Greenstyle Benessere Rimedi naturali Come espellere il catarro in modo naturale

Come espellere il catarro in modo naturale

Se parliamo di catarro, anche detto espettorato in gergo medico, il riferimento va ad una speciale secrezione. Di solito, infatti, durante alcuni processi patologici a carico delle vie aeree, queste producono catarro. In commercio esistono degli ottimi espettoranti chimici, ma anche dei rimedi naturali efficaci e meno invasivi dei farmaci, da provare se il medico ce lo consente.

Come espellere il catarro in modo naturale

Fonte immagine: iStock

Se ci stiamo domandando come espellere il catarro in modo naturale, è probabile che stiamo vivendo una condizione di infiammazione delle vie respiratorie. Di fatti, allergie stagionali, raffreddori, infreddature e influenze sono la causa di questo problema comune. Ma non sempre l’uso dei farmaci è consigliato per risolverlo.

Il catarro, in gergo medico definito espettorato, è una sostanza che viene secreta dalle vie aeree in alcuni tipi di condizioni patologiche. Si differenzia dal semplice muco per una maggiore consistenza e talvolta anche un odore pungente, segno di infezioni e infiammazioni.

Di fatto il catarro è un ristagno eccessivo di muco nelle vie aeree, che si associa spesso a quei classici fastidi del naso che cola e della tosse grassa. Il corpo, grazie a questo sistema, cerca di espellere le sostanze infiammanti, tentando di intrappolarle in questa materia densa, che va espulsa quanto prima.

Il rimedio farmacologico più adoperato per favorire l’espulsione del catarro sono i fluidificanti chimici, dei rimedi da banco che aiutano a liberarci dagli attrassi di muco. Se però il medico concorda, possiamo invece tentare la via dei metodi naturali, che permettono di ridurre l’assunzione dei medicinali.

Rimedi naturali catarro
Fonte: iStock

Catarro: rimedi naturali

I metodi per espellere il catarro in modo naturale devono partire dalla cura di alcune abitudini, ma anche dal rendere gli ambienti confortevoli. Di fatti, stanze prive di polvere o allergeni, già possono velocizzare il processo di guarigione in caso di allergie. Ma anche l’impiego di umidificatori d’aria può favorire il benessere delle vie respiratorie.

Se vogliamo guarire più in fretta, dovremo anche variare lo stile di vita però, a partire dal consumo di caffeina, alcol e cibi che favoriscono il reflusso gastrico, ma anche eliminare il fumo dalla routine quotidiana. Si tratta infatti di elementi che possono peggiorare la nostra condizione, o almeno rallentare la sua risoluzione.

Zenzero e miele

Lo zenzero è una spezia dal sentore piccante, utile in caso di raffreddori e accumuli di muco, il miele è invece uno dei migliori antibatterici naturali in circolazione. Un ottimo metodo per ridurre il catarro e guarire le vie respiratorie infiammate, consiste nello scaldare poco due cucchiai di miele e aggiungere mezzo cucchiaino di zenzero grattugiato.

Il rimedio aiuta se abbiamo catarro associato a tosse grassa e infreddature, in quanto aiuta a espettorare, ma anche a lenire la gola infiammata. Da ricordare, il miele va scaldato appena, ma non in modo eccessivo, o si rischia una riduzione della sua efficacia.

Gargarismi con acqua salata

Se abbiamo la gola irritata e vogliamo liberarci dal catarro del cavo orale, i classici gargarismi con acqua salata sono un rimedio della nonna da provare. Ci basta mescolare un cucchiaio di sale da cucina in un bicchiere d’acqua naturale. Si procede a gargarizzare tre volte al giorno a bocca pulita, senza bere la soluzione.

Curcuma

La curcuma, come il già citato zenzero, è una spezia considerata un vero e proprio tonico ricostituente in caso di stati influenzali. Se associata ad una tisana calda, in cui avremo aggiunto due cucchiai di latte vegetale e un cucchiaino di miele grezzo, ci aiuterà a ritemprarci e ad espellere il catarro in modo naturale.

Olio di eucalipto

Che sia in un vaporizzatore, o nella tinozza calda per un suffumigio, l’olio di eucalipto è un prezioso alleato del benessere delle nostre vie respiratorie. Ci aiuta infatti a ridurre il muco in eccesso, ma favorisce anche una migliore respirazione grazie al suo potere balsamico.

Timo ed edera

In erboristeria possiamo anche farci consigliare dei rimedi a base di timo ed edera in tintura madre, in grado di aiutare a ridurre catarro e spasmi bronchiali. Si tratta infatti di piante in grado di favorire l’espulsione delle secrezioni. In questo modo renderemo più veloce la guarigione.

Bere più acqua

Il rimedio migliore per tonificare la gola irritata, ma anche favorire l’eliminazione del catarro, è di aumentare il consumo di liquidi. In poche parole, bere più acqua ci aiuta a tornare in forma più in fretta. Di fatti, mantenersi idratati non è solo un modo per aiutare il corpo a stare in salute, ma anche per eliminare le tossine accumulate.

Se beviamo più acqua o altri liquidi non irritanti, ci stiamo aiutando nel recupero, in quanto riduciamo lo spessore del muco e favoriamo il drenaggio dei seni nasali. Ma se non ci piace l’idea di assumere l’acqua, una tisana tiepida all’echinacea o alla menta, da sorseggiare ogni tanto, ci può dare una mano a tornare in forma.

 

Fonti

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Quali sono gli oli antirughe naturali più efficaci
Bellezza

Sono tanti gli oli essenziali antirughe che funzionano e che sono efficaci, per una pelle del viso visibilmente più giovane, tonificata, morbida, rimpolpata. Oltre agli oli essenziali di argan, di rosa mosqueta, di mandorle, solo per citare i più potenti, dobbiamo anche prestare attenzione all’alimentazione, mangiando alimenti ricchi di vitamine C ed E e bevendo molta acqua. Utili anche massaggi e tecniche come lo yoga facciale per ritrovare la giovinezza della pelle.