Greenstyle Ambiente Animali Quali sono le conseguenze dell’estinzione delle specie animali?

Quali sono le conseguenze dell’estinzione delle specie animali?

Vi siete mai chiesti quali sono le conseguenze dell'estinzione delle specie animali? Si va ben oltre la perdita della biodiversità. Se alcuni animali si estinguessero del tutti, a rischio sarebbe anche l'essere umano. Vedi cosa succede, per esempio, se le api dovessero sparire dal mondo

Quali sono le conseguenze dell’estinzione delle specie animali?

Vi siete mai chiesti quali sono le conseguenze dell’estinzione delle specie animali? Perché l’estinzione del rinoceronte o dell’orso bianco può sembrare qualcosa di molto distante da noi. Ma non è così: quando una specie muore e scompare per sempre, tutto l’ecosistema soffre fino ad arrivare anche a noi. È quello che succederebbe se le api sparissero dalla Terra: non potendo più impollinare fiori e piante, decreterebbero la morte di queste piante con conseguente morte degli animali che se ne nutrono. Incluso l’uomo.

Conseguenze dell’estinzione delle specie animali: ecco quali sono

conseguenze estinzione specie animali, api

Le conseguenze dell’estinzione delle specie animali possono avere un impatto ambientale, sanitario, economico e sociale. Ecco alcuni esempi:

  • perdita della biodiversità (per approfondire la questione, vi rimandiamo al nostro articolo in merito)
  • perdita dell’equilibrio ecologico (che non è detto che riesca a ristabilirsi in maniera soddisfacente neanche quando altre specie cercano di coprire il vuoto lasciato dalla specie estinta): pensiamo a un ecosistema nel quale un grande predatore si estingue. Si avrebbe come conseguenza una crescita incontrollata degli erbivori, con eccessivo sfruttamento delle risorse alimentari e rischio di perdita di specie di piante. Questo comporta un maggior rischio di frane, slavine e incendi. La sovrappopolazione delle specie erbivore, poi, si traduce anche in maggiori rischi sanitari. Si parla quindi di estinzione a cascata con distruzione della catena alimentare
  • danneggiamento dell’ecosistema: pensiamo alla distruzione della barriera corallina. In essa sopravvive un intero habitat che qui trova riparo e cibo. Ma se distruggiamo la barriera corallina, ecco che tutte queste forme di vita perderebbero in un solo colpo protezione e risorse, finendo con lo scomparire. E pensiamo ad animali che viaggiano per km e km trasportando magari accidentalmente con sé semi che vanno poi a crescere altrove. Perdendo queste specie animali, ne risentirebbe anche la flora
  • perdita di habitat: solitamente quando una specie scompare, l’habitat si modifica, impoverendosi sempre di più
  • maggior inquinamento
  • aumento delle malattie: la pandemia da Covid-19 non ci ha insegnato nulla sul fatto di vendere carni di specie selvatiche, magari protette, nei mercati?
  • maggior antropizzazione, con perdita di ricchezze e risorse naturali da parte di quelle popolazioni che basavano la loro economica e il loro stile di vita su quegli animali estinti

Cosa vuol dire che un animale è in via d’estinzione?

Avevamo già parlato qui del significato di “animali in via d’estinzione”. L’IUCN ha stabilito di classificare le specie in pericolo suddividendole in otto categorie, di cui cinque sono quelle di cui ci occupiamo:

  • Estinto: specie estinta quando è praticamente certo che l’ultimo esemplare sia morto
  • Estinto in natura: la specie non esiste più in natura, ma ne sopravvivono esemplari in cattività
  • In pericolo critico: deve soddisfare almeno un criterio fra riduzione dell’80% della specie, popolazione inferiore a 100 individui adulti o probabilità di estinzione del 50% entro tre generazioni
  • In pericolo: deve soddisfare almeno un criterio fra riduzione del 55-79% della specie, popolazione inferiore a 1.000 individui adulti o probabilità di estinzione del 20% entro le prossime cinque generazioni
  • Vulnerabile: deve soddisfare almeno un criterio fra riduzione del 25-54% della specie, popolazione inferiore a 2.500 individui adulti o prbabilità di estinzione del 10% entro i prossimi cento anni

Quali sono gli animali in via d’estinzione?

tigre cuccioli

Purtroppo sono tantissimi gli animali in via d’estinzione in Italia, in Europa e nel mondo. Anzi: nella sola Europa si teme ormai per un quinto delle specie.

Lo sappiamo che vorreste una top 10 degli animali in via d’estinzione, ma visto che sono più di dieci, ecco che qui vi mettiamo un elenco delle specie più note a rischio di estinzione, così come anche sottolineato dal WWF:

  • Rinoceronte (nero, di Sumatra, di Giava)
  • Orso bruno marsicano
  • Tartaruga embricata
  • Lucertola delle EolieGrifone del Bengala
  • Condor della California
  • Axolotl
  • Geotritone del Supramonte
  • Stoione

Queste invece sono alcune specie in pericolo:

  • Panda rosso
  • Tigre
  • Scimpanzè
  • Elefante asiatico
  • Balenottera azzurra
  • Tartaruga verde
  • Pinguino delle Galapagos
  • Aquila delle steppe
  • Sula di Abbott
  • Geotritone italico
  • Proteo
  • Squalo balena

Ed infine alcune specie vulnerabili:

  • Ghepardo
  • Leone
  • Leopardo delle nevi
  • Panda gigante
  • Caretta caretta
  • Tartaruga gigante delle Galapagos
  • Coccodrillo americano
  • Coccodrillo palustre
  • Tartaruga liuto
  • Kiwi bruno
  • Aquila imperiale
  • Rana muscosa
  • Squalo bianco
  • Squalo toro

Se volete una distinzione per territorio, invece, sempre fra i nomi più famosi abbiamo:

  • Europa: volpe artica, foca monaca e balena franca
  • America: armadillo, condor della California e amazzone guance verdi
  • Asia: tigri, panda e tartaruga stellata birmana
  • Africa: elefante, rinoceronte e asino selvatico africano
  • Oceania: dingo, koala e diavolo della Tasmania
  • Artide e Antartide: orso polare, pinguino imperatore e beluga

Fonti:

  1. WWF Italia
  2. Wikipedia
  3. National Institute of Health

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare