Greenstyle Mobilità Auto Auto elettriche, meno costose di benzina e diesel dal 2027

Auto elettriche, meno costose di benzina e diesel dal 2027

Auto elettriche, meno costose di benzina e diesel dal 2027

Fonte immagine: Pixabay

Acquistare auto elettriche potrebbe diventare presto molto vantaggioso, poiché risulteranno più economiche rispetto agli attuali listini di motorizzazioni benzina e diesel. È quanto spiega il Guardian riportando un’analisi di BloombergNEF, relativa ai costi di produzione di queste vetture. Complice la progressiva diminuzione dei prezzi del litio, così come anche della standardizzazione di processi produttivi, dal 2027 sarà sempre più vantaggioso preferire un motore elettrico rispetto a uno classico.

Una notizia che alimenta di certo le speranze per la riduzione delle emissioni dovute al traffico, anche se sarà necessario lavorare su altri fronti. A partire dall’implementazione di un capillare network di colonnine, oggi il principale deterrente all’acquisto di auto elettriche.

Auto elettriche, prezzi in discesa

Il mercato delle auto elettriche è destinato a diventare sempre più economico, affinché l’acquisto di questa tipologia di vetture sia possibile per tutte le tasche. Escludendo incentivi e bonus offerti dai vari Paesi mondiali, oggi il prezzo medio di una vettura a batteria si attesta attorno ai 33.000 euro. Grazie alla diminuzione dei costi del litio e di produzione delle batterie, entro il 2026 la media potrebbe scendere attorno ai 19.000 e, nel 2030, sui 16.000 euro. Ovviamente, trattandosi di una media, si deve considerare come rimarranno veicoli sia al di sotto che al di sopra di questa soglia.

Il processo coinvolgerà prima i SUV e le berline, che risulteranno meno cari delle controparti a benzina e diesel già a partire dal 2026, mentre dal 2027 sarà il turno delle utilitarie e delle city-car.

Come già accennato, a incidere sarà soprattutto l’abbattimento dei costi per le batterie. Oggi la soglia considerata ottimale, e non ancora pienamente raggiunta a livello mondiale, è di circa 100 dollari per kWh. Grazie ai processi di ottimizzazione, un’estrazione più efficiente del litio e la standardizzazione su larga scala delle componenti, nel 2027 il costo medio sarà di circa 58 dollari per kWh, destinato a scendere sotto i 50 dollari entro il 2030.

Le previsioni raccolte da BloombergNEF risultano particolarmente incoraggianti. E sulla base di un simile scenario, Transport & Environment (T&E) sottolinea come vi siano le condizioni affinché l’Unione Europea possa vietare sul suo territorio le auto a benzina e diesel entro il 2035. I listini più bassi per le elettriche ne spingeranno l’adozione, insieme a un network efficiente di colonnine di ricarica e autonomie dichiarate sempre più generose.

Fonte: Guardian

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle