Greenstyle Casa & Giardino Orto & giardino Piante Piante da interno: poca luce in casa? Ecco le specie più adatte e consigli per curarle

Piante da interno: poca luce in casa? Ecco le specie più adatte e consigli per curarle

Piante da interno: poca luce in casa? Ecco le specie più adatte e consigli per curarle

Fonte immagine: Pixabay

È stato dimostrato che avere delle piante da interno, nel proprio appartamento o nel proprio ufficio, può migliorare il nostro umore, può renderci più produttivi e, vantaggio non indifferente, può anche purificare l’aria dalle tante sostanze inquinanti che si accumulano negli ambienti chiusi. Ami le piante, ma in casa hai poca luce e decisamente troppo poco spazio in balcone? Tutto questo non deve frenare la tua voglia di circondarti di un po’ di verde e di aria pulita anche in casa.

Che fare, dunque, se vivi in ambienti con poca illuminazione naturale? Semplice, ti basterà scegliere delle piante da interno resistenti, capaci di adattarsi anche alle posizioni meno luminose.

Probabilmente non lo sapevi, ma molte piante sono capaci di vivere in ambienti scarsamente illuminati. Ciò che conta è che tu ne conosca le caratteristiche e le specifiche necessità.

In questo articolo scopriremo, ad esempio, quali sono le piante che possono stare “al buio”, o più esattamente in luoghi non abbondantemente soleggiati e vedremo come accudirle nel migliore dei modi, per godere di un po’ di verde dentro casa.

Prima di tutto, vediamo però cosa comporta, per le piante, avere poca luce a disposizione.

Piante in casa e poca luce: quali sono le conseguenze?

Scegliere una pianta qualsiasi e inserirla in un ambiente poco luminoso non è mai la scelta più saggia. Alcune piante più di altre hanno bisogno di sole e di luminosità, e non possiamo pensare di inserire una di queste piante in appartamento e sperare che possa crescere bene.

In un ambiente buio, una pianta va incontro a una carenza di clorofilla, le foglie inizieranno ad ingiallirsi e le piante inizieranno ad allungarsi, per effetto di un processo chiamato “eziolamento” o “filatura”, che le spinge ad allungarsi in modo anomalo, per raggiungere la luce del sole.

In un ambiente buio, la pianta può crescere lentamente o smettere del tutto di crescere. Può smettere di fiorire e, in una parola, soffre. È per questa ragione che, se la luce in casa è davvero poca, sarà bene scegliere le piante adatte, e posizionarle quanto più possibile vicino a porte e finestre almeno per alcune ore al giorno.

Ma a questo punto, quali piante vogliono poca luce? Insomma, quali sono le migliori piante da appartamento da inserire in un ambiente poco luminoso?

Quali sono le piante che possono stare in casa?

Piante da interno
Fonte: Pixabay

Abbiamo visto che non tutte le piante possono adattarsi agli ambienti interni, specialmente quando la luce scarseggia. È tuttavia possibile scegliere delle piante che non solo non soffriranno se inserite in un contesto poco luminoso, ma che hanno effettivamente bisogno di poca luce per poter crescere in salute.

Prima di acquistare una pianta, chiedi sempre consiglio al tuo vivaista di fiducia per non rischiare di fare un acquisto errato. Fra le piante da interno resistenti e adatte alle tue necessità rientrano ad esempio la Kenzia, la Zamia, il Filodendro, l’Aspidistra e la Felce di Boston. Conosciamone le specifiche caratteristiche in modo da scegliere la pianta adatta alle tue esigenze.

Kenzia

Membro della famiglia delle Arecaceae, la Kentia è meglio nota con il nome di Howea, ed ha la capacità di portare l’atmosfera esotica in casa. Si tratta infatti di una piccola palma che ben si adatta alla vita in appartamento. Anzi, questa pianta difficilmente si adatta a giardini e balconi, poiché il nostro clima non è adatto alle sue esigenze, specialmente in inverno.

Da brava pianta che ama l’ombra, la Kentia non tollera l’esposizione diretta ai raggi del sole, che ne farebbe ingiallire le foglie. Sarà quindi meglio esporla solo nelle ore meno calde della giornata. In ambienti particolarmente bui la pianta potrebbe crescere più lentamente.

Felce di Boston (Nephrolepis Exaltata)

Fonte: Pixabay

La felce di Boston fa parte della famiglia delle Polipodiacee. Il nome scientifico è Nephrolepis exaltata ‘Bostoniensis’, ed anche questa pianta preferisce zone ombreggiate della casa.

Come la Kentia, anche questa varietà di felce non ama il sole diretto, specialmente nelle ore più calde. Oltre ad essere una pianta facile da coltivare, la Felce di Boston è anche in grado di ridurre il livello di umidità nell’ambiente e di purificare l’aria dalle sostanze inquinanti indoor.

Aspidistra

Chiunque, almeno una volta nella vita, ha avuto una pianta Aspidistra nella propria casa. Proveniente da molto lontano (ha infatti origini orientali), questa pianta cresce in natura nelle foreste più ombreggiate, ma nonostante ciò si adatterà bene alla vita in casa.

L’Aspidistra è considerata forse la pianta da appartamento più resistente poiché, anche se trascurata, riesce a sopravvivere.

La pianta offre dei fiori di colore rosso che fioriscono in estate, ma difficilmente fiorirà se tenuta solo ed esclusivamente dentro casa.

Zamioculcas

Fonte: Pixabay

Nota comunemente con il nome di Zamia, la Zamioculcas zamiifolia sarà la scelta perfetta se anche tu non hai il pollice verde. La Zamia infatti si adatta a qualsiasi ambiente ed è in grado di tollerare anche piccoli errori nella manutenzione. Ciò non toglie che bisognerà cercare di fare il massimo per accudire la pianta.

La Zamia, come le altre piante che abbiamo appena conosciuto, non ama l’esposizione in pieno sole, e cresce egregiamente in luoghi poco luminosi.

Filodendro

Fonte: Pixabay

Membro della famiglia delle Aracee, il Filodendro è una delle più comuni piante d’appartamento. Dalle caratteristiche foglie grandi e di forme diverse (a cuore, ovali, lunghe e così via), questa pianta non ama la luce diretta e si adatta bene alla vita in appartamento, sebbene in casa difficilmente la pianta fiorirà.

Se posizionata in zone troppo buie, le foglie della pianta potrebbero perdere il loro colore e diventare più piccole, per cui sarà bene posizionarla in luoghi adatti.

Piante da interno: come curarle?

Come hai potuto constatare, le piante da interno resistenti che richiedono poca luce e (talvolta) anche poca manutenzione sono molte, ma il fatto che si tratti di piante in grado di adattarsi agli ambienti più bui non implica che non abbiano bisogno di adeguate cure.

Ma come curare le piante in casa? Di seguito ti segnaliamo una lista di consigli per curare queste tipologie di piante nel modo più adatto.

Annaffiature

Quanta acqua dare a una pianta d’appartamento? La risposta dipenderà dal tipo di pianta. Le piante grasse da interno, ad esempio, ne richiederanno davvero poca. Ricorda di non annaffiare le piante in modo eccessivo, poiché potresti causare degli accumuli di acqua dannosi per le radici. Annaffia la pianta quando la terra appare asciutta (prima di procedere tocca il terriccio per sicurezza) e, se la pianta lo richiede, vaporizza dell’acqua sulle foglie, pulendole con un panno umido.

Ristagni d’acqua nelle piante da interno

La questione dei ristagni di acqua merita un discorso a parte. Se la pianta viene innaffiata troppo, come abbiamo accennato potrebbero verificarsi dei ristagni. La temperatura elevata in casa potrebbe di conseguenza causare la formazione di muffe nelle radici, che finirebbero per marcire, danneggiando la pianta.

La scelta dell’ambiente

Fonte: Pixabay

Sappiamo già che la pianta da te prescelta sarà posizionata in casa, e probabilmente in un punto non troppo luminoso, tuttavia evita di alloggiarla in un ambiente troppo secco o sotto condizionatori o caloriferi, che ne rovinerebbero le foglie facendola appassire. Ricorda inoltre che le piante non tollerano gli sbalzi di temperatura eccessivi, quindi posizionala in casa tenendo contro di queste necessità.

Potresti spostare la pianta in alcuni momenti della giornata, portandola ad esempio in soggiorno quando questa stanza viene raggiunta dalla luce del sole, tenendo sempre a mente che molte piante non tollerano i raggi del sole diretti.

Lampade per piante da interno

Se la tua casa è davvero troppo buia per poter accogliere una pianta, in commercio esistono delle lampade artificiali apposite, spesso impiegate per offrire maggiore illuminazione, specialmente durante l’inverno.

Infine, prenditi cura della pianta eliminando le foglie morte ed eventuali rametti secchi, in modo che cresca in maniera armonica.

Provvedi a concimare il terreno regolarmente (chiedi al tuo vivaista di fiducia quando e come bisognerà concimare ogni specifica pianta) e, se il vaso appare troppo piccolo per contenere le radici, sposta la pianta in un contenitore più adatto.

Seguici anche sui canali social