Greenstyle Benessere Bellezza Collagene: a cosa serve e quando assumere un integratore

Collagene: a cosa serve e quando assumere un integratore

Collagene: a cosa serve e quando assumere un integratore

Fonte immagine: Pixabay

Il collagene, anche detto “collageno”, è un tipo di proteina, la più abbondante presente nel tessuto connettivo del nostro corpo. La ragione di tale abbondanza è semplice: questa proteina, detta strutturale, si trova in cartilagini, ossa, muscoli e, in generale, in tutti i tessuti connettivi del corpo, inclusa la nostra pelle.

Di certo avrai già sentito parlare di creme con collagene che promettono di donare più elasticità e idratazione al viso, rendendo la pelle più giovane di giorno in giorno. In realtà, devi sapere che esistono 28 diversi tipi di collagene, di cui quello di tipo I copre il 90% della quantità presente nel nostro organismo.

Nei prodotti per la cura del corpo, spesso questa proteina è abbinata anche ad altre sostanze benefiche. Avrai di certo trovato e provato creme con collagene e acido ialuronico, con elastina (che fornisce elasticità ai tessuti), Vitamina A, Vitamina C (necessaria per la sintesi di questa proteina), antociani o altre sostanze di origine vegetale, capaci di levigare la pelle e farle fare un tuffo nella fontana dell’eterna giovinezza.

Ma a conti fatti, quali sono i benefici del collagene per il viso e per il corpo? Ed esistono altri utilizzi di questa proteina? Rispondiamo a tutte le domande in proposito, vediamo a cosa serve e quando e se è il caso di assumere un integratore.

A cosa serve assumere collagene?

Fonte: Pixabay

In commercio esistono un’infinità di tipi di integratori, fra i quali rientrano anche quelli a base di collagene. Oltre che per la cura della pelle, questi prodotti vengono usati anche per il trattamento di alcune condizioni mediche, per rigenerare la cartilagine e ridurre le infiammazioni.

Tecnicamente, gli integratori di collagene servono a:

  • Mantenere la pelle giovane ed elastica
  • Supportare la salute e il funzionamento delle articolazioni e la resistenza di tendini e legamenti, collagene di tipo II
  • Favorire la produzione di cartilagine
  • Contrastare la perdita di idratazione della pelle
  • Migliorare la salute delle ossa, aumentando la densità minerale ossea
  • Alleviare i dolori articolari
  • Rinforzare e rendere più elastici i tessuti cutanei.

Oltre che per gli effetti benefici in ambito medico, il collagene è dunque divenuto sempre più popolare per i presunti effetti che questa proteina può esercitare per la pelle.

Perché la pelle perde elasticità?

Abbiamo visto che il collagene è la proteina presente in maggior misura nel nostro corpo. Ciò riguarda anche la pelle. Con l’avanzare dell’età, la quantità di questa proteina, così come la sua produzione, tende però a ridursi in modo fisiologico, causando il tanto temuto invecchiamento cutaneo, il rilassamento della pelle e la comparsa delle prime rughe.

Alla naturale perdita di collagene concorrono anche altri fattori, come il vizio del fumo, un’esposizione eccessiva ai raggi del sole, un consumo eccessivo di alcol e persino la mancanza di sonno e lo stress.

Ed è così che, da fitta rete di fibre, il collagene localizzato negli strati più profondi della pelle, inizia ad apparire come un reticolo disorganizzato.

Allo stesso modo, anche il collagene presente nel sistema scheletrico tende a deteriorarsi con l’avanzare dell’età, andando a influenzare negativamente la salute delle ossa.

Creme e integratori di collageno

Fonte: Pixabay

È per questa ragione che, specialmente nei tempi più recenti, si è assistito alla comparsa di creme e prodotti contenenti questa sostanza, da applicare sul viso o da assumere per via orale, allo scopo di rendere la pelle più giovane ed elastica e migliorare in generale la salute del corpo.

Ma le creme con collagene sono davvero utili per invertire i segni dell’invecchiamento? Considerato che la proteina dovrebbe raggiungere gli strati più profondi della pelle, attualmente si ritiene che, in realtà, i maggiori effetti possano essere ottenuti mediante l’assunzione di integratori, disponibili sotto forma di capsule, di collagene da bere o in polvere. Il collagene infatti non si trova negli strati cutanei superficiali.

Quello impiegato in questi prodotti è collagene idrolizzato, vale a dire scomposto mediante un processo chiamato idrolisi in peptidi più piccoli, maggiormente assorbibili attraverso la pelle o digeribili dal corpo.

Gli integratori alimentari, inoltre, possono includere anche altri  ingredienti utili come aminoacidi, vitamina C o zinco, capaci di stimolare la produzione di questa proteina o inibirne la degradazione.

Naturalmente, qualunque sia il motivo per cui stai valutando di assumere questi integratori, ti consigliamo di chiedere consiglio al medico curante, in modo da evitare possibili reazioni legate a ipersensibilità e conoscerne tutte le controindicazioni.

Collagene marino e collagene vegetale

Come vedremo, il collagene si trova in buona parte nella carne e nel pollame. Tuttavia, in commercio è possibile trovarne anche delle versioni vegetali, oltre a quelle derivate da alcuni pesci, collagene marino, come il salmone e il merluzzo.

Chi segue una dieta vegana o vegetariana, invece, potrà ricorrere al cosiddetto “collagene vegetale”, che a conti fatti non contiene la proteina vera e propria, disponibile solo nei prodotti di origine animale, ma piuttosto proteine, vitamine, come la già citata vitamina C e la vitamina D, antiossidanti, sali minerali e altre sostanze capaci di stimolare la naturale produzione di questa proteina.

Collagene negli alimenti

Gli integratori non sono la sola fonte esterna di collagene alla quale possiamo affidarci. In realtà anche molti alimenti – soprattutto carne e pesce – possono contenerne in buone quantità. Ma esattamente dove si trova il collagene nei cibi?

Alimenti contenenti collagene, o che ne favoriscono la produzione, includono:

  • Pesce e crostacei
  • Pelle del pollo
  • Carne
  • Uova
  • Frutta (arance, kiwi)
  • Peperoni
  • Cereali integrali.

Allo stato attuale, però, non sappiamo se consumare cibi contenenti questa proteina possa effettivamente giovare alla salute della pelle e delle articolazioni.

Ciò che sappiamo è che consumare troppa carne, l’alimento che ne contiene in maggiori quantità, non è consigliato, in quanto non è salutare per il corpo né per l’ambiente.

Si ritiene tuttavia che consumare cibi che favoriscono la produzione di collagene come la frutta e i cereali e condurre un sano stile di vita, possa rivelarsi senz’altro benefico.

Collagene: controindicazioni

Collagene
Fonte: Pixabay

Quali sono le controindicazioni del collagene? Come sempre, quando parliamo di integratori alimentari, è importante evitare di ricorrere al fai da te.

Sebbene sia una proteina naturalmente presente nel nostro corpo, anche il collageno, se assunto in quantità eccessive, può comportare effetti indesiderati, inclusi disturbi allo stomaco, nausea e vomito.

In generale, se assunto alle dosi consigliate, il collagene non ha però particolari controindicazioni, a meno che non vi sia una sensibilità verso alcuni componenti presenti nel prodotto, come erbe o altri ingredienti.

È meglio evitarne il consumo in gravidanza o durante l’allattamento senza aver prima vagliato il parere del medico. In generale, se soffri di patologie o se stai seguendo una terapia farmacologica, ti consigliamo di leggere l’etichetta e di informarti in merito ai potenziali rischi e alle interazioni legate agli ingredienti contenuti nel prodotto.

 

Fonti

Seguici anche sui canali social