Greenstyle Benessere Bellezza Olio abbronzante: cos’è e come funziona

Olio abbronzante: cos’è e come funziona

L'olio abbronzante è spesso molto discusso in termini di sicurezza. Ma vediamo cosa sono effettivamente gli oli solari e come scegliere il prodotto adatto.

Olio abbronzante: cos’è e come funziona

Fonte immagine: Pixabay

Sei stanca di sentirti dare della “mozzarella” e hai deciso di acquistare un olio abbronzante per avere finalmente un’abbronzatura intensa e duratura, aspetta. Prima di mettere il flacone di olio solare nel carrello, prenditi un attimo per scegliere quello più adatto a te.

Un olio non vale l’altro, anche e soprattutto quando si parla di abbronzatura. Ma prima di tutto, sai esattamente come funziona un olio solare?

Normalmente, questi prodotti contengono una serie di ingredienti che permettono di stimolare la produzione di melanina, cioè l’insieme di pigmenti dai quali dipendono il colore dei nostri occhi, della nostra pelle e dei capelli. Questi pigmenti hanno l’importante compito di proteggere il DNA dall’azione dei raggi UV del sole.

Stimolando la produzione di melanina, gli oli abbronzanti fanno in modo che la pelle possa apparire man mano sempre più dorata e abbronzata.

Ma si tratta di prodotti sicuri per la pelle? E quale olio abbronzante scegliere per non correre rischi?

Vediamo tutto quello che bisogna sapere prima di acquistare un prodotto solare.

A cosa serve l’olio solare?

Anche noto come “olio solare”, l’olio abbronzante non è altro che una sorta di acceleratore dell’abbronzatura.

Questi prodotti vengono impiegati proprio per assorbire maggiormente i raggi del sole ed intensificarne l’effetto “abbronzante”, permettendoci quindi di ottenere una pelle dorata o ambrata anche per diversi mesi, magari senza dover fare ricorso a trattamenti come quello di abbronzatura spray.

Gli oli solari fanno male alla pelle?

Olio abbronzante
Fonte: Pixabay

La risposta a questa domanda dipende molto dal tipo di olio che intendi acquistare. Al supermercato o nelle profumerie potrai trovare infatti sia oli abbronzanti senza filtro protettivo, sia oli abbronzanti con SPF, fattore di protezione solare, in grado di proteggere la pelle dai danni provocati da un’eccessiva esposizione.

Ricordiamo che un’esposizione scorretta ed eccessiva può causare conseguenze gravi, che vanno dagli eritemi alle macchie solari, fino alle dermatiti e ai tumori della pelle.

Insomma, oggi più che mai sappiamo bene quanto sia importante proteggere la nostra salute quando ci troviamo in spiaggia o anche semplicemente quando usciamo nelle ore più soleggiate della giornata. In una calda giornata estiva, non basta rimanere sotto l’ombrellone per proteggersi dai danni del sole. È importante applicare prodotti appositamente formulati, con un fattore di protezione adeguato.

In passato gli oli abbronzanti non erano formulati per proteggere la pelle. Lo scopo era quello di riuscire ad “assorbire quanto più sole possibile”, in modo da avere un colorito super abbronzato.

Con la sempre maggiore attenzione per la salute, oggi gli oli solari sono diventati molto più sicuri. Scegliendo con cura, potrai trovare prodotti con fattori di protezione SPF anche elevati, capaci di scongiurare il rischio di scottature o di altri problemi della pelle ancor più gravi.

Molte aziende propongono, ad esempio, oli abbronzanti con SPF 30 o anche 50, capaci di coniugare l’effetto abbronzante con una protezione completa per la pelle.

Qual è il miglior olio abbronzante?

Fonte: Pixabay

A questo punto, non ci rimane che acquistare il miglior olio abbronzante sul mercato, quello più adatto alle nostre esigenze. Ma quale scegliere?

Come sempre, sarà importante evitare di acquistare prodotti “a caso” senza prima aver controllato la lista degli ingredienti.

Opta preferibilmente per un olio abbronzante bio. Dal momento che applicherai l’olio più volte nel corso della giornata, è sempre meglio che gli ingredienti siano di buona qualità, non sei d’accordo?

Controlla inoltre il fattore di protezione solare, optando per un SPF pari o maggiore di 20-30, a seconda del tuo tipo di pelle. Per una pelle più chiara o sensibile, sarebbe meglio optare per un fattore di protezione più elevato, 50+.

Inoltre, scegli un prodotto waterproof e che sia adatto al tuo tipo di pelle. Se hai una pelle grassa, ad esempio, sarà meglio scegliere un olio che non unga troppo. In alternativa, potresti optare per una crema solare, in modo da ottenere una protezione completa senza fastidiose untuosità.

Come si usa l’olio abbronzante?

olio abbronzante
Fonte: Pixabay

Proprio come quando applichi la crema solare, anche nel caso dell’olio abbronzante bisognerà spalmare il prodotto almeno 30 minuti prima di scendere in spiaggia. Dopodiché, dovrai riapplicare l’olio solare ogni due ore circa o dopo ogni bagno, attendendoti sempre alle indicazioni riportate sulla confezione.

Per quanto riguarda le quantità, ricorda sempre di non esagerare. Ti basterà versare una piccola quantità sulla pelle o nebulizzare il prodotto, nel caso dell’olio abbronzante spray, poi massaggiare su tutto il corpo fino ad assorbimento.

La pelle del viso, specialmente se chiara o sensibile, dovrebbe essere protetta invece con un’apposita crema solare. Questa zona del corpo potrebbe inoltre risultare troppo unta a causa degli oli solari, per cui sarà meglio optare per prodotti più adatti.

Posso usare un olio abbronzante fatto in casa?

Posso preparare un olio abbronzante fai da te? Anche in questo caso, la risposta dipende da diversi fattori. È vero, alcuni oli naturali, come ad esempio l’olio di oliva, quello di cocco e altri prodotti simili, permettono di abbronzarsi più velocemente.

Ma si tratta di prodotti sicuri per la salute della pelle?

Non esattamente. Questi oli, infatti, non offrono un’adeguata protezione dai raggi UV più pericolosi. Nella lista degli oli naturali abbronzanti, vengono spesso menzionati l’olio di cocco, che possiede un fattore SPF 4, l’olio di avocado, SPF 4-10, l’olio di oliva, SPF 8.

Tutti questi oli sono certamente benefici per la cura della pelle, poiché possiedono proprietà idratanti e lenitive, ma non bastano per tutelarci dall’azione dannosa dei raggi UV. Se devi andare al mare o se esci spesso durante le ore più soleggiate e calde, sarà meglio proteggere la pelle con un prodotto più adatto.

Seguici anche sui canali social