Greenstyle Sostenibilità Risparmio M’illumino di meno 2024, la giornata del risparmio energetico: ecco cosa possiamo fare

M’illumino di meno 2024, la giornata del risparmio energetico: ecco cosa possiamo fare

L'edizione 2024 di M'illumino di Meno per la Giornata Nazionale del Risparmio Energetico punta a varcare i confini nazionali.

M’illumino di meno 2024, la giornata del risparmio energetico: ecco cosa possiamo fare

Fonte immagine: Pixabay

Il 16 gennaio in Italia si celebra la Giornata Nazionale del Risparmio Energetico e degli Stili di Vita Sostenibili con l’iniziativa M’illumino di Meno lanciata nel 2005 dal programma radiofonico di Radio 2 Caterpillar, condotto da Massimo Cirri e Sara Zambotti, con l’obiettivo di diffondere consapevolezza sul risparmio delle risorse e sulla sostenibilità ambientale e istituita ufficialmente dal governo italiano con la legge n. 34/2022.

Era il 16 febbraio 2005 quando, in concomitanza con l’entrata in vigore del Protocollo di Kyoto, i conduttori di Caterpillar chiesero agli ascoltatori e alle ascoltatrici del programma di spegnere tutte le luci non indispensabili come gesto di attenzione per l’ambiente. Anno dopo anno M’Illumino di meno è diventato un appuntamento fisso con sempre più aziende, istituzioni e associazioni che hanno deciso di aderire alla manifestazione che in questo 2024 punta ad espandersi oltre i confini nazionali.

La 20esima edizione di M’illumino di Meno, dal titolo No borders, arriva con un invito a cercare alleanze internazionali nella propria adesione, tramite i gemellaggi per i comuni, i progetti internazionali per le scuole, le università e la ricerca, le sedi all’estero per le aziende. L’appello di Massimo Cirri e Sara Zambotti è tanto semplice quanto efficace: “Stringiamo alleanze internazionali pedalando insieme, organizzando spegnimenti all’estero (piccoli e grandi), mangiando a lume di candela con i colleghi stranieri in visita“.

A dare l’esempio ci pensa Rai Radio2 invitando tutte le radio europee e internazionali ad aderire e coinvolgendo il più possibile la rete dei corrispondenti Rai all’estero perché partecipino attivamente con un obiettivo ambizioso: spegnere la Tour Eiffel nell’anno delle Olimpiadi, nella Ville Lumière che tanto sta facendo per la mobilità in bicicletta.

Se nel corso degli anni i cittadini italiani hanno aderito in massa all’iniziativa, le ultime edizioni di M’illumino di meno hanno potuto contare anche sulla partecipazione delle istituzioni e l’edizione 2024 non farà eccezione. Il Ministero della Cultura ha annunciato che oggi, venerdì 16 febbraio 2024, dalle ore 19.30 alle ore 21.00, è previsto lo spegnimento delle luci degli uffici, degli ambienti comuni e di tutte le fonti energetiche della sede centrale del Ministero in via del Collegio Romano 27, a Roma.

Luci spente anche al Ministero dell’Ambiente dalle 19.00, col titolare del dicastero Gilberto Pichetto Fratin che ha parlato di una sfida che possiamo vincere tutti insieme: “Il risparmio energetico è una sfida che tutti dobbiamo sostenere ogni giorno e che assieme possiamo vincere: servono scelte forti a livello istituzionale, ma anche piccoli gesti concreti che tutti i cittadini possono attuare”.

M’illumino di meno, cosa possiamo fare

In occasione di questa giornata dedicata al risparmio energetico l’invito resta quello di spegnere le luci a casa o in ufficio dalle 19.00 alle 20.00, ma i piccoli gesti che possono fare la differenza sono tanti e semplici da adottare. Ecco un pratico decalogo delle azioni che ogni giorno possiamo compiere per ridurre l’impatto sull’ambiente:

  1. Spegni e fai spegnere le luci di casa tua, del tuo ufficio, del tuo condominio e del tuo comune.
  2. Cena a lume di candela. Prepara una cena antispreco con ricette svuota-frigo e alimenti a basso impatto ambientale.
  3. Rinuncia all’auto. Cammina, pedala, usa i mezzi pubblici o la mobilità condivisa.
  4. Organizza un’attività di sensibilizzazione. Sui temi dell’efficienza energetica e della crisi climatica: parlane con gli studenti, con i colleghi, con i clienti.
  5. Pianta alberi, piantine, fiori perché sono macchine meravigliose per invertire il cambiamento climatico.
  6. Fai economia circolare. Metti in circolo gli oggetti che non usi più, per esempio con uno swap party.
  7. Condividi il viaggio in auto, il wi-fi… per ridurre i consumi e ottimizzare le risorse.
  8. Organizza un evento non energivoro. Un concerto unplugged, una sessione di allenamento a luci ridotte, una serata di osservazione astronomica.
  9. Fai efficientamento energetico. Rendi più sostenibile l’ambiente in cui vivi: sbrina il frigorifero, applica il rompigetto ai rubinetti…
  10. Abbassa il riscaldamento. Indossa un maglione pesante!

Seguici anche sui canali social