Meteo pollini: come leggere i dati

Meteo pollini: come leggere i dati

Fonte immagine: Pixabay

Il meteo pollini è un utile servizio per monitorare la distribuzione di questi fastidiosi nemici primaverili: ecco come leggere i dati.

Con l’arrivo della primavera molte persone si trovano a dover combattere con un nemico particolarmente fastidioso: il polline. Il risveglio della natura comporta infatti la produzione di pollini e spore dalle più svariate tipologie di alberi, essenziali per la riproduzione delle stesse piante ma spesso poco tollerati dall’uomo. Sono infatti molte le persone che risultano allergiche a queste sostanze disperse nell’aria – in particolare le graminacee – e gli effetti sgraditi possono includere raffreddore, congiuntivite, irritazione delle vie aree, asma e difficoltà di respirazione.

Fortunatamente, da qualche tempo è giunto il meteo pollini in aiuto delle persone allergiche: delle previsioni sulla distribuzione di questi fastidiosi nemici, con un andamento settimanale. Ma come leggere i dati?

Meteo pollini: cosa è?

Polline

Così come già accennato, per meteo pollini – noto anche come bollettino pollinico – si intende una previsione sulla distribuzione proprio dei pollini in Italia, aggiornata a ritmo settimanale. La diffusione viene stimata in base all’attività delle piante a rischio allergeni e delle correnti dei sette giorni precedenti.

Questo progetto è stato reso possibile a partire dal 1985, con l’introduzione della Rete degli Allergeni Aerodiffusi per la misurazione dei principali pollini di interesse allergologico. Le rilevazioni avvengono su scala regionale e nazionale e vengono gestite dall’Istituto di Scienze dell’Atmosfera e del Clima del CNR di Bologna, con la collaborazione dell’Associazione Italiana di Aerobiologia. La rilevazione e il monitoraggio avviene su tutte le piante più diffuse, particolarmente note per il loro potenziale nel scatenare reazioni di tipo allergico.

L’Isac-CNR può contare su un network di 90 stazioni di rilevamento sparse sul territorio, nonché dei dati dell’EAN, l’European Aeroallergen Network. Le previsioni del meteo pollini vengono pubblicate e aggiornate il mercoledì, sul sito ufficiale proprio dell’Isac-CNR.

Meteo pollini: come leggere i dati

Raffreddore

Il bollettino in questione riporta la distribuzione dei pollini di alcune delle varietà più comuni, quali Graminaceae, Urticaceae, Oleaceae, Fagaceae, Betulaceae, Compositae, Corylaceae e Taxaceae. A questo scopo, viene misurata la quantità di pollini dispersi in un metro cubico di aria.

All’utente viene quindi fornita una comoda tassonomia, riportata sulla mappa geografica dello Stivale e identificata da specifici colori:

  • Azzurro: distribuzioni di pollini di cui non è stata definita la classe di concentrazione;
  • Verde: assenza di pollini o concentrazioni molto ridotta degli stessi;
  • Arancione/giallo: distribuzione media dei pollini per metro cubico;
  • Rosso: presenza di grandi quantità di pollini sempre per metro cubico.

Va però specificato come ogni singola specie di vegetale analizzata risponda a percentuali per classi diverse, proprio in merito alla pericolosità di allergeni o spore. Ad esempio per le Graminaceae si considera “alta” una diffusione di pollini pari o superiore al 30%. Per le Taxaceae tale concentrazione di allerta si innalza invece a valori pari o superiori al 90%.

Così come già accennato, il bollettino pollinico è valevole per sette giorni: previsioni più estese non avrebbero un’immediata utilità pratica, poiché lo spostamento dei pollini tende a essere molto repentino e anche soggetto alla variabilità del clima. Una giornata ventosa potrebbe infatti agevolare la diffusione di spore, mentre una di pioggia rallentarne sensibilmente la propagazione.

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

CrossFit a casa: decima lezione