Greenstyle Ambiente Animali Cosa fare per salvaguardare gli animali, 5 comportamenti etici

Cosa fare per salvaguardare gli animali, 5 comportamenti etici

Cosa fare per salvaguardare gli animali? Beh, ci sono alcuni comportamenti etici che possiamo cominciare ad adottare per aiutarli. Perché tutelare gli animali vuol anche dire tutelare l'ambiente, la Terra e la nostra sopravvivenza

Cosa fare per salvaguardare gli animali, 5 comportamenti etici

Non solo cosa fare per salvare gli animali in via di estinzione, ma anche cosa fare per salvaguardare gli animali in generale. Questo perché si parla spesso di salvare gli animali in via d’estinzione, delle conseguenze della perdita di biodiversità, ma bisogna anche ricordarsi che dobbiamo proteggere e aiutare tutti gli animali, magari anche quelli del vicinato.

È molto bello e nobile voler salvare i leoni in Africa o proteggere i cetacei, ma è altrettanto importante prendersi cura dei gatti del quartiere, aiutare a cercare di recuperare cani e altri animali domestici smarriti, aiutare i volontari dei canili e delle colonie e via dicendo.

Ecco dunque cinque cose che possiamo cominciare a fare per salvaguardare gli animali, tutti gli animali, nessuno escluso.

1. Cosa fare per salvaguardare gli animali: mangiare meno carne

pecore

Possiamo cominciare con il mangiare meno carne, soprattutto se derivante da allevamenti intensivi. Non vuol dire necessariamente diventare vegetariani o vegani, ma ridurre la frequenza con cui consumiamo la carne.

Se questo non fosse possibile, potremmo tentare la strada delle alternative alla carne vera. Si parla di carne vegetale, ma anche di carne coltivata in laboratorio. Questo fermo restando che, purtroppo, l’Italia è assai miope a tal proposito, vietando a priori sia la produzione che il commercio di questa tipologia di carne.

Il che è un peccato: se cominciassimo a studiarla, potremmo affiancarla a quella vera, risolvendo così in un sol colpo i problemi della sostenibilità alimentare di una dieta basata sulla carne e quella del benessere animale.

2. Evitare gli allevamenti intensivi

Direttamente collegato al punto di cui sopra, cerchiamo di evitare carne, uova, latte e derivati che arrivino da allevamenti intensivi. Si parla spesso di benessere animale, di come migliorare il benessere degli animali d’allevamento, ma questo non può ovviamente essere fatto nei grandi allevamenti industriali.

3. Non comprare capi di abbigliamento con parti animali

Asia, l'orrore degli allevamenti: volpi scuoiate vive per le pellicce
Fonte: Istock

Possiamo anche cominciare a non comprare più capi d’abbigliamento contenenti parti animali, con particolare riferimento alle pellicce. Esistono le pellicce sintetiche se proprio ne si vuole sfoggiare una.

Per quanto riguarda le giacche o gli indumenti di cuoio, beh, possiamo optare per l’ecopelle o la pelle vegana, decisamente più protettive per quanto riguarda gli animali.

Idem dicasi per accessori come borse, cinture e scarpe: avete davvero bisogno di avere una cintura di cuoio o di una borsetta di pelle di serpente?

4. Lanciare bombe di semi per attirare gli insetti impollinatori

Possiamo aiutare anche gli insetti impollinatori. Certo, se avete la fobia di api e affini, ve lo sconsigliamo. Ma se questi insetti non destano in voi alcuna preoccupazione, potreste cercare di agevolarne il lavoro lanciando delle bombe di semi per attirarli nel vostro giardino.

Potreste anche piantare in giardino, nell’orto o sul balcone fiori ricchi di polline. Così facendo le aiuterete a raccoglierne in maniera più facile e produttiva. Un’altra cosa che potete fare per loro è lasciare dei piccoli contenitori bassi pieni d’acqua, in modo che possano bere.

5. Costruire rifugi per animali

Fonte: Pixabay

Volete salvaguardare gli animali? Costruite nel vostro giardino dei rifugi su misura per ricci, scoiattoli, pipistrelli e volatili di vario tipo e genere. Nel caso di volatili e pipistrelli, poi, potete allestire tali casette anche sul balcone. In questo modo li aiuterete a sopportare il freddo dell’inverno. E se in queste casette e rifugi metterete del cibo, vi saranno doppiamente grati, specie d’inverno quando le risorse alimentari scarseggiano.

Sempre a questo proposito, evita di lasciare in giro rifiuti soprattutto di plastica in cui gli animali possono rimanere intrappolati o che possono ingerire.

Fonti:

  1. Greenpeace
  2. WWF Italia
  3. Animal Welfare Institute

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Allergie respiratorie e cambiamenti climatici: c’è un collegamento?
Cambiamenti Climatici

Quali sono le possibili conseguenze del riscaldamento globale per le persone allergiche? Studi hanno rilevato l’esistenza di un chiaro collegamento tra allergie respiratorie e cambiamenti climatici. Per arginare il problema, la strada da percorrere è quella che ci porta verso un mondo più verde, ma non solo.