Greenstyle Benessere Bellezza Burro di karité: benefici e controindicazioni da sapere

Burro di karité: benefici e controindicazioni da sapere

Burro di karité: benefici e controindicazioni da sapere

Fonte immagine: Pixabay

Il burro di karité, ingrediente immancabile in moltissimi prodotti di bellezza, è una sostanza di origine vegetale impiegata da secoli dalle donne africane, le quali lo utilizzano per proteggere pelle e capelli dagli agenti atmosferici, oltre che per la preparazione di numerosi piatti e ricette.

Questo elemento burroso e dal colore giallo deriva dalla lavorazione dei semi della pianta africana Vitellaria paradoxa, un membro della famiglia delle Sapotacee.

Dalle terre africane, l’utilizzo del burro di karité si è poi diffuso in tutto il mondo ed oggi questo dono della natura è considerato un ingrediente immancabile nella realizzazione di maschere per capelli, creme per il corpo, cosmetici per la cura del viso e anche per la cura delle labbra.

Ma esattamente da dove ha origine il burro di karité? E come si usa? In questo articolo scopriremo quali sono le proprietà del burro di karité, vedremo quali sono i benefici per la pelle e i capelli, scopriremo come usarlo nel miglior modo possibile.

Cos’è il burro di karité?

Il burro do karité, noto anche con il nome scientifico di Butyrospermum Parkii, è una sostanza burrosa e morbida, dal caratteristico colore giallo, che viene estratta dalla pianta del karité, un albero che cresce nella savana africana.

Puoi trovarlo in commercio sotto forma di burro solido, per poterlo utilizzare dovrai prima scioglierne una piccola quantità fra le mani, un po’ come faresti per l’olio di cocco, che alle basse temperature tende a solidificarsi, per poi assumere una consistenza oleosa quando viene esposto a fonti di calore.

Grazie alla sua composizione e alle proprietà benefiche, il burro di karité rappresenta oggi un ingrediente quasi onnipresente nella produzione di creme, maschere e cosmetici.

Ma esattamente cosa contiene questo prodotto? Vediamo quali sono le sostanze che rendono il burro di karité tanto apprezzato in tutto il mondo.

Composizione del burro di karité

Questo rimedio naturale rappresenta un vero concentrato di sostanze antiossidanti e di acidi grassi utili per la salute.

Fra questi spicca ad esempio l’acido oleico, in grado di abbassare il colesterolo e di mantenere sotto controllo i livelli della pressione.

All’acido oleico si aggiungono anche altre sostanze utili come l’acido linoleico, dai ben noti effetti antinfiammatori e idratanti, l’acido palmitico, l’acido alfa-linolenico e anche buone quantità di vitamine, come la vitamina A e la vitamina E.

Che odore ha il burro di karité?

Il profumo del burro di karité è molto piacevole e avvolgente. Per certi versi, può ricordare quello del cioccolato o della nocciola, con un aroma leggermente tostato.

Burro di karité: benefici per pelle, capelli e non solo

Fonte: Pixabay

La crema di karité è particolarmente apprezzata per la sua capacità di idratare e proteggere la pelle. Questo rimedio naturale trova largo spazio anche nella cura dei capelli, tanto da essere considerato un vero e proprio elisir di bellezza per la chioma.

In più, in Africa il burro di karité trova spazio anche in cucina, sotto forma di condimento con il quale preparare numerosi piatti.

Ma diamo un’occhiata più da vicino ai molteplici utilizzi e benefici di questo prodotto.

Benefici per la pelle

Probabilmente ti starai domandando perché dovresti spalmare il burro di karité sul corpo o sul viso. Devi sapere che questo prodotto naturale può aiutarti a combattere molti problemi comuni, come ad esempio la pelle secca o le scottature solari, due problemi particolarmente frequenti durante l’estate.

Dopo una giornata trascorsa al mare, prova ad applicare un velo di crema al karité sulla pelle, avvertirai un immediato sollievo, una riduzione del rossore e una piacevole sensazione di freschezza.

In più, questa sostanza burrosa può rivelarsi molto efficace anche nell’alleviare i sintomi delle irritazioni cutanee e di fastidiose dermatiti.

Se applicato sul viso, il karité può aiutarti ad attenuare le rughe e i segni dell’acne. Se picchiettato sul contorno occhi, il burro di karité ti aiuterà invece ad avere uno sguardo più fresco e riposato.

Come si usa il burro di karité sul viso?

Potresti applicare una piccola quantità di prodotto sulla pelle ben pulita, massaggiando il viso fino a completo assorbimento.

In alternativa, per un effetto più intenso, prova a realizzare una maschera viso con burro di karité puro.

Ti basterà unire una noce di burro con due cucchiai di gel di aloe vera e applicare il composto sul viso. Stendi la maschera e lascia in posa per circa 20 minuti. Quindi, rimuovi il tutto utilizzando un panno morbido e inumidito con acqua tiepida. La tua pelle sarà immediatamente più morbida e idratata.

Burro di karité per capelli idratati e lucenti

Come abbiamo anticipato, questo burroso rimedio naturale può essere utilizzato anche per prendersi cura dei capelli. In particolar modo, il burro di karité sarà il tuo rimedio ideale se hai spesso capelli secchi, fragili e disidratati.

Per sfruttarne le proprietà benefiche, applica una noce di burro sui capelli umidi, massaggia il cuoio capelluto e stendi il prodotto su tutte le lunghezze. Quindi copri la testa con un asciugamano caldo. Lascia in posa per circa mezz’ora, quindi lava i capelli normalmente e sorprenditi del risultato.

Infine, se hai i capelli ricci o se usi spesso il gel, potresti utilizzare una noce di crema di karité per ottenere uno styling perfetto, senza dover applicare prodotti aggressivi o dannosi.

Benefici anche per la salute

Forse ti stupirà saperlo, ma il burro di karité non è utile solo per migliorare la bellezza della pelle e dei capelli.

Questo rimedio naturale, come abbiamo già visto, viene ad esempio impiegato per curare la pelle dopo l’esposizione al sole, ma può essere utilizzato anche per prevenire le ragadi al seno durante l’allattamento, per curare gli eczemi, sempre in accordo con il parere del proprio dermatologo, o per prevenire le irritazioni da pannolino nei bambini.

Il burro di karité è ottimo per lenire l’irritazione della pelle dopo la depilazione e gli uomini possono adoperarlo come dopobarba naturale e – dal momento che favorisce la produzione del collagene – è adatto anche per combattere le smagliature, in special modo quelle causate dalla gravidanza.

Puoi usarlo anche a tavola

A cosa serve il burro di karité puro in cucina? Dal punto di vista alimentare, questo ingrediente viene impiegato in cucina come un normale olio. Spesso viene inoltre utilizzato nella produzione del cioccolato.

Inoltre, il karité viene impiegato anche in sostituzione del burro, per preparare dolci. In alternativa, potresti semplicemente spalmarlo sul pane tostato, per utilizzarlo come un vero e proprio burro vegetale.

Dove comprarlo e come conservarlo

Burro di karité
Fonte: Pixabay

Puoi acquistare questo rimedio naturale in qualsiasi negozio specializzato, in erboristeria e negli shop on line. Dopo l’acquisto, ricorda di conservare il prodotto a temperatura ambiente e al riparo dalla luce. Dopo l’apertura, il burro di karité dovrebbe mantenersi in buone condizioni anche per 2 anni.

Burro di karité: controindicazioni

Dopo aver visto a cosa serve la crema di karité, bisogna senz’altro conoscerne le possibili controindicazioni. Reazioni allergiche all’utilizzo di questo prodotto sono molto rare, tuttavia, qualora dovessi manifestare sintomi come irritazione e infiammazione, sarà il caso di interromperne l’utilizzo.

Inoltre, alcune persone consigliano di applicare il burro di karité prima di andare a mare, in quanto avrebbe la capacità di proteggere la pelle dall’azione dei raggi solari. Ma non può essere sostituito ad un comune latte solare ad alta protezione, in quanto non è sufficiente a schermare da UVA e UVB.

È sempre opportuno applicare una crema solare appositamente formulata con filtri adeguati, in modo da evitare scottature o danni alla salute.

Seguici anche sui canali social