Greenstyle Sostenibilità Consumi Quali sono gli alimenti a basso impatto ambientale?

Quali sono gli alimenti a basso impatto ambientale?

Sai qual è l'impatto ambientale degli alimenti che consumi ogni giorno? Scegliere alimenti a basso impatto ambientale è un modo intelligente per proteggere il nostro pianeta e vivere in modo più sostenibile. Ma quali saranno i cibi amici dell'ambiente?

Quali sono gli alimenti a basso impatto ambientale?

Fonte immagine: iStock

Quali sono gli alimenti a basso impatto ambientale da preferire per seguire una dieta davvero sostenibile? Spesso tendiamo a dimenticarlo, ma il cibo che portiamo in tavola tutti i giorni può influenzare fortemente i cambiamenti climatici e, più in generale, la salute del nostro pianeta.

Alcuni alimenti più di altri comportano un’impronta ambientale molto profonda, che può essere misurata prendendo in considerazione una serie di parametri, come i metodi di produzione, le emissioni di CO2, il consumo di risorse idriche e altri fattori.

Ma dunque quali sono i cibi ecologici e quali, invece, quelli che inquinano di più?

La risposta dipende da più fattori. Vediamo come determinare l’impatto ambientale di un alimento, quali cibi portare sulla nostra tavola “green” e quali dovremmo assumere con più moderazione.

Che cos’è e come si misura l’impatto ambientale degli alimenti?

verdure e ortaggi
Fonte: Pixabay

Conoscere l’impatto ambientale degli alimenti è essenziale per poter compiere delle scelte consapevoli ed eco-sostenibili quando facciamo la spesa.

Ma cosa si intende esattamente per “impatto ambientale” di un alimento? Come ogni altro settore esistente al mondo (si pensi ad esempio al settore energetico, a quello dell’edilizia o della moda), anche quello alimentare deve ridurre le emissioni di gas e sostanze inquinanti nell’atmosfera. Questo, però, è solo uno dei fattori che influiscono sull’impatto degli alimenti.

La deforestazione, l’utilizzo di imballaggi di plastica difficilmente riciclabili, lo spreco di risorse e di energie sono altri elementi che influenzano tale impatto.

Per orientarci meglio, prenderemo in considerazione 3 fattori differenti, vale a dire:

  • Water footprint: l’impronta idrica, ovvero quanta acqua dolce viene consumata (o inquinata) per produrre un determinato tipo di alimento.
  • Ecological footprint, o impronta ecologica: la quantità di terra o di mare occupate per la produzione.
  • Carbon footprint o impronta di carbonio, e cioè la quantità di gas serra e altri inquinanti emessi in atmosfera durante l’intero ciclo di vita del prodotto.

Com’è facile immaginare, l’impatto ambientale di un prodotto o di un alimento può variare significativamente in base al modo in cui questo viene realizzato.

Quali sono i cibi che inquinano di più?

Alla luce di quanto visto, dunque, quali sono gli alimenti con il maggior impatto ambientale?

Di certo tra le categorie che incidono maggiormente, sia sotto il profilo dell’impronta idrica che sotto quello dell’impronta ecologica e carbonica, rientrano gli alimenti di origine animale, a cominciare dalla carne rossa e dal pollame.

Queste categorie richiedono infatti un elevato impiego di acqua, diversamente dai cibi di origine vegetale, che ne richiedono in quantità minori.

Anche la quantità di suolo necessaria per gli allevamenti supera di gran lunga quella impiegata per le coltivazioni, e lo stesso vale per le emissioni di CO2.

Va da sé che per pesare meno sull’ambiente bisognerebbe ridurre il consumo di carne, pollame e di alimenti di origine animale. Per individuare i cibi più sostenibili, invece, potremmo fare riferimento alla piramide alimentare/ambientale proposta dal Barilla Center for Food & Nutrition (Bcfn).

La doppia piramide alimentare e ambientale

La piramide alimentare e ambientale rappresenta un utile strumento per valutare l’impronta dei cibi sull’ambiente. Questo strumento, ad opera del Barilla Center for Food & Nutrition (Bcfn), prende in considerazione l’impatto sull’ambiente dei cibi che si trovano nella classica piramide alimentare basata sulla dieta mediterranea.

Osservandoli, si è notato che proprio gli alimenti il cui consumo frequente è caldamente consigliato (come frutta, ortaggi, verdure e cereali) comportano il minore impatto ambientale, mentre gli alimenti da consumare con più moderazione (carne rossa, pollame e formaggi) esercitano un peso maggiore.

Oltre alla scelta dei cibi migliori, però, bisogna tenere in considerazione anche il modo in cui questi vengono prodotti, e prediligere alimenti che siano sia nutrienti che realizzati in modo eco-sostenibile, limitando il più possibile l’impatto sull’ambiente durante l’intero ciclo di vita (inclusa la fase di smaltimento dei rifiuti e degli imballaggi).

legumi
Fonte: Pixabay

5 alimenti a basso impatto ambientale

Ma rispondiamo adesso alla nostra domanda: quali sono gli alimenti che hanno un minor impatto ambientale? In linea generale, si tratta degli alimenti di origine vegetale, ovvero:

  1. Frutta e verdura
  2. Cereali integrali (riso, farro e avena)
  3. Prodotti a base vegetale (come tempeh, tofu e seitan)
  4. Frutta secca
  5. Legumi.

La coltivazione di questi alimenti, in special modo dei legumi, richiede infatti meno acqua e comporta minori emissioni carboniche rispetto a quella di altri cibi.

Bio è meglio

Per ridurre l’impatto sull’ambiente, sarebbe meglio optare per alimenti di agricoltura biologica, coltivati senza l’uso di pesticidi e fertilizzanti dannosi per il suolo e per l’ambiente, nel massimo rispetto della natura e degli animali.

Ridurre il consumo di carne

Al contempo, è consigliabile ridurre il consumo di carne rossa a non più di 2 porzioni da 70-100 g a settimana. Tieni a mente che, nell’industria alimentare, la carne rappresenta una delle più grandi cause di emissioni di gas serra inquinanti, responsabili del riscaldamento globale e dei cambiamenti climatici.

Se intendi acquistare carne o pesce, prediligi prodotti sostenibili, derivanti da animali allevati o pescati in modo responsabile.

Verdure locali e di stagione

Tornando alle verdure e agli alimenti di origine vegetale, invece, ti consigliamo di scegliere quelli di stagione, preferibilmente locali, e di evitare gli alimenti confezionati in imballaggi inutili e inquinanti.

Quale acqua scegliere?

Infine, occhio anche alla scelta dell’acqua: anche se di plastica riciclata o riciclabile, le bottiglie inquinano. Meglio usare una borraccia lavabile e bere l’acqua della fontana o del rubinetto, ove possibile, per ridurre ulteriormente il nostro impatto sul pianeta.

Fonti

Seguici anche sui canali social

Ti potrebbe interessare

Impianto geotermico: cos’è e come funziona
Consumi

Un impianto geotermico è un sistema che sfrutta il calore presente nel sottosuolo terrestre per produrre energia termica ed elettrica. La cosiddetta energia geotermica, una fonte rinnovabile e pulita costante nel tempo. Funziona sfruttando la differenza di temperatura tra la superficie terrestre e gli strati più profondi. E’ composto da una pompa di calore, un circuito esterno ed uno interno. Ma, nonostante consumi meno energia, ha costi iniziali elevati.