Greenstyle Benessere Rimedi naturali Olio di calendula: a cosa serve e benefici per la pelle

Olio di calendula: a cosa serve e benefici per la pelle

L'olio di calendula è un oleolito utile per la cura della pelle, da usare per prevenire e ridurre le rughe. Ma anche per combattere infiammazione e acne.

Olio di calendula: a cosa serve e benefici per la pelle

Fonte immagine: Pixabay

L’olio di calendula (Calendula officinalis) è uno di quei preziosi rimedi naturali tramandati dalle nostre nonne, che ancora oggi può risolvere alcuni dei nostri piccoli problemi quotidiani. Nello specifico, la calendula esercita effetti benefici sulla pelle, alleviando fastidi più o meno gravi in modo naturale.

Questo fiore, con i suoi petali giallo-arancio e con il suo aspetto delicato ma forte, può offrire numerosi vantaggi alla nostra salute. Solitamente, l’olio di calendula viene impiegato per il trattamento delle condizioni cutanee, da quelle dei bambini a quelle dei grandi.

Si tratta di un rimedio tradizionale considerato sicuro per la salute, al quale vengono attribuite proprietà antimicotiche, antinfiammatorie e antibatteriche, ma non è tutto. Questo rimedio naturale viene spesso impiegato in associazione ai trattamenti medici per favorire la guarigione delle ferite, mentre in campo cosmetico, l’olio di calendula è usato per minimizzare le rughe e altri segni del tempo.

Se vuoi saperne di più sui possibili benefici dell’olio di calendula, continua a leggere. Vedrai i tanti modi per adoperare la pianta e proteggere la tua pelle e quella dei tuoi bambini.

Calendula: curiosità sulla pianta officinale

Fonte: Pixabay

La Calendula è una pianta che cresce tipicamente nell’area Mediterranea. Si tratta di un colorato e festoso membro della famiglia delle Asteraceae (Compositae), che comprende al suo interno altri illustrissimi e profumati fiori, come le margherite, l’ambrosia e i crisantemi.

La Calendula raggiunge solitamente un’altezza di circa mezzo metro, ed è caratterizzata da un grande fiore giallo-arancio, che può raggiungere un diametro di circa 6-8 centimetri.

Il nome della pianta deriva probabilmente dalla parola latina “Calendae” (termine con cui gli antichi Romani chiamavano il primo giorno del mese) e si riferisce forse al fatto che il fiore tende a sbocciare una volta al mese, in estate.

Le parti usate della pianta sono solitamente i capolini, gli estratti e la parte aerea.

Le proprietà dell’olio di calendula

Fonte: Pixabay

Per cosa fa bene la calendula? Dal punto di vista terapeutico, alla pianta sono attribuite numerose proprietà medicinali e curative. Si ritiene che, se impiegata sotto forma di olio, creme, unguenti, estratto liquido e macerati, la calendula abbia effetti antibatterici, idratanti, antinfiammatori e antimicotici.

Alla pianta sono attribuite anche proprietà emollienti e lenitive, il che rende questo rimedio un vero toccasana per la cura della pelle.

La Calendula è considerata anche un antinfiammatorio naturale, grazie alla ricca presenza di antiossidanti vegetali, in grado di inibire l’azione dannosa dei radicali liberi. La pianta aiuta quindi a curare le irritazioni e le infiammazioni, cura le infezioni della pelle e offre sollievo dai piccoli problemi cutanei.

In più, alla pianta è attribuita un’azione cicatrizzante: non a caso l’olio di calendula viene solitamente impiegato per la cura delle piccole ferite.

A cosa serve l’olio di calendula?

Fonte: Pixabay

Abbiamo visto, per sommi capi, quali sono gli effetti e le proprietà curative della calendula. Ma, in definitiva, a cosa serve questo rimedio? E come posso usare la calendula per migliorare la mia salute?

Nella maggior parte dei casi, gli estratti della pianta vengono applicati localmente, sulla pelle, fornendo sollievo dai piccoli disturbi cutanei e migliorandone l’aspetto e la salute. Vediamo quali sono i benefici dell’olio di calendula che dovremmo conoscere.

Migliora la salute della pelle

Questo rimedio popolare è utile per idratare la pelle secca e screpolata. L’olio di calendula può lenire una pelle sensibile e irritata. In generale può migliorare l’idratazione e la compattezza della pelle.

Olio di calendula e uso intimo

Puoi anche trovare l’olio di calendula fra gli ingredienti del tuo detergente intimo, o puoi utilizzare la crema per il trattamento di ragadi ed emorroidi, in quanto questo ingrediente può accelerarne il processo di guarigione. Prima di fare ricorso a questo trattamento, chiedi sempre consiglio al tuo medico di base.

Utile per le mamme

L’olio di calendula può migliorare la vita della mamma e del bambino. Questo rimedio naturale è infatti in grado di lenire e proteggere la pelle sensibile del neonato, aiutando a trattare le fastidiose dermatiti da pannolino.

In più, se applicato sulla pelle, l’olio può prevenire la formazione delle ragadi al seno durante l’allattamento, favorendo la guarigione di quelle già formate.

Protegge la pelle

Si ritiene che la calendula possa ridurre il fastidio e il prurito causati dalle punture di zanzara e altri insetti, o che possa offrire una blanda azione protettiva dai raggi solari. In questo secondo caso, ti raccomandiamo di utilizzare ugualmente la tua crema solare, che oltre a proteggere dalle scottature riduce anche il rischio di cancro della pelle.

Fa guarire le ferite più velocemente

L’olio di calendula viene spesso impiegato per favorire la cicatrizzazione delle ferite e velocizzarne i tempi di guarigione. Se impiegato insieme al gel di aloe vera, abbinato ai normali trattamenti medici, questo rimedio naturale potrebbe ridurre i tempi di recupero delle ferite e il rischio di infezioni.

Detto ciò, ti consigliamo di non applicare l’olio di calendula o altri rimedi naturali su ferite aperte senza aver prima consultato il medico curante.

Un rimedio naturale contro l’acne

La calendula viene da tempo impiegata anche per trattare le pelli più sensibili e tendenti a irritazioni e arrossamenti. In più, questa bella pianta può anche aiutare a prevenire e trattare l’acne. Puoi cominciare a lavare il viso utilizzando un detergente alla calendula, oppure puoi applicare un olio o una crema alla calendula sulla pelle al mattino e/o alla sera.

Combatte eczemi e psoriasi

L’olio di calendula è apprezzato anche come rimedio naturale contro psoriasi ed eczema. Con la sua ben nota delicatezza, questo particolare olio favorisce infatti la cicatrizzazione della pelle, riducendo gli arrossamenti e attenuando il prurito.

Un antirughe naturale

Ormai lo sappiamo bene: la calendula è amica della pelle, ma questa pianta non aiuta solo ad alleviare irritazioni, acne e psoriasi. Può fare molto di più.

L’applicazione dell’olio di calendula sul viso può infatti migliorare l’aspetto generale della pelle, favorendo l’idratazione e attenuando i segni del tempo, come le classiche rughe di espressione e altri piccoli inestetismi.

Olio di calendula anti rughe: come si usa?

Puoi applicare l’olio di calendula o una crema con calendula sulla pelle del viso e massaggiare fino ad assorbimento due volte al giorno o solo la sera, prima di dormire, per notare un evidente miglioramento del tono e della bellezza della pelle.

Prepariamo l’olio di calendula fai da te?

A questo punto, probabilmente anche tu avrai una gran voglia di aggiungere questo olio alla tua skincare routine quotidiana. Invece di acquistarlo, ti va di prepararlo in casa? Il procedimento è molto semplice, e ti darà una grande soddisfazione, perché avrai preparato un rimedio popolare con le tue mani, a costi contenuti.

Per la preparazione ci serviranno dei fiori di calendula essiccati, circa 100 grammi e un olio vettore di tuo gradimento. Come vedremo, infatti, l’olio di calendula è in realtà un “oleolito“, in quanto viene preparato lasciando macerare i petali della pianta in un olio vegetale di base.

Nel video in alto viene impiegato l’olio di mandorle dolci, ma puoi usare anche quello di cocco o il tuo olio per il corpo preferito, purché contenga ingredienti naturali e sia puro al 100%.

Una volta recuperati i due ingredienti, versa i capolini essiccati in un barattolo possibilmente di vetro scuro e ricoprili con l’olio. Chiudi per bene il barattolo e lascia riposare per 4 settimane in un luogo della casa che sia fresco e asciutto, ricordando di mescolare il liquido una volta ogni 2 giorni.

Trascorso il periodo di “riposo”, filtra l’olio con un panno di cotone a maglia stretta e versalo in una bottiglia di vetro. Ecco pronto il tuo olio di calendula fatto in casa.

Quanto costa olio di calendula e dove comprarlo?

Come molti altri rimedi naturali, anche quest’olio è disponibile in erboristeria, ma puoi anche acquistare l’olio di calendula in farmacia e naturalmente on line.

Il prezzo è di cerca 10 euro per una boccetta da 100 ml, ma come abbiamo visto, è possibile preparare l’olio in casa senza particolari complicazioni.

Se hai voglia di provare questo rimedio ma non ami particolarmente il fai da te, assicurati di acquistare un prodotto che contenga ingredienti naturali e di origine biologica, privo di sostanze chimiche.

Controindicazioni ed effetti indesiderati

olio di calendula
Fonte: Pixabay

Sappiamo ora per cosa si usa l’olio di calendula e come prepararlo in casa, ma siamo certi che questo rimedio sia assolutamente sicuro e innocuo?

L’assunzione orale della pianta sotto forma di integratori ed estratti è solitamente considerata sicura per la maggior parte delle persone.

Se applicati sulla pelle, rimedi a base di questa pianta sono considerati altrettanto sicuri.

Tuttavia, il prodotto è sconsigliato per chi soffre di allergia alle piante Asteraceae/Compositae. In caso di dubbi, esegui un rapido patch test su una piccola parte di pelle, prima di applicare l’olio su grandi aree del corpo.

L’uso interno della pianta è sconsigliato per le donne incinte o che cercano una gravidanza, in quanto si ritiene che l’uso interno della calendula possa interferire con il concepimento e causare un aborto spontaneo. Se stai allattando al seno, chiedi consiglio al medico prima di utilizzare l’olio di calendula.

Interazioni farmacologiche

Un uso interno di rimedi e prodotti contenenti calendula potrebbe interferire con l’azione di alcuni farmaci. In particolar modo, evita di abbinare questo rimedio naturale ai farmaci sedativi.

Poiché la calendula può causare sonnolenza e respiro rallentato, la concomitante assunzione di farmaci sedativi potrebbe accentuare questi disturbi.

 

Fonti

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Baobab: 8 proprietà e controindicazioni
Rimedi naturali

La polvere di baobab è un rimedio naturale dalle mille proprietà benefiche e dalla storia molto antica. Questo ingrediente deriva da un superfrutto africano, il frutto del Baobab, noto per la sua capacità di rinforzare le difese immunitarie, aiutare a prevenire e trattare il diabete e supportare la salute del cuore e quella del fegato.