Greenstyle Cani Smalandsstövare

Smalandsstövare

Lo Smalandsstövare è un cane segugio della Svezia, perfetto nella caccia a lepre e volpe: standard completo e carattere.

Smalandsstövare

Lo Smalandsstövare è una razza canina originaria della Svezia, esattamente dalla contea di Smaland culla, storicamente, di molti segugi sin dal XIX secolo. Sono riconosciuti e classificati dalla F.C.I. nel Gruppo 6, quello dei cani segugi e da pista di sangue.

Selezione e aspetto dello Smalandsstövare

Per arrivare alla creazione dell’attuale razza i segugi autoctoni furono incrociati con i locali cani da ferma di tipo spitz e cani da caccia inglesi, da queste selezioni nacque il progenitore dello Smalandsstövare, su questi esemplati si ricominciò poi a lavorare solo all’inizio del XX Secolo.

Delle due varietà che esistevano ed erano riconosciute si preferì quella a coda corta a posto di quella a coda lunga. Gli esemplari di questa razza canina sono di taglia media, si presentano con un aspetto robusto ed elegante al tempo stesso.

Presenta un pelo eccezionalmente lucido tipicamente di colore nero-focato, ma è ammesso anche il color ambra, su pettorina e dita sono ammesse macchie bianche purché di piccole dimensioni.

Carattere e impieghi dello Smalandsstövare

Dal punto di vista caratteriale lo Smalandsstövare risulta essere molto vigile e attento quando è sul campo, dolce e affettuoso con il padrone e coloro che lo accudiscono.

Eccelle nell’attività venatoria, in particolare è perfetto per la caccia alla lepre e alla volpe, non è un cane da muta, dà il meglio di sé quando lavora per conto proprio.

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Parvovirosi nel cane: cause, sintomi, cure
Animali

La parvovirosi è una malattia infettiva e molto contagiosa del cane. Chiamata anche gastroenterite emorragica, colpisce soprattutto i cuccioli. Spesso il suo decorso è mortale. Il Parvovirus è molto resistente nell’ambiente. I sintomi sono quelli di una grave gastroenterite con vomito, diarrea emorragica, e disidratazione. Dopo aver fatto diagnosi differenziale col cimurro, si attua una cura sintomatica visto che non esiste una terapia specifica. Tuttavia esiste un vaccino.