Pesca sostenibile: tonno e salmone Findus certificati MSC e ASC

Pesca sostenibile: tonno e salmone Findus certificati MSC e ASC

Findus si schiera contro la pesca insostenibile. Il sovrasfruttamento interessa circa un terzo degli stock ittici mondiali e risulta a rischio il 33% della popolazione marina. Una condizione contro la quale l’azienda (dal 2015 parte del gruppo Nomad Foods) ha deciso di muoversi ottenendo il marchio blu di pesca sostenibile MSC (Marine Stewardship Council) e […]

Findus si schiera contro la pesca insostenibile. Il sovrasfruttamento interessa circa un terzo degli stock ittici mondiali e risulta a rischio il 33% della popolazione marina. Una condizione contro la quale l’azienda (dal 2015 parte del gruppo Nomad Foods) ha deciso di muoversi ottenendo il marchio blu di pesca sostenibile MSC (Marine Stewardship Council) e quello ASC (Aquaculture Stewardship Council).

Le linee Findus interessate da questa svolta saranno quelle contenenti tonno e salmone: questo secondo tipo è al momento sostenibile per il 90% della produzione, con 57 referenze certificate, e l’obiettivo è di arrivare al 100% entro il 2025. Renato Roca, direttore Marketing Findus:

Siamo molto soddisfatti del risultato raggiunto con questi nuovi prodotti certificati è stato un percorso lungo e complesso perché per alcune specie, come il tonno, reper materia prima certificata è molto complesso. Ci siamo dati obiettivi sfidanti e siamo determinati a raggiungerli. L’impegno per arrivare ad avere il 100% della nostra produzione ittica da pesca sostenibile e allevamento responsabile entro il 2025 ne è un buon esempio.

A livello di Gruppo siamo già i maggiori utilizzatori di pesce certificato MSC al mondo, con oltre il 90% del nostro portfolio certificato, e continueremo a lavorare fianco a fianco con organizzazioni come MSC e ASC per aumentare la quantità di pesce approvvigionato in modo responsabile. Riteniamo sia nostro dovere di leader di mercato tracciare una strada da seguire e dare un impulso per cambiare il mercato: il nostro obiettivo è che la pesca sostenibile diventi uno standard e non sia solo un’eccezione.

Nello specifico la cattura del tonno è operata solo da banchi liberi, così da minimizzare il rischio di cattura di altre specie come delfini e tartarughe. Per quanto riguarda il salmone la scelta è stata di orientarsi verso il marchio ASC, un’organizzazione internazionale che stabilisce criteri rigorosi per l’allevamento ittico.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Pesca sostenibile, perché