Seguiranno nei prossimi giorni, laddove disponibili, informazioni relative ad altre località.

Sciopero trasporti a Milano

Lo sciopero dei trasporti pubblici coinvolgerà i mezzi ATM circolanti sul territorio di Milano. Orsa Trasporti aderirà all’agitazione indetta da OO.SS. FILT CGIL, FIT CISL, UILTRASPORTI, FAISA CISAL e UGL. A rischio la normale circolazione delle linee di superficie e della metropolitana milanese.

Secondo quanto riportato dalla stessa ATM il personale avrà facoltà di astensione dal lavoro rispettando i seguenti orari: a partire dalle ore 8:45 e fino alle 15; lo sciopero riprenderà nuovamente alle 18 per concludersi al termine del servizio.

Guarda alcune delle immagini simbolo di Milano

Sciopero trasporti a Roma

Aderiscono allo sciopero trasporti a Roma le sigle Filt Cgil, Fit Cisl, Uil Trasporti, Faisa Cisal e Ugl Fna. A rischio i mezzi Atac (bus, tram, filobus, metropolitana), RomaTpl e linee ferroviarie locali (Roma-Lido, Roma-Civitacastellana-Viterbo, Termini-Centocelle).

  • Notte tra il 25 e il 26 marzo – Non garantite le corse effettuate dalla linee notturne N, mentre risulterà regolare il servizio delle linee diurne con corse programmate dopo le 24, oltre alle seguenti linee notturne Atac (38-44-61-86-170-246-301-451-664-881-916-980) e RomaTpl (314-404-444).
  • Giornata del 26 marzo – A rischio i mezzi pubblici romani dalle 8:30 alle 17 e dalle 20 a fine servizio. Le restanti fasce orarie risulteranno “di garanzia”, con linee attive, a tutela dei viaggiatori. Non saranno garantite nemmeno le linee diurne che hanno corse programmate oltre le ore 24 e le corse notturne delle seguenti linee: 38-44-61-86-170-246-301-451-664-881-916-980 (Atac) e 314-404-444 (RomaTpl).
  • Notte tra il 26 e il 27 marzo – Contrariamente alla notte tra il 25 e il 26, verrà garantito il servizio delle linee bus N. Non garantite le linee diurne (corse programmate oltre le ore 24) e le corse notturne delle linee Atac 38-44-61-86-170-246-301-451-664-881-916-980 e delle linee RomaTpl 314-404-444.

Guarda alcune delle immagini più belle di Roma

Torino

L’adesione allo sciopero delle sigle Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti, Faisa-Cisal, Ugl-Fna farà sì che non potranno essere garantite le corse dei mezzi urbani e suburbani di superficie GTT a Torino. A rischio anche le linee ferroviarie locali e la metropolitana.

  • Servizio urbano-suburbano e metropolitana non più garantito dalle 9 alle 12 e dalle 15 a fine servizio.
  • Servizio extraurbano e ferroviario (SfmA Borgaro-Aeroporto-Ceres) a rischio dalle ore 8 alle 14:30 e dalle 17:30 a fine turno.
  • Servizio ferroviario (Sfm1 Rivarolo-Chieri): stop dalle 9 alle 18 e dalle ore 21 a fine servizio.

Napoli

Anche i mezzi ANM di Napoli saranno soggetti all’agitazione sindacale indetta da Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti, Faisa-Cisal, Ugl-Fna per venerdì 26 marzo 2021. Di seguito le indicazioni fornite dall’azienda per la mobilità partenopea:

  • Linee bus (tram, bus, filobus) a rischio dalle 8:30 alle 17 e dalle 20 a fine servizio. Viene specificato inoltre: “le ultime partenze vengono effettuate 30 minuti prima dell’inizio dello sciopero e riprendono circa 30 minuti dopo la fine dello sciopero“.
  • Metro Linea 1. In caso di adesione allo sciopero trasporti l’ultima corsa del mattino da Piscinola e da Garibaldi verrà effettuata alle ore 09:20. La ripresa del servizio è previsto alle 17:10 da Piscinola e alle 17:50 da Garibaldi. Ultima corsa serale da Piscinola e da Garibaldi alle 19:50.
  • Funicolari Chiaia, Centrale e Montesanto, l’ultima corsa del mattino garantita è prevista alle 09:20. Il servizio riprenderà il pomeriggio alle 17, mentre l’ultima corsa serale partirà alle 19:50. L’impianto di Mergellina resterà chiuso, con attivo il servizio navetta 621 (che seguirà gli orari di sciopero delle linee bus).

Sciopero trasporti a Firenze

A Firenze è previsto lo svolgimento di un duplice sciopero dei trasporti pubblici (rispettivamente di 24 e 4 ore), indetti dalle sigle Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti, Faisa-Cisal, Ugl-Fna, e dall’Esecutivo Provinciale Cobas Lavoro Privato. Le modalità e gli orari di svolgimento saranno i seguenti:

Sciopero di 24 ore (Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti, Faisa-Cisal, Ugl-Fna)

  • Personale viaggiante – Stop da inizio del servizio alle 6; dalle 9:15 alle 11:45; dalle 15:15 a fine servizio.
  • Operai e impiegati – Intero turno di lavoro.

Sciopero di 4 ore (Cobas Lavoro Privato)

  • Personale viaggiante – Dalle 17 alle 21.
  • Operai e impiegati – Ultime 4 ore del turno di lavoro.

Guarda alcune delle immagini più belle di Firenze

Bologna, Ferrara e Imola

Bologna, Ferrara e Imola verranno interessate dalla possibile astensione dei mezzi Tper. Variabili le modalità e gli orari di svolgimento: comuni per le prime due, mentre nel centro imolese sono previste fasce orarie differenti.

I mezzi Tper del trasporto urbano, suburbano ed extraurbano saranno a rischio, nei bacini di Bologna e Ferrara, venerdì 26 marzo 2021 dalle 8:30 (garantite le corse fino alle 8:15) alle 16:30 e dalle 19:30 (garantite le partenze fino alle 19:15) fino al termine del servizio. Garantita la presenza di almeno un operatore per il servizio call center 051-290290.

Per quanto riguarda Imola, Tper fa sapere che:

Verranno garantite tutte le corse complete in partenza dalla stazione ferroviaria, o dall’autostazione, fino alle ore 8:20 al mattino e fino alle ore 19:20 alla sera.

Palermo

Lo sciopero dei trasporti di oggi coinvolge anche la città di Palermo. Queste le indicazioni riportate sul sito dell’agenzia per la mobilità Amat Palermo:

Si comunica che per giorno 26 marzo 2021 è stato proclamato, dalle OO.SS. FILT CGIL – FIT CISL – UIL TRASPORTI – UGL FNA , FAISA CISAL e ORSA, uno sciopero nazionale della durata di 24 ore del settore trasporto pubblico locale sul rinnovo del CCNL di categoria.

Saranno garantiti i servizi minimi essenziali nelle fasce orarie dall’uscita del servizio fino alle ore 8.30 e dalle ore 17.30 sino a fine servizio.

Genova

A Genova lo sciopero trasporti di oggi interesserà, come riportato sul sito Amt, diverse categorie di mezzi pubblici. Di seguito le principali indicazioni riguardanti orari e modalità:

  • Servizio urbano – Astensione del personale viaggiante fino alle 6, poi ancora dalle 9 alle 17:30 e infine dalle 20:30 al termine del servizio. Le altre figure professionali coinvolte (biglietterie e assistenza clienti) si asterranno per l’intero turno di lavoro.
  • Servizio provinciale – Intera giornata di astensione per il personale viaggiante, con mezzi a rischio fino alle 6, dalle 9 alle 17 e dalle 20 a fine turno. A rischio biglietterie e assistenza clienti dalle 9 alle 16:30.
  • Ferrovia Genova / Casella – Servizio a rischio fino alle 6:30, dalle 9:30 alle 17:30 e dalle 20:30 al termine del servizio. Intero turno di stop per il restante personale.

Sciopero dei trasporti a Cagliari

I mezzi Ctm a Cagliari saranno a rischio nelle seguenti fasce orarie. Al mattino fino alle 7:30, poi dalle 9:30 alle 12:45. Nella fascia pomeridiana stop dalle 14:45 alle 18:30 e infine dalle 20:30 al termine del servizio.

Ctm avvisa che le corse immediatamente a ridosso degli orari di sciopero potrebbero essere soggette a ulteriori difficoltà:

Si comunica che le corse immediatamente a ridosso dell’orario di inizio dello sciopero potranno non essere garantite nella loro completezza. Inoltre, a causa delle modalità dell’astensione lavorativa, la ripresa del servizio nei minuti immediatamente successivi all’orario di fine sciopero potrebbe non essere assicurata.

Bari

Lo sciopero trasporti oggi a Bari vedrà coinvolti i mezzi della Amtab, secondo i seguenti orari. Primo stop dalla mezzanotte fino alle 5:30 del mattino. Si prosegue a partire dalle 8:30 fino alle 12:30, con ultima fase dell’agitazione prevista dalle 15:30 fino alle 24.

Gli orari suddetti riguardano il personale viaggiante, mentre gli operai e il personale degli impianti fissi si asterrà dalle proprie mansioni per l’intera giornata lavorativa.

Motivazioni dello sciopero trasporti del 26 marzo 2021

Come riportato sul sito ufficiale dell’azienda per la mobilità a Roma, Atac, di seguito indicate le motivazioni alla base dello sciopero trasporti nazionale indetto per venerdì 26 marzo 2021:

  • Per la tutela della salute e sicurezza delle lavoratrici e del lavoratori;
  • Per la proroga della moratoria sui licenziamenti;
  • Per un welfare pubblico ed universale;
  • Per una pensione dignitosa a 60 di età o, in alternativa, 35 anni di contributi per tutte e tutti, senza decurtazioni che, di fatto, discriminano i redditi bassi e le donne;
  • Per il diritto al lavoro, a salari e carriere senza discriminazioni;
  • Contro le politiche di austerity che impoveriscono i lavoratori e discriminano donne e immigrati;
  • Contro la forma di controllo classista e familista riproposto dalla struttura del reddito di cittadinanza;
  • Contro la precarietà lavorativa e sociale che colpisce soprattutto le donne.

Seguici anche sui canali social