Greenstyle Ambiente Animali Animali estinti: quanto sono colpevoli gli esseri umani?

Animali estinti: quanto sono colpevoli gli esseri umani?

Chi sono i colpevoli per gli animali estinti? Beh, basta guardarci allo specchio per scoprirli: sono gli esseri umani. Basta fare 2 + 2: chi è responsabile dell'inquinamento? Dei gas serra? Dei cambiamenti climatici? Delle microplastiche? Dell'urbanizzazione? Della perdita di habitat e di risorse nutritive? Sempre lìuomo.

Animali estinti: quanto sono colpevoli gli esseri umani?

Beh, per scoprire chi siano i colpevoli di tutti questi animali estinti, andiamo semplicemente allo specchio: siamo noi. Non noi intesi come Manuela, Mario, Lucia, ma noi intesi come esseri umani. È vero, in passato i dinosauri si sono estinti in massa a causa, molto probabilmente, di un gigantesco meteorite che è precipitato sulla Terra, causando cambiamenti climatici tali da privare questi animali del clima e delle risorse naturali necessarie al loro sostentamento. Ma adesso sono gli esseri umani le cause di questa sesta estinzione di massa che sta procedendo sempre più speditamente.

A dirlo è un nuovo studio pubblicato da poco sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences (PNAS) e realizzato dal professor Gerardo Ceballos, dell’Universidad Nacional Autonoma de Mexico e da Paul R. Ehrlich, del Centro di Biologia della Conservazione dell’Università di Stanford.

Se gli animali sono estinti, i colpevoli siamo solo noi

animali estinti, mammut lanoso

Lo studio ha sottolineato non solo come gli animali si stiano estinguendo 35 volte più velocemente della media, ma anche che non si parla più solo dell’estinzione di singole specie animali, ma di interi generi che stanno scomparendo.

La ricerca in questione ha rivelato che, dal 1.500 a oggi, si sono estinti 73 gruppi di specie fra mammiferi, uccelli, rettili e anfibi. Con una netta accelerazione causata dall’antropizzazione. Se infatti i tassi di estinzione avessero seguito i ritmi pre-umanità, ecco che solamente due gruppi sarebbero scomparsi e non 73. Anzi: con quei ritmi, ci sarebbero voluti 18mila anni prima di arrivare alla scomparsa di 73 gruppi. Cosa che invece noi abbiamo fatto in solo mezzo secolo.

I due ricercatori hanno notato come i tassi di estinzione dei generi fossero i medesimi dei tassi delle singole specie (in realtà si erano aspettati valori inferiori). Fra l’estinzione di una specie e di un genere esiste una differenza abissale.

Quando una singola specie si estingue, altre specie arrivano a sostituirle nell’ecosistema. Queste specie “cugine” solitamente hanno in sé parte del materiale genetico della specie estinta, cosa che garantisce un certo mantenimento del potenziale evolutivo.

Ma quando ad estinguersi è un intero genere, ecco che tutto il materiale genetico scompare, annichilendo il potenziale evolutivo e riducendo drasticamente la biodiversità. E se continueremo su questa strada, entro la fine del secolo tutte le specie a rischio potrebbero estinguersi.

Parlando di generi che si sono ormai estinti, lo studio ha citato i seguenti:

  • Uccelli elefanti del Madagascar
  • Moa della Nuova Zelanda
  • Uccelli mangiatori di miele Moho delle Hawaii
  • Piccione migratore
  • Tigre della Tasmania
  • Delfini Baiji

Quali sono le conseguenze dell’estinzione?

Ma quali sono le conseguenze dell’estinzione degli animali? I due ricercatori rispondono anche a questa domanda:

  • perdita della biodiversità
  • aumento di trasmissione di determinate malattie (l’esempio fatto è quello della malattia di Lyme trasmessa dalle zecche. I principali serbatoi della malattia sono i topolini dalle zampe bianche, i quali competevano con i piccioni migratori per il cibo. Riducendosi, però i piccioni e riducendosi predatori come i lupi e i puma, ecco che i tpolini bianchi sono aumentati, incrementando così i casi di contagio di malattia di Lyme anche nell’uomo)
  • peggioramento della crisi climatica (che a sua volta, come un serpente che si morde la coda, alimenta l’estinzione degli animali)

Quali sono gli animali estinti più famosi?

animali estinti dodo

Animali estinti famosi

Fra gli animali estinti più famosi, quelli più noti, invece ricordiamo:

  • Tigre della Tasmania o tilacino
  • Quagga
  • Tigre di Giava
  • Lipote, un delfino del fiume Yangtze
  • Tigre con i denti a sciabola
  • Mammut lanoso
  • Rinoceronte bianco
  • Pesce spatola cinese
  • Foca monaca dei Caraibi
  • Grizzly della California
  • tutti i dinosauri

Animali estinti in Italia

Anche l’Italia ha le sue belle colpe. Fra gli animali estinti in Italia ricordiamo:

  • Albanella reale
  • Aquila di mare
  • Avvoltoio monaco
  • Falco pescatore
  • Francolino
  • Gipeto
  • Gobbo rugginoso
  • Gru
  • Monachella nera
  • Quaglia tridattila

Animali estinti da riportare in vita

Esistono poi degli animali estinti che la Long Now Foundation (e altre organizzazioni del genere) sarebbero interessate a riportare in vita. Un po’ come in Jurassic Park, basandosi su altre specie ancora esistenti similari (ma hanno promesso di lasciar stare i grandi dinosauri):

  • Dodo
  • Mammut
  • Anatra del Labrador
  • Rinoceronte lanoso
  • Gallina nordamericana
  • Tigre del Caspio
  • Uro
  • Parrocchetto dela Carolina
  • Ara rossa di Cuba
  • Picchio dal becco avorio
  • Picchio imperiale
  • Moa
  • Aepyornis
  • Stambecco dei Pirenei
  • Quagga
  • Lipote
  • Tilacino
  • Alce irlandese
  • Foca monaca dei Caraibi
  • Huia
  • Moho
  • Ritina di Steller
  • Piccione migratore
  • Rana a gestazione gastrica australiana
  • Alca impenne

Fonti:

  1. Proceedings of the National Academy of Sciences (PNAS)
  2. PubMed
  3. PubMed

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Olimpiadi invernali 2026, mascotte due ermellini: per salvare una specie potenzialmente a rischio
Animali

Due ermellini, Milo e Tina, sono le due mascotte ufficiali dei Giochi olimpici invernali di Milano Cortina 2026. Si tratta di due animali di cui si parla troppo poco, anche perché esistono pochi studi che li descrivono o che possano in qualche modo dare una stima della popolazione di questi carnivori sulle Alpi italiane. Animali potenzialmente a rischio di estinzione per i cambiamenti climatici, visto che vivono nei luoghi innevati e la neve è sempre meno.