Greenstyle Sostenibilità Cos’è la certificazione EPEAT per valutare la sostenibilità della tecnologia

Cos’è la certificazione EPEAT per valutare la sostenibilità della tecnologia

La certificazione EPEAT è uno strumento che certifica la sostenibilità dei dispositivi tecnologici, e rappresenta un prezioso aiuto per i consumatori attenti alle necessità del Pianeta.

Cos’è la certificazione EPEAT per valutare la sostenibilità della tecnologia

Fonte immagine: iStock

Cosa si intende per certificazione EPEAT, e in che modo questa attestazione ci aiuta ad acquistare dei dispositivi sostenibili? Quando parliamo di sostenibilità ambientale, ci vengono subito in mente settori come quello della gestione dei rifiuti, quello dell’edilizia o magari anche il settore dei trasporti o quello della moda.

In realtà, però, l’approccio sostenibile dovrebbe essere applicato a qualsiasi aspetto della nostra vita, e ciò include anche l’acquisto di prodotti tecnologici, che dovrebbero avere un basso impatto sull’ambiente.

Ma come fare a capire quali sono i devices più green? Per aiutarci a scegliere i dispositivi migliori, giungono in nostro aiuto delle apposite certificazioni, una delle quali è proprio la certificazione EPEAT, acronimo che sta per “Electronic Product Environmental Assessment Tool” (Strumento di valutazione ambientale dei prodotti elettronici).

Cos’è la certificazione EPEAT?

In poche parole, la certificazione EPEAT è una sorta di marchio ecologico che intende fornire al consumatore delle informazioni in merito all’impatto ambientale di un determinato prodotto elettronico.

Un po’ come la EU-Ecolabel in altri settori, questo strumento può anche incentivare le aziende a realizzare prodotti che siano sempre più efficienti e all’altezza delle aspettative dei clienti più attenti alle problematiche ambientali.

Questa particolare eco-etichetta è gestita dall’organizzazione ambientale no-profit americana “Global Electronics Council” (o Green Electronics Council), e attualmente viene applicata a una lunga lista di dispositivi, come computer, schermi, cellulari e televisori.

Classificazione EPEAT

tecnologia sostenibile
Fonte: iStock

Ma in che modo vengono classificati i prodotti, e come si ottiene la certificazione EPEAT?

Per poter apporre questa particolare eco-etichetta, è necessario valutare le caratteristiche ambientali di un determinato prodotto durante tutto il suo ciclo di vita.

Ciò significa che bisognerà prendere in considerazione la scelta dei materiali, il consumo di energia durante la fase di realizzazione del prodotto, le modalità di estrazione dei materiali, l’emissione di gas inquinanti, il risparmio energetico e l’efficienza energetica, la longevità del dispositivo e le modalità di smaltimento una volta giunto al termine del suo ciclo di vita utile.

In base a una serie di criteri (alcuni obbligatori, altri opzionali), i dispositivi potranno ottenere un punteggio che corrisponderà a un livello EPEAT: Bronze, Silver e Gold. I prodotti certificati EPEAT sono raccolti in un registro online gratuito che i consumatori potranno consultare ogni qualvolta ne avranno bisogno.

Quali prodotti possono ottenere la certificazione EPEAT?

Attualmente sono migliaia i tipi di prodotti tecnologici che rispondono ai requisiti di sostenibilità ambientale EPEAT stabiliti dal Global Electronics Council, e che rientrano quindi nella lista stilata dall’ente. Fra questi possiamo annoverare:

  • Pc, computer e display
  • Schermi
  • Attrezzature video
  • Dispositivi informatici
  • Smartphone e cellulari
  • Televisori.

È importante ricordare che i produttori possono richiedere la certificazione in modo del tutto volontario, per dimostrare il proprio impegno nel limitare i cambiamenti climatici e preservare l’ambiente. Di conseguenza, non si tratta di un’etichetta obbligatoria, per cui non è sempre presente in tutti i dispositivi tecnologici.

Se desideri avere maggiori informazioni in merito alla certificazione EPEAT e ai criteri di assegnazione, o se hai bisogno di consultare la lista dei dispositivi più sostenibili e “green”, ti consigliamo di dare un’occhiata al sito ufficiale www.epeat.net.

Fonti

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Lavaggio a basse temperature: come impostare la lavatrice e risparmiare energia
Risparmio

Vuoi passare al lavaggio in lavatrice a basse temperature? Per farlo, bisogna prima capire quali vestiti si possono lavare in acqua fredda, e utilizzare alcuni ingredienti naturali per rendere il lavaggio davvero efficace. Dal bicarbonato alla soda da bucato, ecco come eliminare i batteri dai vestiti anche con un lavaggio a basse temperature.