Ecomoda: OVS, cotone 100% sostenibile entro il 2020

Ecomoda: OVS, cotone 100% sostenibile entro il 2020

Solo cotone 100% sostenibile per OVS a partire dal 2020, novità per l'ambiente anche per quanto riguarda nylon, poliestere e il recupero della plastica.

OVS punta sull’ecomoda e utilizzerà dal 2020 soltanto cotone sostenibile. Il gruppo ha annunciato che dall’anno prossimo il tessuto impiegato ad esempio per la realizzazione di magliette e di altri capi delle proprie collezioni proverrà unicamente da coltivazioni BCI o da cotone riciclato. Un obiettivo importante che permetterà tra l’altro di risparmiare 14 miliardi di litri d’acqua, oltre a evitare l’emissione di 6000 tonnellate di CO2 e l’utilizzo di 15 tonnellate di pesticidi.

Innovazione e sostenibilità al centro del nuovo progetto di OVS, che già nel 2018 ha fatto ricorso per il 70% a cotone riciclato ed è stata la prima azienda italiana a sostenere BCI (Better Cotton Initiative). L’impegno del gruppo ha portato all’inserimento nel “Better Cotton Leader Board“, dove figurano le 15 “realtà più virtuose al mondo” tra le oltre 100 associate, grazie al contributo offerto in relazione all’acquisto di materiali da coltivazioni più sostenibili.

Non solo cotone nel futuro sostenibile di OVS. Già dalla collezione Primavera/Estate 2020 il gruppo porterà avanti ulteriori progetti per ridurre il proprio impatto ambientale anche per quanto riguarda materiali come la viscosa, che proverrà da cellulosa certificata FSC. Nylon e poliestere utilizzati per le proprie linee avranno come provenienza materie prime seconde ottenute dal recupero della plastica.

Le operazioni sopracitate vanno a segnare un ulteriore passo avanti per OVS e il suo programma #wecare, avviato nel 2016 e rivolto a tutte le dimensioni aziendali (negozi, prodotti, personale). Grazie a questa serie di iniziative il gruppo punta a una transizione effettiva ed efficace verso l’economia circolare e un business che tuteli il futuro della Terra.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Seeds&Chips: intervista a Renzo Pedretti – Corteva Agriscience