Greenstyle Benessere Salute Gengive ritirate e sanguinanti: cause, cosa fare e ricrescita

Gengive ritirate e sanguinanti: cause, cosa fare e ricrescita

Gengive ritirate e sanguinanti: cause, cosa fare e ricrescita

Fonte immagine: Pxhere

Può capitare di notare una evidente retrazione delle gengive che sembrano ritirarsi verso la radice, lasciando scoperta la parte superiore del dente. Non è certamente un segnale da sottovalutare, soprattutto se accompagnato da sanguinamento gengivale mentre si spazzolano i denti o anche mentre si mastica.

Di cosa si tratta? In presenza di gengive ritirate il consiglio è sempre quello di prenotare tempestivamente una visita di controllo dal proprio dentista di fiducia, il quale potrà verificare lo stato di salute della bocca in generale. È fondamentale non rimandare il controllo anche in assenza di altri sintomi o fastidi, infatti la retrazione gengivale potrebbe progredire portando anche alla perdita del dente.

Cause e sintomi

Spazzolino da denti

Dietro una recessione gengivale possono nascondersi diverse problematiche:

  • rotazione di alcuni denti;
  • gengive molto sottili;
  • spazzolamento troppo energico;
  • uso scorretto del filo interdentale;
  • scarsa igiene orale con la conseguente formazione di placca batterica e tartaro;
  • malocclusione dentale;
  • bruxismo;
  • carenze vitaminiche;
  • fumo;
  • disturbi alimentari, come la bulimia.

Chi soffre di retrazione gengivale può avvertire una maggiore sensibilità al freddo o al caldo, in quanto il colletto dentale è scoperto. È possibile, inoltre, notare una certa discromia e un ingiallimento della radice che non è ricoperta da smalto come il resto della superficie dentale, così come andare incontro alla formazione di carie che riguardano nello specifico la radice dentale. Il sanguinamento è una conseguenza dell’infiammazione gengivale e può essere accompagnato da gonfiore e arrossamento: a tal proposito è importante distinguere tra una semplice gengivite, condizione reversibile e temporanea, e una vera e propria parodontite che può essere definita come un’infezione batterica dei tessuti e dell’osso alveolare che servono per sostenere il dente. Spesso, infine, chi presenta gengive retratte soffre anche di alitosi.

Rimedi e ricrescita

Dentista

Rimediare alla retrazione gengivale può non essere un procedimento facile e veloce, infatti molto dipende dal livello di retrazione e dalla causa scatenante. È fondamentale effettuare un’igiene orale scrupolosa, eliminando la placca e programmando sedute di detartrasi regolari. In via preventiva, inoltre, è indispensabile rispettare alcune regole base:

  • usare uno spazzolino a setole medie procedendo dalla gengiva verso il dente, e non viceversa;
  • adoperare regolarmente filo interdentale ed eventualmente scovolini negli spazi tra dente e dente, procedendo con delicatezza;
  • sottoporsi a una seduta di igiene orale a cadenza semestrale;
  • limitare il consumo di zuccheri;
  • evitare fumo, alcol e limitare il consumo di cibi e bevande acide;
  • consumare alimenti ricchi di vitamine.

Per far ricrescere la gengiva, in casi particolarmente gravi, potrebbe essere necessario sottoporsi a un intervento di chirurgia che prevede un innesto di tessuto molle. È anche possibile favorire la salute delle gengive utilizzando alcuni rimedi naturali che sfiammano e tonificano:

  • usare un dentifricio che contiene tea tree oil, ottimo per tonificare e placare il sanguinamento;
  • massaggiare le gengive con aloe vera in gel;
  • massaggiare delicatamente le gengive con un composto realizzato unendo una punta di curcuma in polvere diluita in acqua;
  • effettuare risciacqui utilizzando un collutorio al timo, da preparare semplicemente realizzando una tisana a base di foglie secche di questa pianta lasciata intiepidire.

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Placche alla gola: i rimedi naturali
Rimedi naturali

Le placche in gola sono dovute a un’infezione virale o batterica: vediamo quali sono i rimedi naturali utili per tenere sotto controllo i sintomi.