Greenstyle Sostenibilità Cos’è la certificazione ambientale ISO 14001?

Cos’è la certificazione ambientale ISO 14001?

La norma ISO 14001 fa parte della serie di norme ISO 14000, e certifica l’impatto ambientale di un’azienda o di un’organizzazione. La certificazione si concentra su quelle pratiche virtuose che le aziende possono mettere in atto per ridurre il proprio impatto sull’ambiente.

Cos’è la certificazione ambientale ISO 14001?

Fonte immagine: iStock

Tra le numerose certificazioni di sostenibilità ambientale presenti in tutto il mondo, la norma ISO 14001 è considerata forse una delle più importanti e delle più conosciute sia a livello nazionale che nel panorama internazionale. Insieme ad altre attestazioni di sostenibilità, essa contribuisce infatti a certificare l’impegno di un’azienda o di un’organizzazione nel campo della tutela dell’ambiente e nell’adesione a determinati standard di sostenibilità che sono riconosciuti in tutto il mondo.

Ciò rappresenta un passo di cruciale importanza, specialmente in un’epoca come quella in cui stiamo vivendo, dove sono ogni giorno più evidenti gli effetti del cambiamento climatico e del riscaldamento globale causati proprio dalle attività umane.

Ma concretamente parlando che cos’è la norma ISO 45001? E perché è tanto importante munirsi di una certificazione ambientale sia nel settore pubblico che in quello privato?

In questo articolo vogliamo scoprire quali sono le certificazioni ambientali per le aziende, e cosa stabilisce la norma ISO 14001, i requisiti necessari per riuscire ad ottenerla e mantenerla, i costi e i vantaggi a breve e a lungo termine.

Prima, però, vediamo cosa intendiamo quando parliamo di “certificazione ISO”.

Cosa si intende per “certificazione ISO”?

L’ISO (dall’inglese International Organization for Standards – Organizzazione Internazionale di Standardizzazione) è il più grande ente di certificazione al mondo, e si basa su una serie di standard e criteri che vengono riconosciuti a livello internazionale.

Le certificazioni ISO vengono richieste da aziende e organizzazioni in modo del tutto volontario (non sono dunque obbligatorie), e risultano essenziali per dimostrare l’impegno di un’organizzazione nel settore della sostenibilità ambientale, ma non solo.

L’International Organization for Standardization è oggi considerata una vera autorità nella definizione di norme che siano valide per tutti i Paesi. La serie di norme ISO 14000 è relativa ai comportamenti virtuosi che le aziende dovrebbero adottare per tutelare e proteggere l’ambiente. Viene dunque richiesta da quelle aziende che desiderano certificare il proprio impegno nella riduzione dell’impatto ambientale e nella salvaguardia degli ecosistemi.

Oltre alla norma ISO 14001, che vedremo fra poco, fanno parte di questa serie anche ISO 14020, che regola le modalità di realizzazione delle etichette che recano delle dichiarazioni sulla sostenibilità ambientale, e l’ISO 14040, che invece disciplina il metodo di studio del ciclo di vita (Life Cycle Assessment) di un determinato prodotto o di un servizio.

Che cos’è la certificazione ISO 14001?

certificazione iso 14001
Fonte: iStock

In riferimento alla norma ISO 14001, questa rappresenta uno standard dal valore globale, ossia riconosciuto in tutti i Paesi. La norma stabilisce i requisiti da rispettare in materia di sostenibilità ambientale.

In poche parole, si tratta di una certificazione che disciplina le prestazioni ambientali di un’azienda o di un’organizzazione, in modo che quest’ultima abbia un impatto minimo sull’ecosistema e sia quanto più possibile sostenibile per il Pianeta.

Questa certificazione, un po’ come la LEED (un attestato di sostenibilità degli edifici) o la certificazione BREEAM (che valuta gli standard di sostenibilità edilizia), o come la FSC (che si occupa della gestione sostenibile delle foreste), rappresenta un valido supporto per migliorare le strategie di gestione ambientale di un determinato bene, attività o servizio.

Grazie alla certificazione ISO 14001, aziende, clienti, investitori, dipendenti e tutti gli altri attori coinvolti possono avere la sicurezza assoluta che l’organizzazione venga gestita in modo eco-consapevole, nel pieno rispetto dell’ambiente, in un’ottica di costante auto-miglioramento delle prestazioni in materia di sostenibilità.

Cosa stabilisce la norma ISO 14001 sui sistemi di gestione ambientale?

Ma concretamente parlando, cosa indica la norma ISO 14001? Perché un’azienda possa pregiarsi di questa certificazione è essenziale che dimostri materialmente il proprio impegno nella tutela dell’ambiente e nell’adozione di sistemi “green”, tecnologie innovative e strategie sostenibili sia a breve che a lungo termine.

Ciò non avrà un impatto positivo “solamente” sull’ambiente, ma inciderà anche sulla stessa credibilità e sulla reputazione dell’azienda.

Nello specifico, ISO 14001 certifica e conferma l’intento dell’azienda di mettersi all’opera per ridurre il proprio impatto ambientale. Tale certificazione è sempre soggetta ad aggiornamenti, sulla base dei requisiti sempre più efficienti necessari per garantire una maggiore tutela dell’ambiente sia a breve che a lungo termine.

Ad oggi, la norma ISO aggiornata e riconosciuta è la ISO 14001:2015.

Perché la certificazione ISO 14001 è importante?

Ma a conti fatti, perché è così importante rispettare degli standard di sostenibilità ambientale e, al contempo, dotarsi di certificazioni ad hoc? La risposta è semplice e lampante.

Le conseguenze del rapporto squilibrato che l’uomo ha instaurato con l’ambiente sono oggi più evidenti che mai.

Viviamo in un’epoca di grandi sconvolgimenti climatici: riscaldamento globale, eventi meteorologici estremi, inquinamento dell’aria e dei suoli, perdita di biodiversità animale e vegetale, presenza di montagne di spazzatura in ogni angolo del pianeta, distruzione di interi habitat, tutto ciò avviene in nome del profitto economico.

In un quadro tanto preoccupante, si fa sempre più spazio una certezza: la Terra è la nostra sola e unica casa, e con le nostre attività dannose la stiamo pian piano sempre più distruggendo.

Prendendo spunto dalle parole di Toro Seduto, capo tribù dei Sioux Hunkpapa, probabilmente “solo quando l’ultimo albero sarà abbattuto, l’ultimo pesce mangiato e l’ultimo fiume avvelenato“, solo allora ci renderemo conto che non possiamo mangiare il denaro che abbiamo accumulato nelle banche, né gli oggetti che acquistiamo in maniera quasi compulsiva.

Uno strumento per proteggere il Pianeta

In quest’ottica, l’implementazione della certificazione ISO 14001 e di altre certificazioni ambientali rappresenta senz’altro uno strumento prezioso per la tutela del Pianeta, una strategia a lungo termine in favore delle generazioni attuali e, ancor più, delle generazioni a venire.

Per tutelare gli ecosistemi, questa specifica norma tiene in considerazione diversi aspetti, come la gestione delle risorse, le modalità di riduzione e smaltimento dei rifiuti, il ciclo di vita di un servizio o prodotto, le prestazioni ambientali dell’organizzazione e altri fattori.

Per chi si chiedesse perché sono importanti l’ISO 14001 e le altre certificazioni di sostenibilità, possiamo dire che grazie ad esse le aziende possono avvalersi di linee guida efficaci e di un quadro chiaro e strutturato per migliorare il proprio impatto sull’ambiente.

Le aziende possono raggiungere e attestare i propri comportamenti virtuosi, migliorando di conseguenza la propria reputazione sul mercato agli occhi dei clienti, dei potenziali partner commerciali e degli investitori.

A cosa serve la certificazione ambientale?

manifestazione per ambiente
Fonte: Pixabay

Tirando le somme, l’ISO è un sistema di certificazioni che offre una lunga serie di vantaggi, sia sul mercato nazionale che sul piano internazionale. Fra i vantaggi dell’ISO 14001 rientrano:

  • Possibilità di aderire alle linee guida internazionali in tema di sostenibilità ambientale;
  • Continuo monitoraggio delle prestazioni ambientali di un’azienda o di un servizio;
  • Migliore gestione delle risorse idriche, energetiche e così via;
  • Riduzione degli sprechi, con un conseguente incremento dei risparmi e una diminuzione delle spese di gestione dell’azienda;
  • Aumento del valore globale dell’azienda;
  • Adozione di tecnologie innovative e di sistemi e strategie sempre all’avanguardia, volte a favorire lo sviluppo di pratiche sostenibili ed eco-compatibili;
  • Miglioramento della reputazione dell’organizzazione o dell’azienda agli occhi di clienti, investitori e finanziatori;
  • Riduzione dell’inquinamento e dell’impatto ambientale dell’organizzazione.

Chi può richiedere la certificazione 14001?

Come anticipato, la certificazione di gestione ambientale responsabile non è obbligatoria, ma può essere richiesta in qualsiasi momento, in modo del tutto volontario da aziende e organizzazioni di qualsiasi genere, sia nel settore pubblico che in quello privato.

A farne la richiesta possono essere tutti i tipi di aziende che hanno a cuore la sostenibilità ambientale e che desiderano migliorare e/o ridurre il proprio impatto sul Pianeta.

Quali sono i requisiti della norma ISO 14001?

Per poter ottenere questo tipo di certificazione, l’azienda deve dimostrare di rispettare una lista di requisiti. Più nello specifico bisognerà:

  • Esaminare gli aspetti ambientali dell’azienda, tenendo in considerazione fattori come le emissioni di CO2 e gas serra o altri inquinanti, lo sfruttamento delle risorse (suolo, acqua, …), la gestione dei rifiuti e altri elementi;
  • Definire la politica dell’azienda in tema di sostenibilità ambientale e favorire una cultura aziendale che sia quanto più possibile consapevole ed eco-compatibile;
  • Stabilire le responsabilità dell’organizzazione in materia di sostenibilità ambientale;
  • Intraprendere delle attività per la tutela dell’ambiente;
  • Migliorare continuamente il proprio sistema di gestione ambientale.

Cosa deve fare una azienda per certificarsi ISO 14001?

Per ottenere questo tipo di certificazione, l’azienda può presentare una richiesta in forma spontanea, non prima di essersi assicurata di soddisfare i requisiti di sostenibilità ambientale previsti dalla norma.

Ad occuparsi dell’iter di attestazione sarà un organismo accreditato e indipendente, che dovrà verificare la conformità dell’azienda agli standard ISO 14001.

Qualora l’organizzazione dovesse soddisfare tutti gli standard e i requisiti previsti, l’organismo o l’ente competente fornirà un’attestazione che avrà una validità di 3 anni. In questo lasso di tempo verranno eseguiti dei controlli regolari, in modo da monitorare l’effettivo rispetto delle norme ambientali da parte dell’azienda.

Quanto costa ottenere una certificazione ISO?

ISO 14001
Fonte: iStock

Ora che sappiamo quali sono i requisiti per ottenere questo tipo di certificazione ambientale, conosciamo i vantaggi e a cosa serve ISO 14001, bisognerà capire quali sono i costi e gli investimenti iniziali da sostenere. Diciamo innanzitutto che non è possibile fornire delle stime numeriche precise in termini di spesa.

Ottenere una certificazione ISO richiede infatti un iter che può durare da alcuni mesi fino ai 2 anni o più, a seconda della grandezza e della complessità dell’azienda. E il costo della certificazione può includere una lunga lista di elementi, come la richiesta della consulenza, l’assistenza per l’implementazione di un efficace sistema di gestione ambientale, il costo della verifica e altri fattori.

In più, a incidere sulle spese potrebbero essere anche la grandezza dell’azienda, i costi relativi alla formazione del personale, la tipologia di sistemi da verificare o eventuali costi relativi a spostamenti e trasferte. In linea generale, potremmo dire che la spesa da sostenere può andare dai 3000 euro per le aziende più piccole, fino a oltre i 30.000 euro per le aziende più grandi e articolate.

A ciò bisognerà aggiungere anche i costi relativi al mantenimento degli standard di qualità e sostenibilità previsti dalla norma, che possono comportare ulteriori spese non indifferenti.

I vantaggi da considerare

L’iter per riuscire a ottenere la certificazione ambientale ISO 14001 o altre attestazioni di sostenibilità è senza dubbio lungo, e richiede impegno e investimenti iniziali certamente non indifferenti.

Com’è facile immaginare, questo potrebbe generare non pochi dubbi e incertezze. Sebbene le cifre possano sembrare effettivamente elevate, non bisogna trascurare il rovescio della medaglia, ovvero i potenziali vantaggi che questa o altre certificazioni possono offrire.

Alcuni di questi li abbiamo già visti poco più in alto.

Attestare che la propria azienda si preoccupa di non pesare troppo sul pianeta e che vuole ridurre il proprio impatto sull’ambiente vuol dire fare qualcosa di concreto per tutelare il nostro mondo. Inoltre, dotarsi di un’apposita certificazione di sostenibilità può aiutarti a conquistare la fiducia di clienti, consumatori e investitori che hanno a cuore queste tematiche e che desiderano fare la differenza compiendo delle scelte consapevoli.

Ciò può rivelarsi molto vantaggioso sotto diversi punti di vista, specialmente in un momento storico, sociale ed economico come quello che stiamo vivendo, in cui il tema della sostenibilità ambientale e della salvaguardia del Pianeta rappresenta un argomento di cruciale importanza.

Infine, ricordiamo che i costi iniziali potrebbero essere facilmente ammortizzati grazie a una migliore gestione delle risorse, che a sua volta comporterebbe un minore spreco di acqua, risorse e di energia, con un conseguente risparmio sui costi.

Fonti

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Lavaggio a basse temperature: come impostare la lavatrice e risparmiare energia
Risparmio

Vuoi passare al lavaggio in lavatrice a basse temperature? Per farlo, bisogna prima capire quali vestiti si possono lavare in acqua fredda, e utilizzare alcuni ingredienti naturali per rendere il lavaggio davvero efficace. Dal bicarbonato alla soda da bucato, ecco come eliminare i batteri dai vestiti anche con un lavaggio a basse temperature.