Greenstyle Mobilità Eco-turismo Parco Nazionale di Plitvice Lakes: tutto su questo patrimonio UNESCO in Croazia

Parco Nazionale di Plitvice Lakes: tutto su questo patrimonio UNESCO in Croazia

Il Parco Nazionale dei Plitvice Lakes si trova in Croazia ed è famoso per la sua singolare conformazione geografica e morfologica. La zona si caratterizza infatti per fitte foreste secolari, attraversate da numerosi corsi d'acqua e da ben 16 laghi di natura calcarea: un paradiso che rende possibile un'incredibile biodiversità di specie animali e vegetali. Il parco può essere visitato tutto l'anno, con prezzi variabili a seconda della stagione.

Parco Nazionale di Plitvice Lakes: tutto su questo patrimonio UNESCO in Croazia

Fonte immagine: Pixabay

Il Parco Nazionale di Plitvice Lakes – o dei laghi di Plitvice – è una delle mete turistiche ambientali più ambite in Europa. Situato in Croazia, si tratta di un luogo dall’incredibile ecosistema, dove foreste secolari incontrano numerosi corsi d’acqua, piscine naturali, rocce calcaree e molto altro ancora. Un luogo unico nel suo genere, tra panorami mozzafiato e natura incontaminata. Ma cosa sapere su questo parco?

Divenuto Patrimonio Unesco nel 1979, il Parco Nazionale di Plitvice Lakes è anche un paradiso di biodiversità, data l’abbondanza di corsi d’acqua: in questa zona, infatti, si trovano numerose specie vegetali e animali. Di seguito, tutte le informazioni utili.

Cosa è il Parco Nazionale di Plitvice Lakes

Laghi di Plitvice
Fonte: Unsplash

Il Parco Nazionale di Plitvice Lakes è un’area protetta della Croazia, nei pressi del complesso montuoso di Lička Plješivica. Si tratta di un’area di territorio di circa 33.000 ettari, caratterizzato per la presenza di fitte foreste e ben 16 laghi, derivati nel corso dei secoli dal flusso di due fiumi: il Fiume Bianco e il Fiume Nero. Questi due corsi d’acqua presentano grandi concentrazioni calcaree, la principale ragione della straordinaria conformazione del territorio: nel parco sono infatti presenti numerose piscine naturali, dovute proprio alla formazione di rocce calcaree.

Questa area naturale, ricca di biodiversità, è nota sin da tempi antichissimi. Eppure l’istituzione del Parco Nazionale, e della conseguente area protetta, avvenne soltanto nel 1949. Trent’anni più tardi, nel 1979, il sito è stato inserito nei Patrimoni dell’Umanità dell’UNESCO.

Il territorio dei laghi di Plitvice

Come già accennato, il territorio dei laghi di Plitvice si caratterizza per la presenza di numerosi corsi d’acqua e piscine naturali, derivati dallo scorrimento del Fiume Nero e del Fiume Bianco, che a loro volta si immettono nel Fiume Korana. L’area, che si trova tra la regione della Lika e di Segna e la regione di Karlovac, proprio per questo motivo ha sviluppato una singolare morfologia, fatta di foreste secolari alternate da laghi e piscine calcaree.

Proprio in merito ai laghi, se ne contano 16 principali, divisi in due grandi gruppi:

  • Laghi superiori (Gornja jezera): Prošćansko jezero, Ciginovac, Okrugljak, Batinovac, Veliko jezero, Malo jezero, Vir, Galovac, Milino jezero, Gradinsko jezero, Buk, Kozjak;
  • Laghi inferiori (Donja jezera): Milanovac, Gavanovac, Kaluđerovac, Novakovića Brod.

I laghi hanno dimensioni e profondità variabili e presentano tutti una struttura calcarea, dovuta alla sedimentazione di minerali occorsa negli ultimi millenni. Il più esteso e profondo è il Kozjak: questo lago in alcuni punti raggiunge ben 47 metri di profondità.

La biodiversità dei Plitvice Lakes

Germano reale ai laghi di Plitvice
Fonte: Unsplash

La conformazione così particolare del territorio del Parco Nazionale dei Laghi di Plitvice ha favorito lo sviluppo di un’incredibile biodiversità, incentivata anche dalla grande presenza di acqua e, fatto non meno scontato, dalla protezione garantita dalle foreste e dalle montagne.

All’interno del Parco vivono più di 50 specie di mammiferi diverse – tra cui orsi bruni, lupi, cinghiali, linci e caprioli – 157 di uccelli e migliaia di insetti, tra cui 321 specie di lepidotteri. Non a caso, quelli di Plitvice sono anche chiamati i “laghi delle farfalle”, proprio poiché la probabilità di imbattersi in coloratissimi esemplari – oppure anche in maestose falene – è davvero alta, soprattutto nel periodo primaverile ed estivo.

Le foreste sono perlopiù caratterizzate da boschi di faggio, abete bianco e abete rosso e, fatto non meno importante, da un fitto sottobosco di cespugli e numerosissimi funghi, la cui crescita è favorita dal clima mediamente umido della zona. Non mancano nemmeno centinaia di varietà di fiori che, sempre nei periodi più caldi dell’anno, trasformano la zona di Plitvice in un vero e proprio spettacolo di colori e profumi.

Cosa fare al Parco Nazionale dei Plitvice Lakes

Laguna di Plitvice
Fonte: Unsplash

Il Parco Nazionale dei Plitvice Lakes è il luogo perfetto per gli amanti delle escursioni nel pieno rispetto della natura e, perché no, anche dagli appassionati di fotografia: all’interno del Parco si potranno infatti approfittare di viste mozzafiato, da immortalare in uno scatto.

Chi arriva al Parco può avvalersi dei numerosi e comodi sentieri – e delle passerelle in legno che circondano i laghi principali – per visitare la zona. In alternativa, sono disponibili diverse viste guidate di durata e intensità variabile – dalle tre alle sette ore – per scoprire più da vicino tutte le bellezze naturalistiche della zona. Vi è anche la possibilità di spostarsi con delle barche elettriche sul lago Kozjak o, ancora, seguire un percorso guidato su un apposito veicolo panoramico.

Per non disturbare la fauna locale, e non arrecare danno alla flora e al territorio, è possibile percorrere il parco solo sui sentieri segnalati, alcuni dei quali potrebbero essere chiusi in alcuni periodi dell’anno per ragioni di sicurezza connessi alle condizioni atmosferiche. Ancora, è richiesto un abbigliamento comodo e preferibilmente con calzature da trekking, anche perché alcune zone rocciose potrebbero risultare scivolose proprio per l’abbondanza di acqua.

Vi sono poi numerose offerte ricettive all’interno del Parco Nazionale dei Plitvice Lakes, tra cui:

  • ristoranti e punti di ristoro;
  • alberghi e hotel, per chi vuole estendere la visita su più giorni;
  • aree di campeggio autorizzate.

Quanto costa visitare il Parco Nazionale di Plitvice Lakes

L’entrata al Parco è legata all’acquisto dell’apposito biglietto, che può essere acquistato preventivamente online oppure direttamente sul posto. Il consiglio è però di munirsene prima dell’arrivo, poiché nei periodi più frequentati dell’anno gli ingressi giornalieri disponibili tendono a esaurirsi molto velocemente.

Il prezzo del biglietto base varia a seconda del periodo dell’anno e costa all’incirca dai 10 euro in bassa stagione ai 40 in alta stagione, con la possibilità di approfittare di sconti per studenti, bambini oppure anziani. Vi sono poi pacchetti risparmio per chi decidesse di estendere la visita su più giorni o, ancora, campeggiare in loco.

Il biglietto base comprende:

  • l’ingresso al parco;
  • i trasporti sulla barca elettrica e sui veicoli panoramici;
  • una polizza assicurativa per il visitatore.

Alcune visite guidate potrebbero prevedere dei costi aggiuntivi, a seconda del programma prescelto.

Fonti:

Seguici anche sui canali social